Luglio 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vodafone vende la sua filiale italiana a Swisscom, l’affare fa arrabbiare la destra svizzera

Vodafone vende la sua filiale italiana a Swisscom, l’affare fa arrabbiare la destra svizzera

Il gigante britannico delle telecomunicazioni Vodafone ha annunciato venerdì di aver accettato di vendere la sua unità italiana a Swisscom per otto miliardi di euro (8,7 miliardi di dollari) in un accordo in contanti che è stato criticato dal principale partito politico svizzero.

Dopo l’annuncio le azioni di entrambe le società hanno registrato un balzo, ma l’estrema destra popolare svizzera ha definito “estremamente irresponsabile” investire nuovamente all’estero dopo che Swisscom ha subito enormi perdite in Germania, Ungheria e Malesia.

L’UDF ha affermato che la strategia del governo federale, in quanto principale azionista di Swisscom, dovrebbe essere quella di “vietare le avventure all’estero”.

Ma venerdì il governo ha dato il via libera all’operazione.

Vodafone, che in precedenza aveva rifiutato le offerte del gruppo Iliad del miliardario francese Xavier Niel, ha lanciato una campagna di riduzione dei costi che ha comportato il licenziamento di lavoratori e lo svuotamento di reparti all’estero.

Il gruppo britannico ha dichiarato che intende restituire quattro miliardi di euro agli azionisti dopo la vendita delle sue attività italiane e spagnole, che ammontano a 12 miliardi di euro.

Swisscom ha anche affermato che premierà gli investitori, aumentando il dividendo a 26 franchi svizzeri (29 dollari) pagabili nel 2026, da 22 franchi nel 2023.

Margherita Della Valle, CEO di Vodafone, ha affermato che l’accordo con Swisscom rappresenta “il terzo e ultimo passo nel rimodellare le nostre operazioni europee”.

“In futuro, la nostra attività opererà nei mercati in crescita delle telecomunicazioni (operatori telefonici) – dove deteniamo posizioni forti – consentendoci di ottenere una crescita più forte e prevedibile in Europa”, si legge in una nota.

READ  Missione di aziende italiane in Israele alla ricerca di partnership commerciali

Swisscom ha dichiarato in un comunicato separato che fonderà Vodafone Italia con la sua affiliata italiana FastWeb, acquistata nel 2007.

“L’acquisto di Vodafone Italia da parte di Swisscom e la sua fusione con la sua affiliata italiana FastWeb crea un forte concorrente nel mercato delle telecomunicazioni più impegnativo d’Europa”, ha affermato Mark Diethelm, analista di Vontobel.

L’operazione – che dovrebbe essere completata nel primo trimestre del 2025 – sarà pagata in contanti e finanziata con debito.

«La logica industriale di questa fusione è molto forte», afferma Christoph Aeschlimann, CEO di Swisscom. “Fastweb e Vodafone Italia sono particolarmente adatte a creare un elevato valore aggiunto per tutti gli stakeholder”.

A Londra le azioni Vodafone sono aumentate di oltre il 6%, mentre alla Borsa svizzera le azioni Swisscom nelle trattative pomeridiane sono balzate di circa il 5%.

Neil rifiutò

“L’attività italiana di Vodafone è in difficoltà, quindi perdere questo peso aiuterebbe il gruppo a rifocalizzarsi”, ha affermato Sophie Lund-Yates, analista di Hargreaves Lansdowne.

“L’attenzione si sposterà ora sull’efficacia con cui Vodafone utilizza le proprie risorse per affrontare sfide più ampie, tra cui l’aumento del debito, dei costi e una certa maggiore concorrenza”, ha aggiunto.

Vodafone e Swisscom hanno annunciato il mese scorso di aver raggiunto uno stadio avanzato delle trattative per l’accordo.

All’inizio di quest’anno, Vodafone ha rifiutato un’offerta di Iliad per unire le sue attività italiane in un accordo che valutava Vodafone Italia a 10,45 miliardi di euro.

La compagnia britannica di telefonia mobile aveva già rifiutato un’offerta da 11,25 miliardi di euro da parte di Iliad e del gruppo di private equity Apax Partners nel febbraio 2022.

READ  Perché la coltivazione della vite a pergola è in aumento

Da allora Neil ha acquisito una partecipazione del 2,5% in Vodafone.

Una fonte vicina alla questione ha detto all’AFP il mese scorso che Vodafone preferiva l’offerta del gruppo svizzero a causa della sua “grande componente in contanti” e di un maggiore grado di certezza che l’accordo sarebbe stato approvato dalle autorità di regolamentazione italiane.

Alla fine dell’anno scorso Della Valle annunciò la vendita della sua divisione spagnola al fondo di investimento Zigona per un massimo di cinque miliardi di euro.

Ciò ha fatto seguito alla decisione di tagliare 11.000 posti di lavoro, ovvero più del 10% della forza lavoro globale di Vodafone, per ridurre i costi.

Nel frattempo, l’autorità di regolamentazione della concorrenza britannica sta indagando sul piano di Vodafone di fondere le sue attività di telefonia mobile britanniche con quelle di Three UK, di proprietà di CK Hutchison con sede a Hong Kong.

Lo scorso anno Vodafone ha inoltre completato la vendita della sua unità ungherese.