Agosto 15, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Verso un approccio di riproduzione sociale alle catene globali del valore – La mia risposta a Bernard Hochman – EJIL: Parla!

Ringrazio Bernard Hochman Per prendermi il tempo per occuparmi del mio articolo.Non una “nuova alba” per il diritto e lo sviluppo economici internazionali: verso un approccio di riproduzione sociale alle catene del valore globali‘, e per permettermi di chiarire alcune delle sue argomentazioni. Lui e io concordiamo sul fatto che le preoccupazioni sulla riproduzione sociale sono centrali per il futuro della nostra economia globale, in particolare, aggiungerei, se vogliamo basare quest’ultima sui principi di una giustizia climatica anticoloniale, sfaccettata. Ciò a cui si oppone è il potere che vede l’articolo attribuire sia alle istituzioni economiche internazionali (IEI) che agli accordi commerciali profondi, sostenendo invece che 1) le IEI e i loro rapporti hanno molto meno potere di influenzare il processo decisionale e che 2) accordi commerciali profondi sono meno efficaci in termini di restrizione dello spazio politico degli stati rispetto a quanto suggerisce l’articolo. Sottolinea specificamente che i paesi “in via di sviluppo” non si sono impegnati in accordi commerciali profondi e che ci sono poche prove che questi ultimi abbiano limitato le loro scelte politiche. La sua richiesta di prove empiriche più rigorose in modo da non sminuire le preoccupazioni valide.

Sebbene io sia d’accordo con la necessità del rigore empirico per supportare le affermazioni concettuali – e c’è molto di più da approfondire oltre ai due punti precedenti – in questo feedback, indago i presupposti alla base di entrambe le controdeduzioni mentre parlo al punto più ampio su che tipo di la prova è di fiducia. Per il primo, c’è una lunga tradizione di borse di studio accademiche – da Studi critici e post-sviluppo per me post colonialismo E il teoria giuridica critica Ho esaminato il potere retorico delle istituzioni educative internazionali, comprese quelle esercitate attraverso la letteratura politica che producono. dicendo invece,Gli IEI non ottengono molta attenzione: sono agenti, non manager‘Esso “[r]L’esercizio delle attività sociali ed economiche è una questione di politica nazionale(pp. 7-8) Fa una certa azione politica.

In primo luogo, confonde La storia di molti degli interventi di queste istituzioni – anche attraverso la produzione di conoscenza – sin dagli albori del progetto di sviluppo – dal sistema dei mandati della Società delle Nazioni alle politiche di adeguamento strutturale della Banca Mondiale al Trade Review Policy Mechanism dell’Organizzazione Mondiale del Commercio, ecc. Questo non sminuisce la verità I paesi possono, e hanno già adottato, politiche diverse di quelli raccomandati dalle IEI; o quello Le prescrizioni politiche di quest’ultimo possono essere assorbite e diventare dominanti. Piuttosto, è concentrarsi sulle affermazioni di verità generate dalla conoscenza che queste istituzioni producono e sulle conseguenze materiali che ne derivano, un punto su cui tornerò più avanti.

READ  I programmi di stimolo pandemico hanno perso enormi quantità di denaro

In secondo luogo, gli stati sono entità autonome che possono adottare in modo indipendente scelte politiche, indipendentemente dalle relazioni di potere asimmetriche che attraversano la nostra economia (politica) globale. Ancora una volta, questo non significa che gli stati non abbiano uno spazio politico, come hanno, ma quello stato ‘indipendenza’ È una terra molto complessa che deve essere messa in discussione piuttosto che presupposta. Per esempio, Introduzione della decisione di alcuni paesi di ridurre i dazi all’importazione dagli anni ’80 “in concomitanza con l’adozione dell’imposta indiretta” come opzione politica separata (p3, fn11) ignora il fatto che queste politiche erano strettamente legate alle istruzioni del Washington Consensus che i paesi dovrebbero seguire per riprogrammare i propri debiti. come tale Desiree Lillerc Ci ricorda: “Questi programmi richiedono agli Stati destinatari di facilitare la resilienza aziendale, a scapito dei diritti dei lavoratori, in particolare delle donne di colore povere che hanno perso la sicurezza del lavoro e condizioni di lavoro accettabili”. (pag. 108). Si tratta quindi di una mossa che cancella la storia e la ricerca della conoscenza Politiche di adeguamento strutturaleE il I loro legami con la conoscenza prodotta dalle IEI e loro effetti fisicitutti riferiti invece all’interconnessione di stati, istituzioni, élite della conoscenza, attori globali e persone in tutto il mondo.

L’articolo non ha certamente tracciato gli effetti specifici dei rapporti sullo sviluppo della catena del valore globale (GVCD) sulle politiche adottate da specifici paesi, ma non afferma mai di farlo. Il suo scopo era quello di impegnarsi con le affermazioni di verità sullo sviluppo del commercio della catena del valore che ne derivano e con le potenziali implicazioni materiali dell’adozione delle loro raccomandazioni politiche, indipendentemente dalle intenzioni dei loro autori. Questo perché c’è un’importante continuità tra queste raccomandazioni e quelle sostenute dalle IEI negli ultimi quattro decenni, con Risultati molto controversi sulla disuguaglianza sociale ed economica (pagg. 12-13). Il loro comune denominatore (di più) è la liberalizzazione del commercio e degli investimenti, compresa la liberalizzazione dei capitali, la protezione dei contratti privati ​​e delle attività immateriali, nonché la flessibilità aziendale. Ciò riguarda il secondo punto sul ruolo del diritto (economico internazionale) e sul potere differenziale degli stati nell’economia globale.

READ  Lionel Messi brilla mentre l'Argentina domina l'Italia vincendo a Finalissima

Non intendo esagerare ruolo del diritto, compresi gli accordi commerciali e di investimento, che a volte potrebbero non essere pertinenti; Se o in alternativa producano effetti fisici sulla terra – in questo caso se contribuiscono ad abbassare il livello sociale in un determinato luogo in un dato momento – è effettivamente una questione empirica, ma nessun articolo è stato preparato per affrontarla producendo dati primari in relazione a By specifiche catene e/o paesi. Tuttavia, l’articolo ha fatto due punti al riguardo.

Primo, come messaggi recenti (pag. 18) indicato, direzione Negli ultimi due decenni, ci sono stati paesi (in via di sviluppo) diversi dalla Cina e altre grandi economie emergenti che hanno stipulato accordi commerciali “profondi”, e questo indica il fatto che le “affermazioni di verità” e le raccomandazioni politiche nei rapporti GVCD stanno guadagnando terreno più terreno negli ambienti politici. La seconda è che emergono prove circa le disposizioni “commerciali” in questi tipi di accordi che portano a una classificazione sociale più bassa nonostante le disposizioni in materia di uguaglianza di genere e lavoro in esse incluse. Per esempio, Ricerca nel settore dell’abbigliamento in Moldova Spiega che quando le tariffe sono diminuite, le esportazioni nel Regno Unito e in Italia sono aumentate. Ciò ha portato ad un aumento dell’occupazione, soprattutto delle donne. Tuttavia, la pressione commerciale delle aziende leader nel Regno Unito e in Italia ha anche aumentato i salari in condizioni di povertà e le pratiche straordinarie ei metodi di produzione problematici. Qui torniamo a una delle affermazioni più problematiche sul rapporto tra diritto economico internazionale, istituzioni, stati e disuguaglianza sociale ed economica.

Questa è l’affermazione che, mentre il commercio e la ricchezza sono concentrati in ‘Pochi paesi importatori ed esportatori si sono radicalizzati” (p. 30), spetta ai singoli stati affrontare le disuguaglianze sociali ed economiche e il degrado ambientale. In particolare, l’adozione di un contesto normativo che consenta alle imprese di collegarsi alle catene del valore globali, anche attraverso accordi commerciali e di investimento, può aiutare i paesi a ottenere le risorse per affrontare tali disuguaglianze (pagg. 1 e 5). Infatti, come si legge nella relazione:

Le catene del valore globali possono continuare a promuovere la crescita, creare posti di lavoro migliori e ridurre la povertà, a condizione che i paesi in via di sviluppo intraprendano riforme più profonde e che i paesi industrializzati perseguano politiche aperte e prevedibili… Attrarre investimenti diretti esteri è importante in tutte le fasi della partecipazione.(pagg. 1-5).

Questa argomentazione si conclude con un’escussione del ruolo del diritto economico internazionale nel produrre tali disuguaglianze, rimuovendo le disparità tra gli stati e quelle tra capitale e lavoro che lo hanno sostenuto in varia misura dall’era coloniale. come tale leclerc (p. 107) Per quanto riguarda la promozione americana di un’agenda commerciale incentrata sul lavoro, il diritto e la politica commerciale internazionale continuano a sostenere le disparità tra capitale e lavoro, nonché le gerarchie tra i diversi tipi di lavoratori, un punto chiarito dall’articolo mettere in discussione le ipotesi sulla creazione di valore e la sua distribuzione attraverso le catene.

READ  Le azioni globali salgono mentre gli investitori valutano le prospettive economiche

Il secondo punto, quindi, è che la valutazione del ruolo che le “disposizioni commerciali” svolgono negli accordi commerciali – e i molti accordi commerciali profondi che contengono disposizioni commerciali e di investimento – ha svolto per fornire a queste poche imprese maggiori diritti durante il lavoro (e solo alcuni tipi di) occupazione continuano a essere limitati. lavoro riconosciuto), è importante per spiegare la vasta ricchezza denunciata dalla Banca Mondiale e la disuguaglianza ad essa associata. Senza questo, la responsabilità continuerà a essere posta sulle spalle dei singoli Stati, e alcuni (leggi paesi “in via di sviluppo”) saranno ancora considerati incapaci di organizzare i propri affari “interni”. Ancora una volta, non si tratta di assolvere i paesi dalla responsabilità, ma di apprezzare che la loro capacità di agire, in particolare in relazione alla regolamentazione delle catene del valore globali, è influenzata da “Un quadro giuridico multi-standard, costituito da diritto contrattuale, società nazionali, leggi sugli investimenti e sul commercio e proprietà intellettuale internazionale(p. 24) che deve essere corretto se si vuole rafforzare la sua capacità di regolamentazione. Senza affrontare questo problema, l’inclusione delle disposizioni sociali negli accordi commerciali continuerà probabilmente a essere neutralizzata dal primato degli “accordi commerciali”.

La lente della riproduzione sociale presentata dall’articolo, come una tra tante altre, può aiutare a comprendere queste dinamiche, rivelando i modi in cui l’IEL ha assecondato le disparità tra capitale e lavoro (e il contemporaneo occultamento/riduzione di alcune tipologie di lavoro da un lato, altri dall’altro), che sono dinamiche fondamentali delle modalità di generazione dei profitti oltre i confini nazionali. Può anche aiutare a creare questioni legali Accordi volti a nascondere e svalutare il lavoro e le risorse ambientali endemiche della produzione mondiale; Considerando interventi oltre IEL che possono generare valutazioni più desiderabili.