Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio rivela il legame tra la vaccinazione e il rischio di malattia di Alzheimer

Uno studio rivela il legame tra la vaccinazione e il rischio di malattia di Alzheimer

UN Stabile Dall’Health Science Center dell’Università del Texas a Houston è emerso che le persone di età pari o superiore a 65 anni che hanno ricevuto le vaccinazioni hanno meno probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer. Lo studio ha evidenziato l’importanza delle vaccinazioni per prevenire le malattie infettive e la demenza.

Lo studio è stato pubblicato in Giornale della malattia di Alzheimer.

La malattia di Alzheimer colpisce più di 6 milioni di persone negli Stati Uniti, con un numero crescente di individui affetti a causa dell’invecchiamento della popolazione del paese.

Vaccinazione infantile

La maggior parte delle persone riceve vaccinazioni infantili di routine, poiché molti vaccini sono progettati per proteggere i bambini e le loro comunità dalle malattie infettive. I vaccini per altre malattie gravi sono altrettanto importanti per gli anziani per ragioni simili.

I bambini spesso ricevono vaccinazioni contro il tetano, la difterite, la pertosse e le infezioni da pneumococco. I vaccini contro il tetano e la difterite sono raggruppati in uno, a volte includendo il vaccino contro la pertosse.

Il vaccino per la protezione contro l’infezione da pneumococco è raccomandato per i bambini sotto i 5 anni e gli adulti di età pari o superiore a 65 anni. Si consiglia alle persone negli Stati Uniti di età superiore ai 50 anni e alle persone in Australia e nel Regno Unito di età superiore ai 70 anni di ottenere vaccini che proteggano dall’herpes zoster.

vaccino antinfluenzale

Vaccini (illustrativi) (credit: INGIMAGE)

I risultati di uno studio precedente sulla stessa rivista hanno mostrato che le persone che hanno ricevuto almeno un vaccino antinfluenzale avevano il 40% in meno di probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto alle persone non vaccinate nella stessa fascia di età.

READ  Le specie di dinosauri scoperte di recente condividono armi di piccolo calibro T-Rex, ma non hanno alcuna relazione diretta

“Ci chiedevamo se le scoperte sull’influenza fossero specifiche per il vaccino antinfluenzale. Questi dati hanno rivelato che anche diversi vaccini aggiuntivi per gli adulti erano associati a un rischio ridotto di malattia di Alzheimer”, ha affermato Paul Schulz, autore dello studio.

“Noi e altri ipotizziamo che il sistema immunitario sia responsabile della disfunzione delle cellule cerebrali nell’Alzheimer. I risultati ci suggeriscono che la vaccinazione ha un effetto generale sul sistema immunitario che riduce il rischio di sviluppare l’Alzheimer”.

“Ipotizziamo che il rischio ridotto di malattia di Alzheimer associato ai vaccini sia probabilmente dovuto a una combinazione di meccanismi”, ha affermato Avram Buchbinder, uno dei coautori dello studio.

“I vaccini possono cambiare il modo in cui il sistema immunitario risponde all’accumulo di proteine ​​tossiche che contribuiscono all’Alzheimer, ad esempio migliorando l’efficienza delle cellule immunitarie nell’eliminare le proteine ​​tossiche o “affilando” la risposta immunitaria a queste proteine. Questo “danno collaterale ‘ alle cellule cerebrali sane vicine è ridotto.” Naturalmente, questi vaccini proteggono da infezioni come l’herpes zoster, che possono contribuire alla neurite.”

I ricercatori hanno affermato che sebbene le prove siano convincenti, sono necessari ulteriori studi per misurare con precisione l’efficacia dei vaccini nella protezione contro il morbo di Alzheimer.