Luglio 13, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Vanilla Cheese: la famiglia che produce la burrata italiana a Sydney

Vanilla Cheese: la famiglia che produce la burrata italiana a Sydney
Martina Ioncu produce deliziosi formaggi italiani nel caseificio di famiglia Vannella nell’entroterra occidentale di Sydney.
La diciannovenne allunga e riempie ogni tondo con formaggio bianco e li lega in un nodo alto, usando una tecnica tradizionale italiana tramandata da suo nonno, Vito.

“Essere in grado di fare a mano la burrata nel modo in cui è stato fatto per secoli è qualcosa che mi piace molto, e mi sta a cuore”, dice Martina.

Martina Ioncu dice che fare la burrata le dà gioia. fonte: SSB / Sandra Fullone

Suo nonno Vito Minoia tiene d’occhio le sue capacità di caseificio nella sua fabbrica a Marrickville, dove è protettivo nei confronti dell’attività che ha avviato in Australia quasi 20 anni fa dopo essere immigrato dall’Italia.

“Ricordo la prima volta che ho fatto la burrata, Vito era così orgoglioso. Aveva una piccola lacrima negli occhi”, ha detto.

“Ha lavorato così duramente per portarci a questo punto ed è molto felice di vederci continuare la sua passione”.

Ricordo la prima volta che ho fatto la burrata… aveva una piccola lacrima negli occhi.

Martina Junko

Ora, a 67 anni, Vito è entusiasta di formare la terza generazione di casari.

“Certo che sono orgoglioso, sì. Mi rende molto felice”, dice.

Cos’è la burrata?

Il viaggio caseario di Vito è iniziato 50 anni fa a Conversano, un paese della Puglia, nel sud Italia.

Il formaggio Vito Minoia è prodotto in Italia.

Vito Minoia ha imparato a fare la burrata in Puglia, in Italia, da dove proviene il formaggio di latte vaccino. fonte: fornito / Formaggio alla vaniglia.

READ  Una nave cisterna che trasporta greggio italiano Eni arriva nelle acque venezuelane

La burrata è un formaggio di latte vaccino italiano con un guscio esterno di formaggio duro, mozzarella morbida in un centro burroso e la crema nota come stracciatella.

La Puglia è la patria della burrata e Vito, 16 anni, ha imparato a filare la cagliata durante un apprendistato presso un casaro locale.

“Allora, tutto veniva fatto a mano, ed era un duro lavoro”, dice.

    Vito Minoia produce formaggio in Italia con sua moglie Pina.

Anni fa, fare la burrata a mano era “un duro lavoro”, dice Vito Minoia. fonte: fornito / Formaggio alla vaniglia

“Le burrate che facevamo allora erano grosse, circa mezzo chilo l’una, e le facciamo fresche tutti i giorni.

“Il latte arrivava la mattina e la burrata era in tavola all’ora di pranzo”, dice.

Il Vito’s Day inizia ancora prima dell’alba, quando il latte di vacca e di bufala viene preparato per una gamma di formaggi all’italiana da consegnare freschi ogni giorno a ristoranti e supermercati in tutta l’Australia.

Vito Minoia (a sinistra) posa con il figlio Giuseppe.

Vito Minoia (a sinistra) e suo figlio Giuseppe lavorano fino a due tonnellate di formaggio al giorno. fonte: SSB / Sandra Fullone

Suo figlio, Giuseppe, lavora al suo fianco, e la coppia forma una grande squadra.

“Trasformiamo 60.000 litri di latte e lo stabilimento produce fino a due tonnellate di formaggio al giorno”, racconta Giuseppe, 38 anni.

“Quest’anno speriamo di consegnare più di otto milioni di dollari, che è un sacco di formaggio”.

Burrata su un piatto con pomodoro a fette.

La burrata è un formaggio di vacca italiano con un guscio esterno di formaggio duro e un centro morbido e burroso. fonte: SSB / Sandra Fullone

C’è anche un lato generoso in questa azienda di famiglia. Negli ultimi anni hanno distribuito la ricotta e la mozzarella in eccedenza a rifugi per donne e associazioni di beneficenza locali.

READ  La resilienza economica dell’Italia di fronte alle sfide finanziarie future

“Mi piace fare cose per la comunità”, dice Vito. “Con il costo della vita in aumento, quest’anno è più che mai necessario”.

Finanziamento delle imprese familiari

Anche l’aumento dei costi sta influenzando l’attività, con bollette energetiche che superano i 30.000 dollari a trimestre e prezzi del latte più elevati.

È un problema che riguarda molte imprese familiari e ne mette a rischio alcune, secondo Bruce Billson, l’Australian Small and Family Business Ombudsman (ASBFEO).

“La comunità delle piccole imprese e delle famiglie non tende ad avere le tasche profonde delle grandi aziende”, afferma.
E c’è una ricerca internazionale che indica che i mercati reggono in tempi difficili.

“Ciò significa che le grandi aziende diventano più grandi perché hanno accesso ad altre risorse. Possono avere azionisti a cui attingere o una maggiore capacità di prendere in prestito e ottenere finanziamenti in modi che le piccole imprese familiari potrebbero non avere”.

Secondo Family Business Australia, il 70% di tutte le aziende australiane sono a conduzione familiare.
“Le aziende familiari multigenerazionali non sono coinvolte solo nel breve termine. Pensano in termini di generazioni e possono davvero fornire solide basi per la crescita aziendale, per entrare in contatto con le comunità e i clienti”.
La famiglia Minoia sta pianificando ulteriori aggiornamenti per la propria attività a Marrickville, nonostante la crescente concorrenza tra i produttori di formaggio all’italiana in Australia.

“Non saremo in grado di produrre abbastanza burrata per rifornire l’intero mercato australiano, quindi è positivo che altri la facciano ora”, afferma Guiseppe.

Martina (a sinistra) fa tintinnare il Prosecco nei bicchieri con Vito (al centro) e Giseppe.

Questa settimana la famiglia Minoia festeggerà l’impresa casearia di Vito. fonte: SSB / Sandra Fullone

Questo mese, per celebrare il traguardo del mezzo secolo di Vito (data fissata per novembre ma anticipata da un trasloco di fabbrica), la famiglia Minoya ha in programma un evento speciale per amici e clienti al Carriageworks di Sydney.

“Cinquant’anni di caseificazione in un lavoro sono tanti”, dice Giuseppe.

“Non molti matrimoni durano 50 anni, quindi siamo sicuramente molto orgogliosi”.

Vito dice che non ha intenzione di ritirarsi.
“No, no, non ho ancora smesso. Voglio continuare a lavorare il più a lungo possibile”, dice.
Per Martina, che sta appena iniziando il suo percorso caseario, c’è un grande orgoglio nel preservare una tradizione di famiglia italiana per il futuro.
“Vito si è fidato di me per continuare a lavorare con ciò che aveva costruito”, dice.
“Quindi, sono così felice che possiamo celebrare lui e ciò che ha iniziato, e anche celebrare ciò che siamo orgogliosi di continuare a fare”.
Vuoi condividere la tua storia con SBS News? e-mail