Settembre 16, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Viva la carenza di manodopera!

Aggiornamenti sull’impatto economico del coronavirus

L’epidemia ha devastato le economie dei paesi ricchi. Ma ci sono segnali che un boom di produttività potrebbe emergere dalle terre aride.

Gli economisti del Conference Board, un think tank americano, Suggeriamo che questo sia il caso. Ataman Ozyildirim e Klaas de Vries hanno previsto che dopo una flessione nel 2020, l’economia statunitense raggiungerà una crescita della produttività totale dei fattori di oltre il 2% nel 2021. Il PIL è misurato dalla crescita della produzione oltre a quella che può essere semplicemente attribuita a Putting more lavoro e capitale per lavorare nella ripresa post lockdown.

Se il tasso del 2% si materializzasse, compenserebbe più che una leggera perdita di TFP nel 2020 – un corollario di lasciare inattivi capitali come i macchinari – e rappresenterebbe un miglioramento significativo rispetto al tasso quasi zero della crescita della produzione aggregata totale degli Stati Uniti all’anno nel pre- decennio di pandemia. .

Gli Stati Uniti non sono i soli a mostrare segni di buone prestazioni produttive. secondo Previsioni OCSELa pandemia ha accelerato la crescita della produttività del lavoro nella maggior parte dei paesi ad alto reddito.

Negli Stati Uniti, quella metrica – il prodotto interno lordo per ora lavorata – sarà cresciuta del 6,7% nei tre anni che hanno attraversato la pandemia, dal quarto trimestre del 2019 al quarto trimestre del 2022, secondo i dati dell’OCSE. Si tratta di più del doppio del tasso del 3,3 per cento raccolto nel triennio precedente.

READ  Highlights delle semifinali di Euro 2020: l'Italia batte la Spagna ai rigori

La stessa accelerazione è prevista per tutti i Paesi del G7. Si prevede che il Giappone aumenterà la produttività del lavoro del 2% nei tre anni fino alla fine del 2022, dopo essere diminuita nei tre anni precedenti. La Germania è passata da un tasso di crescita triennale dell’1,1 al 2,6 per cento, la Francia dall’1,8 al 2,5, il Regno Unito dallo 0,6 al 3,7 e l’Italia da zero all’1,4. Delle nove maggiori economie ricche, solo la Corea del Sud sta sperimentando un rallentamento della crescita della produttività in questo periodo, un tasso del 4% ancora rispettabile.

Queste previsioni potrebbero essere sbagliate. Ma data la forza della ripresa in corso, sembra ragionevole. Questa sarà una sorpresa molto piacevole. Ricorda che nel 2019 gli economisti erano preoccupati per la rapida perdita di vapore dell’espansione post-finanziaria e con il già debole deterioramento della crescita della produttività.

Perché si sta verificando questo apparente boom della produttività? Non può essere interpretato come un’azione aritmetica. La produttività misurata può aumentare se la produzione diminuisce di più delle ore lavorate e se i lavoratori meno produttivi perdono il lavoro in modo sproporzionato. Anche se questo ha già aumentato la produttività misurata negli Stati Uniti, che Perdi troppo lavoro Nella primavera del 2020, altri paesi ricchi hanno visto diminuire la produzione oraria prima di riprendersi alla riapertura delle economie.

Comunque, entro la fine del 2022 reclutamento deve tornare Abbastanza vicino ai livelli pre-pandemia che nessun semplice calcolo può spiegare completamente gli aumenti misurati della produttività. Alcuni miglioramenti, se raggiunti, dovrebbero riflettere un reale cambiamento nel modo in cui questo lavoro viene utilizzato in modo produttivo.

READ  Techno Paints collabora con un'azienda italiana per stabilire un nuovo stabilimento a Hyd

Se è così, due domande sono di fondamentale importanza. Perché la produttività sta accelerando? E cosa si dovrebbe fare per stabilizzarlo ad un tasso più alto in modo permanente?

Una maggiore produttività significa fare di più con meno risorse, e ci sono due ovvi modi in cui le economie ad alto reddito lo hanno fatto dallo scorso anno. Come affermano Ozyildirim e de Vries, “La crescente adozione delle tecnologie digitali può rilanciare la produttività… una crescita lenta dell’offerta di lavoro e la carenza di manodopera possono motivare le aziende a concentrarsi maggiormente sull’innovazione accelerando l’automazione e la trasformazione digitale”.

È facile vedere come la tecnologia stia aumentando la produttività, dal tempo di viaggio e dal pendolarismo fornito dal lavoro a distanza al salto nelle vendite online e nei pagamenti digitali nella vendita al dettaglio. I governi possono incoraggiare le aziende a conservare i propri guadagni – non spingere per un rollback dell’occupazione degli uffici, per esempio.

Non ha senso che la mancanza di manodopera faccia bene all’economia. Non passa giorno senza titoli sui dirigenti che si lamentano di non trovare più personale e di dover alzarsi in piedi se si perdono camerieri o addetti alle pulizie. In altre parole, dover fare di più con meno risorse o aumentare la produttività.

La storia economica e il buon senso suggeriscono che quando la domanda supera l’offerta, le imprese aumentano il loro livello di performance aumentando la produttività. Se i salari aumentano, non avranno alternative o perderanno i loro lavoratori a favore di concorrenti più produttivi.

È probabile che la crescita della produttività tragga vantaggio da una combinazione di tre fattori: domanda che dovrebbe rimanere forte, capitale e tecnologia accessibili e formazione che migliora continuamente le competenze dei lavoratori. Raggiungere questo mix in modo coerente significa mantenere i datori di lavoro pronti a competere per i lavoratori.

READ  Cristiano Ronaldo torna al Manchester United

La parola “carenza” nasconde questo fatto dietro le lamentele (del tutto comprensibili) dei datori di lavoro. Ma un’economia in cui c’è una domanda più che sufficiente per il contributo di tutti è fiorente: quella in cui i lavoratori godono di opportunità, dove i mercati premiano i miglioramenti della produttività e dove le aspettative richiedono investimenti per l’espansione.

Il mantenimento di un grado permanente di forte pressione della domanda, tale che la manodopera è sempre difficile da ottenere, non dovrebbe essere visto come un rischio ma come un segno di successo economico. Mentre speriamo di sconfiggere il virus, dobbiamo imparare a convivere con la carenza di manodopera.

martin.sandbu@ft.com