Luglio 28, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Visit Comet 46P / Wirtanen ha una gradazione alcolica anormalmente alta

Le comete sono mostri fermentati.

Vengono qui nel sistema solare interno dal buon-sa-dove (sistema solare esterno), si riscaldano un po’ e iniziano a sparare nello spazio composti alcolici, quelli malvagi.

Cometa 46P / Wirtanen, che ha visitato il sistema solare interno nel 2018, prende il martini. Secondo un’analisi dell’atmosfera, o coma, stava rilasciando quella che gli scienziati hanno definito una quantità “anormalmente alta” di alcol.

E questo può dirci alcune cose davvero interessanti sull’evoluzione del sistema solare.

“46P/Wirtanen ha uno dei rapporti alcol-aldeide più alti misurati in qualsiasi cometa fino ad oggi”, Lo scienziato planetario Neil Dello Russo ha detto: Dal laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University. “Questo ci fornisce informazioni su come le molecole di carbonio, ossigeno e idrogeno erano distribuite nel primo sistema solare in cui si formò Wirtanen”.

La cometa 46P / Wirtanen è un visitatore abbastanza regolare del sistema solare interno. Oscilla intorno al Sole ogni 5,4 anni, a volte deviando così vicino alla Terra che può essere visto nel cielo notturno ad occhio nudo.

Nella sua ultima visita, nel dicembre 2018, è arrivato a 11,6 milioni di chilometri (7,2 milioni di miglia) dalla Terra, circa 30 volte la distanza media tra la Terra e la luna.

Gli astronomi hanno sfruttato appieno questa opportunità per studiare questa cometa da una distanza relativamente ravvicinata, utilizzando il Near Infrared Spectrometer (NIRSPEC) del Keck Observatory, recentemente aggiornato.

Questo strumento può raccogliere dati sulla luce solare che brilla attraverso la chioma di una cometa in modo che gli scienziati possano analizzarla per determinarne la composizione chimica.

READ  La scoperta di piccole ossa e denti rivela l'esistenza di molteplici tipi di dinosauri che vivono e vivono nell'Artico

Un coma cometario può dirci molto sul sistema solare esterno e passato. Le comete sono diverse dagli asteroidi in quanto sono piene di tutti i tipi di composti congelati – ghiaccio – che erano attaccati a loro quando si sono formati, da cui il nomepalla di neve sporca“.

Per la maggior parte dell’orbita di una cometa, questo ghiaccio rimane congelato, ma quando la cometa si avvicina abbastanza al calore del sole, il ghiaccio inizia a sublimarsi, rimuovendo la polvere e creando un involucro gassoso pieno di polvere.

È questa sostanza che forma la coda di gas e polvere della cometa, che si allontana dal Sole a causa del vento solare e della pressione delle radiazioni.

Poiché questo materiale è rimasto congelato in una cometa dal momento in cui il corpo si è formato – quando il sistema solare era un bambino – fino alla sublimazione, contiene informazioni sulla composizione della nuvola da cui si è formato il sistema solare stesso.

Nel coma 46P/Wirtanen, NIRSPEC ha impiegato solo 10-20 minuti per rivelare la sua composizione: acetilene, ammoniaca, etano, formaldeide, acido cianidrico (che si scompone per produrre cianogeno, il composto che fa brillare di verde la cometa), metanolo, e acqua.

I dati NIRSPEC possono anche rivelare la temperatura del coma, e qui gli scienziati hanno trovato qualcosa di veramente strano. C’erano prove di più calore di quanto solo il sole potesse spiegare.

“Abbiamo scoperto che la temperatura misurata del gas d’acqua nel coma non è diminuita significativamente con la distanza dal nucleo, il che implica la presenza di un meccanismo di riscaldamento”, L’astronoma Erica Gibb ha detto: dall’Università del Missouri-St. Louis.

READ  La nuova immagine della NASA mostra la `` violenta energia '' della nostra galassia

Non è chiaro quale possa essere questo meccanismo di riscaldamento, ma ci sono molteplici possibilità.

Una possibilità è che la radiazione solare possa ionizzare alcune delle molecole nel coma, vicino al nucleo della cometa, che potrebbe portare al rilascio di elettroni energetici. Questi elettroni possono entrare in collisione con altre molecole e trasferire energia, che viene rilasciata sotto forma di calore.

Un’altra ragione è che pezzi solidi e granelli di ghiaccio si sono separati dalla cometa, precipitando lontano dal nucleo prima di sublimarsi e rilasciare energia per collisioni nella nube più fredda a quella distanza, piuttosto che vicino ad essa. Il team ha trovato una percentuale molto più alta di acqua nel coma esterno rispetto agli altri composti, il che è coerente con questo modello.

Questo può aiutare a spiegare come l’acqua abbia raggiunto pianeti come la Terra. Sebbene il ghiaccio d’acqua si solidifichi in una cometa, può tornare a una forma liquida o ghiacciata quando atterra su un pianeta.

Altre componenti della vita sono state trovate anche sulle comete, quindi queste palle di neve sporche potrebbero essere di vitale importanza non solo per la nostra esistenza, ma per la vita in altre parti dell’universo.

“Gli studi sulle comete come questo sono entusiasmanti perché servono da trampolino di lancio per rispondere alla domanda da un milione di dollari: siamo soli?” L’astronomo Greg Dobman ha detto: Dall’Osservatorio Keck.

“I composti organici sulle comete ci parlano dei componenti che hanno modellato il nostro sistema solare e sono serviti come precursori della vita. Possiamo quindi cercare le stesse molecole prebiotiche in altri sistemi planetari, aprendo una porta entusiasmante alla possibilità molto reale di trovare in seguito la vita microbica. Terra — non nella vita dei nostri figli ma nella nostra vita.

READ  La Cina lancerà stasera 3 astronauti sulla stazione spaziale. Ecco come guardare dal vivo.

La ricerca è stata pubblicata in Giornale di scienze planetarie.