Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio ha scoperto che la perdita del gusto o dell’olfatto del virus Covid-19 può essere spiegata dalla genetica

Il segreto del perché le persone si fanno male COVID-19 La perdita del suo gusto o odore può risiedere in un fattore di rischio genetico, secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Nature. Genetica.

“Come si passa dall’infezione alla perdita dell’olfatto non è ancora chiaro”, ha affermato il dottor Justin Turner, assistente professore di otorinolaringoiatria alla Vanderbilt. Università in un Nashville, Tennessee, di cui non faceva parte studia.

I ricercatori di 23andMe, un’azienda di genomica e biotecnologia, hanno analizzato i dati di 69.841 individui in Stati Uniti d’America e Regno Unito Coloro che hanno partecipato a sondaggi online dopo essere risultati positivi al COVID-19 hanno confrontato coloro che hanno segnalato una perdita del gusto o dell’olfatto con quelli che non lo hanno fatto.

Tra coloro che sono risultati positivi al COVID-19, il 68% dei partecipanti ha riportato una perdita del gusto o dell’olfatto, le donne intervistate avevano l’11% in più di probabilità di riportare sintomi rispetto agli uomini e circa il 73% aveva un’età compresa tra 26 e 35 anni. studia.

FILE – In questa foto del file del 31 agosto 2021, Jack Kingsley RN assiste un paziente COVID-19 nella Medical Intensive Care Unit (MICU) presso il Saint Luke’s Boise Medical Center di Boise, Idaho. Invece, l’estate che avrebbe dovuto segnare l’indipendenza dell’America dal COVID-19 si è avvicinata con gli Stati Uniti in modo ancora più potente sotto la tirannia del virus, con le morti quotidiane che sono tornate a quelle di marzo 2021.
(Foto AP/Kyle Green, file)

COVID-19: la Russia è sempre altamente contagiosa, incolpa la variabile omcron

Lo studio ha anche scoperto che la perdita del gusto o dell’olfatto era più comune tra coloro che erano stati testati per COVID-19 rispetto a quelli che erano risultati negativi ma riportavano sintomi simil-influenzali, osservando che quelli degli americani dell’Asia orientale o di origine africana erano meno probabili per segnalarlo. Perdita dell’olfatto o del gusto rispetto alle persone europeo Ancestrale.

READ  2 ospedali di San Francisco segnalano 233 dipendenti infetti da COVID-19

Il team di ricerca ha confrontato le differenze genetiche tra coloro che hanno segnalato una perdita del gusto o dell’olfatto con coloro che non lo hanno fatto e hanno trovato un sito vicino a due geni, UGT2A1 e UGT2A2, legati al senso dell’olfatto associato alla perdita dell’olfatto. Gusto e olfatto dopo l’infezione da COVID-19.

Nonostante il passato Animale Gli studi hanno dimostrato che questi geni, che sono espressi nei nostri tessuti nasali, sono coinvolti nell’eliminazione degli “odori” e precedenti studi sperimentali suggeriscono che la perdita dell’olfatto è legata al danno tissutale lungo il rivestimento del naso e gli autori riconoscono che non è chiaro come i geni siano effettivamente coinvolti, solo perché “… può svolgere un ruolo nella fisiologia delle cellule colpite e nel conseguente deterioramento funzionale che contribuisce a una perdita della capacità di funzionare”. Odore. “

Sebbene la ricerca sia uno studio su larga scala, presenta diversi limiti, tra cui il pregiudizio nei confronti dei partecipanti di discendenza europea e l’affidamento solo a sondaggi di autovalutazione senza alcuna valutazione clinica dei partecipanti.e e l’incapacità di “separare” la perdita del gusto dall’olfatto perché entrambi erano inclusi in una domanda del sondaggio.

Si dovrebbe notare che [gene] La variante identificata in questo studio sembra anche essere correlata alla capacità generale di annusare, il che potrebbe indicare che le persone con un’elevata sensibilità all’olfatto o al gusto potrebbero avere maggiori probabilità di notare la perdita di questi sensi derivante dall’infezione da SARS-CoV-2″, gli autori. Egli ha detto.

FILE - L'infermiera registrata Emily Yu, a sinistra, parla con Paul Altamerano, un paziente di 50 anni con COVID-19, al Providence Holy Cross Medical Center di Los Angeles, 13 dicembre 2021. Gli ospedali negli Stati Uniti sono indignati dalla variante dell'omicron ed entrare in uno stato di disordine diverso dalle precedenti mutazioni di COVID-19.  (Foto AP/Jae C. Hong, file)

FILE – L’infermiera registrata Emily Yu, a sinistra, parla con Paul Altamerano, un paziente di 50 anni con COVID-19, al Providence Holy Cross Medical Center di Los Angeles, 13 dicembre 2021. Gli ospedali negli Stati Uniti sono indignati dalla variante dell’omicron ed entrare in uno stato di disordine diverso dalle precedenti mutazioni di COVID-19. (Foto AP/Jae C. Hong, file)
(AFP)

READ  I satelliti Starlink del lancio di SpaceX sono stati avvistati nella parte occidentale di Washington, afferma un esperto dell'Università del Wisconsin

CLICCA QUI PER L’APP FOX NEWS

Precedenti ricerche hanno dimostrato che la perdita del gusto e dell’olfatto è collegata a una “mancata protezione delle cellule sensoriali del naso e della lingua dall’infezione virale”, secondo Danielle Reed, Ph.D., direttore associato del Monell Chemical Senses Center di Filadelfia. Reed sta studiando le differenze da persona a persona nella perdita del gusto e dell’olfatto a causa del COVID-19, ma non ha fatto parte del studia.

“Questo studio punta in una direzione diversa”, ha osservato. “I percorsi che scompongono le sostanze chimiche che causano il gusto e l’olfatto in primo luogo possono essere iperattivi o inattivi, riducendo o distorcendo la capacità di gusto e odore.