Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un’infermiera di TikTok rivela le cose più comuni che le persone dicono prima di morire

Guardare una persona cara nelle fasi finali della vita è un’esperienza profonda, spesso difficile.

Molto mistero circonda la morte e i momenti che la precedono.

Molte persone non vogliono essere nella stanza quando passa una persona cara e lo trovano molto difficile.

Ma un’infermiera di cure palliative negli Stati Uniti ha trovato un modo per demistificare la morte utilizzando una piattaforma di social media ultramoderna: TikTok.

Julie McFadden ha creato un file tic toc Un account chiamato Hospice Nurse Julie, dove pubblica post sulle cure di fine vita.

Ha accumulato un enorme seguito, con McFadden che decostruisce miti e stereotipi sulla morte e sul morire.

Un’infermiera di assistenza agli anziani ha detto cinque anni fa: “La parte migliore del mio lavoro è educare i pazienti e le loro famiglie sulla morte e sul morire, oltre a sostenerli emotivamente e fisicamente, il Sole.

“Inoltre, aiutarli a capire cosa aspettarsi è un’altra parte del mio lavoro come infermiera in un hospice”.

McFadden dice che il massimo che sente prima che un paziente muoia è “Ti amo”.

Ma spesso sente le persone dire “mamma” o “papà”, anche se i genitori della persona sono morti da tempo.

Uno dei video più visti riguarda i comuni cambiamenti fisici che si verificano quando una persona sta morendo.

I propri cari sono spesso spaventati o ansiosi per questi cambiamenti, ma McFadden dice che sono completamente normali alla fine della vita.

Infermiera per anziani Julie McFadden. a lui attribuito: TikTok / @hospicenursejuilie

Possono includere cambiamenti nella respirazione, nel colore della pelle, nella febbre e in ciò che chiami “scarica finale”.

“I sintomi della fase di muta attiva includono cambiamenti nella coscienza (incoscienza), cambiamenti nella respirazione, spotting e scarica finale”, afferma McFadden.

“Questi sono normali e non dolorosi o scomodi.

“I nostri corpi si prendono cura di noi stessi alla fine della vita: meno interferiamo, meglio è”.

McFadden ha anche parlato del fenomeno del “clustering” – quando una persona morente sembra improvvisamente molto meglio ore o giorni prima della morte.

“Questo può manifestarsi in molti modi, ma molte volte mangiano all’improvviso, parleranno all’improvviso, forse anche cammineranno, si comportano come i loro vecchi sé, hanno un po’ più di personalità, ridono, parlano, scherzano ma di solito muoiono dentro pochi giorni dopo.

Di nuovo, questo è un fenomeno comune e normale alla fine della vita.

Le persone in procinto di morire hanno anche riferito di “vedere” persone morte, che fossero bambini, partner, animali domestici o altri cari.

“Di solito succede circa un mese prima che un paziente muoia e iniziano a vedere parenti morti, amici morti, vecchi animali domestici, spiriti, angeli, che li visitano e nessun altro li vede”, ha detto MacFadden.

“Di solito non hanno paura, e di solito è molto comodo per loro, e di solito dicono che inviano un messaggio come ‘Verremo presto da te’ o ‘Non preoccuparti, ti aiuteremo.

“Alla maggior parte delle persone piace questo, sono molto a loro agio, non è spaventoso per loro.”

READ  I neozelandesi avvertono che stanno "pianificando" il Covid prima di Natale Nuova Zelanda