Giugno 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vivendi, azionista di maggioranza di TIM, ha lasciato il consiglio di amministrazione per cercare cambiamenti nella governance

Vivendi, azionista di maggioranza di TIM, ha lasciato il consiglio di amministrazione per cercare cambiamenti nella governance
  • Fonti affermano che Vivendi sta cercando un ruolo più importante nel futuro di TIM
  • Il 25 gennaio il governo ha visto la ripresa dei colloqui con Vivendi e CDP su TIM
  • Vivendi ribadisce che l’Italia rimane al centro della sua strategia

PARIGI/MILANO (Reuters) – Telecom Italia (TIM) (TLIT.MI) ha detto il maggiore azionista di Vivendi (VIV.PA) Lunedì ha rinunciato al suo posto nel consiglio di amministrazione mentre il nuovo governo italiano valutava le opzioni per prendere il controllo del monopolio della rete fissa dell’ex compagnia telefonica piena di debiti.

L’amministratore delegato di Vivendi, Arnaud de Puyfontaine, si è dimesso dal consiglio di amministrazione durante le discussioni a Roma sui modi per creare un fornitore italiano di banda larga esclusivamente all’ingrosso.

Il governo di destra italiano dovrebbe riprendere i colloqui con Vivendi e l’azionista n. 2 di TIM, il prestatore di stato CDP, il 25 gennaio dopo che un giro di negoziati lo scorso anno non è riuscito a raggiungere un accordo.

Nel frattempo, TIM sta cercando di vendere asset per ridurre l’accumulo di debito, che a fine settembre ammontava a 25,5 miliardi di euro.

“In questa fase di dialogo costruttivo tra i principali azionisti di TIM e le istituzioni sotto la guida del nuovo governo, è essenziale che tutte le parti coinvolte siano libere di agire in modo costruttivo e trasparente a vantaggio di TIM e di tutti i suoi azionisti, ha detto a Reuters un portavoce di Vivendi.

Fino all’inizio di un “nuovo capitolo” per TIM, De Puyfontaine dedicherà i suoi sforzi in qualità di amministratore delegato del principale azionista di TIM a “ripristinare un percorso di crescita per TIM e far riconoscere adeguatamente il valore reale dell’azienda e della sua rete unica”.

READ  L’Italia supera la Germania e diventa la potenza economica d’Europa

Vivendi ha dichiarato che sosterrà modalità di scorporamento di TIM con i suoi asset principali solo se la rete fissa sarà adeguatamente valutata, provocando attriti con CDP che ha considerato un’offerta di rete successivamente accantonata.

De Puyfontaine il mese scorso ha espresso la sua gratitudine al governo italiano per aver creato le condizioni per colloqui costruttivi sul futuro del gruppo telefonico italiano.

Lunedì Vivendi ha ribadito che l’Italia rimane al centro della sua strategia.

Vivendi ha aumentato le pressioni sull’amministratore delegato di TIM Pietro Labriola, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione, aggiungendo che la mossa di de Boifontaine aveva lo scopo di ottenere più influenza su TIM come parte di una riforma del consiglio di amministrazione che Vivendi ha a lungo sostenuto.

Mercoledì è prevista la riunione del consiglio di amministrazione di TIM.

Una fonte governativa incaricata del dossier TIM ha detto a Reuters che la decisione di de Boifontaine era una questione di competenza del consiglio di amministrazione e non aveva alcuna attinenza con le discussioni con il governo.

(Segnalazione di Matteo Rosemin a Parigi, Elvira Polina a Milano e Giuseppe Fonte a Roma; Sceneggiatura di Tassilo Hamel e Valentina Za; Montaggio di Jan Harvey, Jason Neely, Bernadette Boehm e Richard Chang

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.