Novembre 28, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vecchi racconti del centro di Jersey City

Caro editore:

Helen Stabinsky, autrice di Five-Finger Discount, ha affermato che le persone non si “stabilivano” a “Jersey City, ma piuttosto” a “Jersey City”. A metà degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70, potresti aver pensato che Helen Stabinsky avesse ragione. Non ho più quella sensazione.

Sono cresciuto nella parte centrale di Jersey City. Un tempo, il centro cittadino era una comunità di “colletti blu”. È stata fatta una battuta su Downtown. Nello specifico, puoi trovare un bar ad ogni angolo di strada. Un altro thread famoso: ogni negozio di caramelle era un “negozio di scommesse”.

Sembra che “giocare i numeri” fosse un passatempo popolare a quei tempi. Ricordo di aver aspettato con mio padre che un’edizione “Night Owl” del New York Daily News fosse consegnata all’angolo tra Newark e Jersey Avenue. Mio padre si rivolgeva subito alle pagine sportive per vedere quale fosse il “numero” di quella notte. A pensarci bene, all’epoca pensavo che “che numero” fosse un modo per salutare le persone nel centro di Jersey City.

Il centro è stato afflitto dalla criminalità negli anni ’60 e ’70. Che ci crediate o no, le persone si sono trasferite in “Safer Streets” a Greenville per sfuggire alle strade del centro piene di criminalità.

A causa del problema del crimine, mio ​​padre ha cercato di vendere la nostra casa sulla 4th Street. Con suo sgomento, scoprì che i proventi della vendita della casa sulla Fourth Street non sarebbero stati sufficienti a coprire l’anticipo per l’acquisto di un’altra casa in una “zona migliore”. Ricordo la sua reazione: “Beh, non è così male”. E così siamo rimasti. Penso che la mia famiglia si sia stabilita “in” centro, Jersey City. Potrei stare meglio per lei.

READ  La squadra statunitense cade in Norvegia

Tuttavia, nonostante tutti i suoi difetti, in Downtown c’era qualcosa di stranamente attraente. Forse quello era il fascino unico del vecchio mondo. O forse era quel tipo speciale di chimica che legava il quartiere insieme. Per me, probabilmente era tutta una questione di treni. In effetti, sono un fan dei treni.

Miglia di ferrovie tortuose attraversavano Jersey City e tutte queste rotaie sembravano convergere in centro, lungo il lungomare. Mi si è spezzato il cuore quando i treni hanno smesso di viaggiare lungo il 6th Street Bridge, mi divertivo a guardare i treni che rintoccavano in cima al “Ferris Wall”. Andavo anche agli scali merci – dove ora sorge il complesso di Newport – a guardare i treni.

Ha frequentato il PS Numero 5, ora la Scuola del Dr. Michael Conti. Quante volte mi sono cacciato nei guai perché invece di prestare attenzione all’insegnante, ho guardato fuori dal finestrino per guardare i treni che rimbombavano lungo la parte superiore della rastrelliera alla fine del muro dei ferris, correvano lungo i binari sul retro di Mary Benson Park, o corri su per la collina che ha lasciato il posto Finalmente la strada alla ferrovia sopraelevata!

Downtown era una fiorente comunità italiana. Secondo me, il centro cittadino era il centro della cultura, del patrimonio, della tradizione e dell’eredità italiana di Jersey City. Brunswick Street Market era il centro della società italiana. Le merci italiane e i prodotti freschi venivano venduti lungo Brunswick Street, da Newark Street a Railroad Street (ora Christopher Columbus Drive).

C’erano due club italiani, “Il Braccio e Cuore” in Fourth Street e “La Llega Cilento” in Coles Street. “La Llega Cilento” si trasferì infine a Brunswick Street. I membri di questi club si divertivano a giocare a giochi di carte tradizionali italiani, come “tressette”, “brscola” e “scopa”.

READ  Aggiornamento guerra ucraino-russo: ultime notizie

Le pasticcerie, come DiFeo e La Magra, presentavano “pasticcini” italiani come “sfogliatelle”. Il pane fresco dell’originale panificio Pecoraro ha deliziato le tue narici mentre passavi. I ristoranti italiani, Ducky’s, Tripoli ed Erks erano a pochi passi l’uno dall’altro. Una tradizione del venerdì sera a casa mia era quella di mangiare pizza e cozze in salsa marina piccante da Ducky’s. Lascia che te lo dica, la pizza era incredibile! E non vedevo l’ora di intingere il pane nella salsa marinara piccante! Che meraviglia!

Questo è il centro, ricordo. La chimica è cambiata. Finora, oggi, se uno potesse permetterselo, sicuramente si starebbe ‘a’ Jersey City. È troppo costoso per chiunque accettare Jersey City.

giovanni di genio