Gennaio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio rivela che l’asteroide che ha spazzato via i dinosauri ha scatenato due anni di oscurità sulla Terra

Un nuovo studio ha rivelato che l’asteroide che ha spazzato via i dinosauri e quasi tutta la vita 66 milioni di anni fa ha illuminato due anni di oscurità sulla Terra.

Secondo un team della California Academy of Sciences, la fuliggine degli incendi ha riempito il cielo e oscurato il sole poco dopo la collisione dell’asteroide con il pianeta.

L’asteroide largo 7,5 miglia stava viaggiando a 27.000 miglia all’ora quando ha colpito quello che oggi è il Golfo del Messico, lasciando il cratere Chicxulub.

L’impatto dell’asteroide alla fine ha portato all’estinzione del 75% di tutta la vita sulla Terra e gli scienziati hanno studiato a lungo gli effetti di questa collisione.

In un nuovo studio, il team americano ha scoperto che la causa principale dell’estinzione potrebbe essere stata nubi di cenere e particelle di fuliggine sparse nell’atmosfera.

Dicono che queste nuvole sarebbero durate fino a due anni, oscurando gran parte della terra e rendendo difficile la crescita o la sopravvivenza di qualsiasi cosa.

Un nuovo studio ha rivelato che l’asteroide che ha spazzato via i dinosauri e la maggior parte della vita 66 milioni di anni fa ha illuminato due anni di oscurità sulla Terra.

Come hanno deciso che l’oscurità ha ucciso la vita sulla terra?

Per questo studio, gli astronomi hanno esaminato un’ampia documentazione fossile, la Hill Creek Society, risalente all’epoca dell’asteroide, circa 66 milioni di anni fa.

Quindi hanno eseguito una serie di simulazioni dell’oscurità cosmica e di come ciò avrebbe influenzato la comunità specifica.

Hanno eseguito diversi scenari per qualsiasi cosa, da 100 giorni a 800 giorni di oscurità totale causata da nuvole di cenere.

Sapevano prima di iniziare che circa il 75% delle specie si era estinto.

Il team ha scoperto che sarebbero necessari circa 700 giorni di oscurità per causare questo livello di estinzione.

Hanno anche scoperto che dopo che l’oscurità è svanita e i raggi del sole sono tornati, ci sarebbero voluti 40 anni per riprendersi.

READ  La Terra si è capovolta su un lato (ed è tornata di nuovo) in un "yo-yo cosmico" 84 milioni di anni fa

La vita nell’area intorno all’impatto sarebbe stata uccisa all’istante, ma ci sono stati molti più danni negli anni dopo l’impatto.

Ciò include maremoti, inondazioni e massicci cambiamenti ambientali, inclusa l’espulsione di particelle nell’atmosfera e la loro diffusione in tutto il mondo.

Mentre l’oscurità avvolgeva la Terra, i ricercatori affermano che la fotosintesi, il processo utilizzato dalle piante per crescere, sarebbe fallita.

Il team ha spiegato in un’intervista con Scienze dal vivo.

Questa oscurità atmosferica è stata causata dalla roccia frantumata e dall’acido solforico dalla collisione che si è formata come nuvole nel cielo, abbassando le temperature globali e producendo piogge acide, scatenando incendi.

Lo “scenario dell’inverno nucleare”, come è stato proposto per la prima volta negli anni ’80, ha giocato un ruolo chiave nell’estinzione di massa, ha spiegato a Live Science l’autore dello studio Peter Rubinaren.

Sebbene sia stata una teoria per più di quattro decenni, è solo nell’ultimo decennio che sono stati sviluppati modelli per capire come questa oscurità abbia influenzato la vita.

“Il pensiero comune ora è che gli incendi boschivi globali sarebbero diventati la principale fonte di fuliggine fine che sarebbe rimasta nell’atmosfera superiore”, ha detto Rupnaren.

La concentrazione di fuliggine nei primi giorni o settimane di incendio era sufficientemente alta da ridurre la quantità di luce solare in entrata a un livello sufficientemente basso da prevenire la fotosintesi.

Il team ha studiato l’impatto di questo periodo buio a lungo termine ricostruendo le comunità ecologiche che esistevano quando l’asteroide ha avuto l’impatto.

Hanno scelto 300 specie note per provenire da un’area ricca di fossili conosciuta come Hell Creek Formation, che è fatta di scisto e arenaria in North Dakota, South Dakota, Wyoming e Montana.

Hanno quindi creato simulazioni di esposizione delle comunità a periodi di oscurità da 100 a 700 giorni per vedere quale periodo di oscurità avrebbe portato al livello di estinzione che ora conosciamo tra le specie di vertebrati.

I reperti fossili mostrano che circa il 73% delle specie di vertebrati si è estinto dopo l’evento dell’impatto.

Robinarin ha detto a WordsSideKick.com che l’inizio dell’effetto del buio sarebbe avvenuto rapidamente e avrebbe raggiunto il suo massimo in poche settimane.

Gli ecosistemi possono principalmente riprendersi se l’oscurità dura solo 150 giorni, ma dopo 200 giorni raggiungono un “punto critico di non ritorno”.

Questo è stato il punto in cui alcune specie si sono estinte e il dominio si è spostato tra le specie rimanenti in un modo dannoso per l’ecosistema.

Quando l’oscurità è durata fino a 700 giorni, le estinzioni sono aumentate alle stelle, raggiungendo l’81% di tutta la vita, il che indica che gli animali nelle comunità di Hill Creek hanno vissuto circa due anni di oscurità.

“Le condizioni sono cambiate in tutto il mondo a causa del flusso atmosferico e del cambiamento di temperatura, ma abbiamo stimato che l’oscurità potrebbe persistere nell’area di Hill Creek fino a due anni”, ha detto Rubnaren a WordsSideKick.com.

Ha spiegato che i risultati sono preliminari ed esplorano solo un ecosistema, ma suggeriscono che questo potrebbe rimbalzare su più specie.

Altre simulazioni della comunità di Hill Creek hanno scoperto che se fosse rimasto buio per 700 giorni, ci sarebbero voluti 40 anni perché le condizioni si riprendessero.

I risultati sono stati presentati al meeting annuale dell’American Geophysical Union (AGU).

Killing the Dinosaurs: come uno steroide delle dimensioni di una città ha spazzato via il 75% di tutte le specie animali e vegetali

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via.

READ  I codici postali ultra-ortodossi hanno alcuni dei peggiori tassi di vaccinazione a New York

Questa estinzione di massa ha aperto la strada all’emergere dei mammiferi e dell’uomo.

L’asteroide Chicxulub è spesso citato come una possibile causa delle estinzioni del Cretaceo e del Paleogene.

L’asteroide ha colpito un mare poco profondo in quello che oggi è il Golfo del Messico.

La collisione ha rilasciato un’enorme nuvola di polvere e fuliggine che ha portato al cambiamento climatico globale, spazzando via il 75% di tutte le specie animali e vegetali.

I ricercatori affermano che la fuliggine necessaria per una simile catastrofe globale potrebbe provenire solo da un impatto diretto sulle rocce delle acque poco profonde intorno al Messico, particolarmente ricche di idrocarburi.

Gli esperti ritengono che entro 10 ore dall’impatto, un enorme tsunami ha colpito la costa del Golfo.

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via.  L'asteroide Chicxulub è spesso citato come possibile causa dell'evento di estinzione del Cretaceo e del Paleogene (immagine memorizzata)

Circa 66 milioni di anni fa, i dinosauri non aviari furono spazzati via e più della metà delle specie del mondo furono spazzate via. L’asteroide Chicxulub è spesso citato come possibile causa dell’evento di estinzione del Cretaceo e del Paleogene (immagine memorizzata)

Ciò ha causato terremoti e frane fino all’Argentina.

Durante le indagini sull’evento, i ricercatori hanno trovato piccole particelle di roccia e altri detriti che sono state rilasciate nell’aria quando l’asteroide si è schiantato.

Queste minuscole particelle, chiamate globuli, ricoprivano il pianeta con uno spesso strato di fuliggine.

Gli esperti spiegano che la perdita di luce solare ha causato un completo collasso del sistema idrico.

Questo perché la base di fitoplancton di quasi tutte le catene alimentari acquatiche avrebbe potuto essere rimossa.

Si ritiene che più di 180 milioni di anni di evoluzione che hanno portato il mondo al punto del Cretaceo siano stati distrutti in meno dell’età del Tyrannosaurus Rex, che è di circa 20-30 anni.