Maggio 26, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vladimir Putin attacca Kiev con missili; I rifugiati fuggono in Romania, i cittadini di Kiev ottengono fucili d’assalto, la Bielorussia si unisce alla Russia in attacco

Il Cremlino afferma che la Russia è pronta a inviare una delegazione in Bielorussia per colloqui con funzionari ucraini.

I media statali russi hanno citato il portavoce di Putin, Dmitry Peskov, per aver affermato che i colloqui riguarderebbero l’assicurare la “neutralità” e il “disarmo” dell’Ucraina.

Quindi ecco un grande avvertimento perché questo equivarrebbe a far diventare l’Ucraina essenzialmente uno stato fantoccio o uno stato fantoccio di Putin, che è ovviamente il desiderio del leader russo.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha chiesto colloqui, ma non è chiaro e improbabile che accetterà questi termini.

Ha esortato il popolo ucraino a combattere per la propria libertà e ora il suo popolo sta cercando di difendere la capitale, Kiev, dagli invasori.

I soldati ucraini difendono un ponte a Kiev venerdì.credito:AP

Va anche notato qui che il Cremlino ha designato Minsk come luogo dei colloqui.

È qui che sono stati redatti gli accordi originali, violati dall’invasione russa.

Peskov ha detto che la Russia è pronta a tenere colloqui con l’Ucraina nella capitale bielorussa di Minsk, ha riferito l’agenzia di stampa ufficiale russa RIA Novosti.

Ma ha detto che questo doveva essere correlato alla dichiarazione dell’Ucraina di uno “status neutrale” – che includerebbe il “disarmo”. La Russia desidera da tempo che l’Ucraina escluda la sua adesione alla NATO.

Prima dell’invasione, il presidente ucraino ha chiesto colloqui con Vladimir Putin, ma non vi è alcuna indicazione che acconsentirebbe a colloqui su questa base.

Minsk è importante perché lo è Dove sono stati firmati gli accordi originali Per cercare di porre fine al conflitto scoppiato nel 2014 nell’Ucraina orientale.

READ  La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti vota per fare di Washington uno stato, ma una battaglia al Senato incombe
Il presidente russo Vladimir Putin, a sinistra, stringe la mano all'allora presidente ucraino Petro Poroshenko, a destra, mentre il presidente kazako Nursultan Nazarbayev, al centro, esamina i colloqui passati a Minsk, in Bielorussia, nel 2014.

Il presidente russo Vladimir Putin, a sinistra, stringe la mano all’allora presidente ucraino Petro Poroshenko, a destra, mentre il presidente kazako Nursultan Nazarbayev, al centro, esamina i colloqui passati a Minsk, in Bielorussia, nel 2014. credito:Servizio stampa presidenziale kazako

La Bielorussia è uno stato vassallo sotto il controllo di Putin e le forze russe che avanzavano a Kiev hanno invaso il paese attraverso la Bielorussia.