Dicembre 8, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Voge Scooter SR1 125 – Design italiano e stile Gran Turismo

Voge Scooter SR1 125 – Design italiano e stile Gran Turismo

Dopo che Voge ha fatto debuttare il motore 125cc con la nuda sportiva 125R, che ha attirato l’attenzione del segmento per tecnologia, design, prestazioni e prezzo, il marchio premium del gruppo Loncin continua la sua espansione con il nuovo SR1, uno scooter dal design italiano e stile Gran Turismo, adattato alla mobilità L’auto urbana di tutti i giorni, dalle dimensioni più compatte, molto ben equipaggiata e alimentata da un nuovo motore raffreddato a liquido da 11,56 CV, con sistema di sicurezza ABS a doppio canale e sistema di controllo della trazione TCS, ad alta definizione videocamera e un prezzo di lancio molto interessante.

Il 2023 è l’anno di espansione di Voge. Dopo aver conquistato il pubblico della A2 con la sua gamma di motociclette da 300, 350, 500 e 650 cc, nonché con lo scooter SR4 Max, grazie alla collaborazione con BMW, Voge concentra i suoi sforzi sul “otto litri ” spostamento, per raggiungere una fascia di patentati A1 (16-17 anni), e soprattutto, patentati auto (B), che trovano in moto e scooter 125 cc la strada per entrare automaticamente nel mondo delle due ruote.

Fonte: Prensa Unitron Motos

Pochi mesi fa abbiamo visto il debutto di Voge in questa cilindrata con la 125R: una vera vettura sportiva, costruita con la stessa cura e finiture che Voge mette nei suoi modelli di alta cilindrata, design italiano, con tecnologia applicata al motore (DOHC, 4 -valvola), raffreddamento a liquido, iniezione Bosch, 6 velocità, 15 CV), buone prestazioni e prezzo competitivo. La stessa formula che ne ha decretato il successo si applica ora al lancio del nuovo VOGE, l’SR1, che è il secondo scooter del marchio dopo l’SR4 e il secondo nella cilindrata 125c.

Voge voleva innanzitutto che la SR1 attirasse l’attenzione e, a tal fine, ha incaricato l’italiano Massimo Zaniboni, che ha progettato la 125R e la SR4, e il cui genio artistico ha realizzato quasi tutte le sue creazioni per vari marchi di successo. Per questa SR1, Zaniboni si è ispirato alle linee delle motociclette Gran Turismo d’avanguardia, comprimendone le dimensioni (1.320 mm di passo) per renderla più manovrabile per il commuting urbano quotidiano, senza perdere caratteristiche di stabilità in periferia di autostrade e superstrade. A questo proposito, vale la pena sottolineare la sua bassa altezza dal sedile al pavimento di 775 mm, che consentirà un buon accesso a tutte le stature e soprattutto alle donne, che apprezzeranno il suo peso leggero di 139 kg. Non solo l’altezza della sella di 775 mm consente l’appoggio di entrambi i piedi a terra per ciclisti di qualsiasi statura, ma è stata curata anche la posizione di guida con un doppio triangolo ergonomico (sella, manubrio e pedana poggiapiedi) che ne consente un utilizzo confortevole. , con la schiena dritta nella guida in città, e più rilassata nella guida su strada aperta, allungando le gambe e appoggiando i piedi sulle pedane inclinate e anteriori. È inoltre dotato di cavalletto centrale e laterale, quest’ultimo con stacca-elettricità, e di pedane posteriori a scomparsa.

READ  Vancouver Whitecaps e Toronto FC si contendono il titolo canadese su OneSoccer

Per quanto riguarda l’illuminazione, il design accattivante di Zaniboni è completato dalla tecnologia LED applicata a tutti i suoi elementi. Il faro anteriore ha un carattere sportivo, con la sua doppia ottica stretta e allungata, con guide luminose a forma di “L” sui lati esterno ed inferiore dell’ottica, che fungono da luci d’ingombro; Ogni ottica include due faretti LED, con anabbagliante all’interno e abbagliante all’esterno. Gli indicatori di direzione anteriori, costituiti da file di quattro diodi, sono posizionati verticalmente appena sotto il faro su entrambi i lati, lasciando spazio tra loro per una coppia di prese d’aria triangolari che ne sottolineano il carattere aggressivo e sportivo. Sopra il faro è presente un parabrezza trasparente che aiuta a proteggere il conducente dai movimenti dell’aria durante la guida, dal freddo e dalla pioggia.

Anche il gruppo ottico posteriore mostra la sua firma luminosa distintiva piena di freschezza. La luce di posizione si basa su una guida luminosa a forma di “T”, con la luce di stop distribuita più densamente su entrambi i lati della linea verticale a “T” e chiudendo il gruppo con una “L” per gli indicatori di direzione. Un buon dettaglio che contribuisce ad aumentare la sicurezza attiva di questo scooter è il sistema ESS, che ha debuttato sullo scooter SR4 e consiste nel far lampeggiare ad alta frequenza le luci stop in caso di frenata improvvisa di emergenza, per avvisare i veicoli che seguono la SR1 di la situazione pericolosa dello scooter.

Fonte: Prensa Unitron Motos

Anche la manovrabilità della bici è stata completamente sviluppata, con un telaio migliorato in termini di rigidità e compostezza, accompagnato da una serie di sistemi di sospensione in cui sono state adottate le ultime tecnologie, precedentemente applicate nello sviluppo della SR4 Max scooter. Per massimizzare il comfort di pilota e passeggero, mantenendo stabile lo scooter in curva. La forcella ha protezioni da 31 mm e una corsa di 93 mm, mentre la coppia di ammortizzatori utilizzati include una molla a doppio scorrimento e precarico regolabile, fornendo una corsa di 103 mm. Il tutto è accompagnato da una scelta di pneumatici “ruota media” dal diametro di 14 e 13 pollici, con sezione larga e bassa: rispettivamente 110/70 e 130/70. Entrambe le ruote sono accompagnate da freni a disco da 240 e 220 mm sugli assi anteriore e posteriore, con pinze flottanti e doppie e singole. L’impianto frenante prevede un modulatore ABS indipendente a doppio canale e, a complemento della dotazione elettronica di sicurezza, un sistema di controllo di trazione TCS che impedisce alla ruota posteriore di perdere aderenza su fondi a bassa aderenza, sia in partenza che in curva, agendo sul motore. erogazione della coppia.

READ  Il Tour de France porta Santini come fornitore della maglia gialla

I meccanismi dell’SR1 sono stati sottoposti a un ampio sviluppo, con lunghi test dinamici in cui ciascun prototipo ha percorso più di 60.000 chilometri, nonché test di durata sul banco prova motore per oltre 200 ore continue per dimostrare tutta la robustezza e l’affidabilità dell’SR1. Prodotto. E lunga durata. Allo stesso modo, il telaio e il sedile, dotati di strati impermeabili, sono stati sottoposti a test di pressione di 150.000 cicli.

Il nuovo propulsore è dotato di raffreddamento a liquido (il radiatore è accanto al lato destro del motore), testata con bilanciatori su cuscinetti per ridurre gli attriti e trasmissione variabile con cinghia dentata a doppia cinghia, che eroga una potenza massima (misurata in termini di tester di omologazione) da 8,5 kW (11,56 CV) a 8500 giri/min e 11 Nm di coppia a 6500 giri/min. Questo nuovo motore è inoltre caratterizzato da zero vibrazioni, rumorosità inferiore rispetto alle direttive di omologazione e un consumo medio contenuto, pari a 2,2 litri per 100 km, che si traduce in un’autonomia di oltre 360 ​​km.

Come pendolare di tutti i giorni, il Voge SR1 risponde con attrezzature funzionali. Il volume sotto la sella è di 29 litri, sufficienti per ospitare senza problemi un casco integrale, lasciando comunque spazio dietro per trasportare altri piccoli oggetti. Questo vano di ricarica principale è completato da un vano portaoggetti nella parte superiore sinistra della schiena, dove puoi caricare il tuo cellulare mentre sei in movimento utilizzando una presa USB.

Per avviare l’auto non è necessario cercare la chiave meccanica in tasca o nello zaino, poiché dispone di un sistema di chiave intelligente senza chiave basato sulla prossimità. La chiave intelligente stessa include un pulsante che consente di localizzare l’auto entro un raggio di 30 metri o di bloccarla in caso di furto. L’avviamento avviene tramite un blocchetto che unisce le funzioni del blocchetto di accensione e dello sterzo, e accanto ad esso si trovano i pulsanti per l’apertura del sedile e dello sportello del serbatoio.

READ  Stampa internazionale: il Gran Premio di Abu Dhabi di Verstappen ha reso il 2023 ancora più leggendario

I dispositivi si basano su un display digitale a colori con caratteri negativi (bianco su nero). È la stessa cosa che condivide con la sorella, la nuda sportiva 125R, e quindi ha un elevato contenuto informativo. All’obbligatorio tachimetro a grandi cifre si aggiungono il contagiri, i livelli grafici di temperatura e contenuto di benzina, l’orologio, il consumo medio, il voltmetro, il contachilometri completo/parziale, oltre ad un’ampia gamma di indicatori luminosi. Il quadro strumenti è dotato di un sensore fotoelettrico che adatta automaticamente la luminosità dello schermo in base alla luce esterna.

Il Voge SR1 è dotato di una videocamera HD (1080p) con la quale potrai immortalare i tuoi brani preferiti su una scheda SD. La SR1 sarà disponibile in tre colori: bianco, argento e grigio.