Settembre 26, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Uno studio britannico rileva che i rischi di ricovero per Covid-19 raddoppiano con delta

Secondo lo studio pubblicato venerdì sulla rivista, i pazienti Covid-19 con la variante delta hanno un doppio rischio di ospedalizzazione rispetto a quelli con la variante alfa. Malattie infettive della lancetta.

I risultati suggeriscono che i pazienti con la variante delta hanno più del doppio delle probabilità di essere ricoverati in ospedale rispetto ai pazienti con la variante alfa, hanno scritto i ricercatori di Public Health England e dell’Università di Cambridge nel loro nuovo studio.

“Anche la partecipazione alle cure di emergenza associate al ricovero è stata maggiore per i pazienti con la variante delta, indicativo di un maggiore utilizzo dei servizi di emergenza oltre al ricovero ospedaliero”, hanno scritto i ricercatori.

Lo studio ha incluso dati su 8.682 pazienti Covid-19 in Inghilterra che avevano la variante delta e 34.656 infetti con la variante alfa. In entrambi i gruppi, la maggior parte dei pazienti – il 74% – non era immunizzata.

I pazienti sono stati testati per Covid-19 tra il 29 marzo e il 23 maggio di quest’anno e i ricercatori hanno esaminato quanti sono stati ricoverati in ospedale.

Complessivamente, il 2,3% dei pazienti delta e il 2,2% dei pazienti alfa sono stati ricoverati in ospedale entro due settimane dopo essere stati testati per Covid-19. Ma una volta che i ricercatori hanno preso in considerazione alcuni fattori che potrebbero aumentare il rischio di ospedalizzazione di un paziente, come l’età o lo stato di vaccinazione, hanno scoperto che il delta era associato a un rischio di ospedalizzazione aumentato di 2,26 volte rispetto all’alfa e di 1,45 volte maggiore di rischio di ricovero. bisognosi di emergenza. cura o ricovero.

I ricercatori hanno notato che i risultati del loro studio sono simili a ricerche separate precedentemente condotte in Scozia, che hanno anche riscontrato un rischio maggiore di ricovero entro 14 giorni per i pazienti con delta rispetto a quelli con alfa.

READ  Il Massachusetts ha la possibilità di vedere il lancio dell'esperimento della NASA mercoledì sera

“La nostra analisi evidenzia che in assenza di un vaccino, qualsiasi focolaio nella regione del delta imporrebbe un onere maggiore sull’assistenza sanitaria rispetto a un’epidemia alfa”, ha affermato la dott.ssa Anne Brisanis, uno degli autori principali dello studio ed esperto di statistica presso l’Università. di Cambridge. Comunicato stampa del venerdì.

“Ottenere una vaccinazione completa è fondamentale per ridurre in primo luogo il rischio di un individuo di sviluppare sintomi delta e, soprattutto, ridurre il rischio di un paziente delta di gravi malattie e ospedalizzazione”, ha affermato Brisanis.

“Non è una sorpresa”

Alcuni medici e scienziati che non sono stati coinvolti nel nuovo studio hanno affermato che i risultati confermano ciò che si credeva già: che la variante delta ha maggiori probabilità di causare malattie gravi.

I delta sono pericolosi e comuni, ma la vaccinazione può fermarli
“Questi dati confermano ciò che vediamo nella pratica clinica, vale a dire che oltre ad essere più infettiva delle varianti originali o delle varianti alfa, la variante delta causa anche malattie più gravi, in popolazioni che in precedenza avevano solo un’infezione lieve”, ha affermato il dott. David Strin. , Docente clinico senior presso l’Università di Exeter Chi non è stato coinvolto nello studio, ha affermato in una dichiarazione scritta distribuita dall’agenzia con sede nel Regno Unito Centro di scienza dei media.

“Evidenzia la necessità di un programma di vaccinazione completo nei giovani adulti e mostra chiaramente che il preconcetto che non contraggono il Covid grave non è più vero”, ha affermato Strain. “Questa non è una sorpresa, perché le due cose che rendono la variante delta più contagiosa avranno anche un ruolo nella gravità della malattia”.

READ  I ricercatori degli Stati Uniti affermano di aver svelato il mistero del piccione di Darwin

I ricercatori notano anche nel loro studio che le nuove infezioni da Covid-19 in Inghilterra sono sempre più causate da una variante delta. Sebbene la proporzione di casi nello studio risultante dalla variante delta fosse complessivamente del 20%, i ricercatori hanno scritto che “questa proporzione è aumentata al 74% di nuovi casi seriali nella settimana che inizia il 31 maggio 2021”.

Durante questa estate negli Stati Uniti, la variante delta ha superato la variante alfa, identificata per la prima volta nel Regno Unito, come il ceppo di coronavirus circolante dominante.

“La variante delta è stata responsabile del leggero aumento dei casi di Covid questa estate nel Regno Unito e molti di noi hanno persino sentito parlare di vaccinare le persone che sono state infettate”, afferma il dott. Zania Stamataki, Immunologo virologico presso l’Università di Birmingham che non era coinvolto nel nuovo studio, ha affermato in una dichiarazione separata di Science Media Center.

Il nuovo studio “misura i ricoveri ospedalieri come marker surrogato di una malattia grave”, ha affermato Stamataki, e i risultati sono chiari: la variante delta aumenta i ricoveri ospedalieri rispetto alla variante alfa precedentemente prevalente nel Regno Unito. Contagioso 50% in più di alfa, stanno crescendo le prove che abbiamo a che fare con una variante molto seria Sono necessarie due dosi del vaccino per fornire la massima protezione”.