Maggio 13, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Unilever Bets (parte di) un’azienda agricola rinnovabile

Foto: una piantagione di caffè nella regione di Caldas in Colombia. Sempre più aziende agricole ea conduzione familiare di caffè stanno adottando pratiche agricole rinnovabili, come piantare fiori per attirare le api e altri impollinatori o alberi da frutto per coltivare colture diverse dai chicchi di caffè.

Nell’ultimo decennio si è parlato molto di agricoltura biologica. Ma nel caso in cui non hai parlato con un venditore preferito al mercato del tuo contadino locale, il processo per ottenere la certificazione biologica non è sempre il più agevole, soprattutto se la certificazione richiede di riposare la terra per un certo periodo di tempo. Ma le prove suggeriscono che l’agricoltura rinnovabile – che non è necessariamente “biologica” al 100% ma può includere tattiche come l’agroforestazione e un focus su un suolo vegetale sano – è ora la chiave affinché il settore diventi più efficace nella lotta globale contro il cambiamento climatico. Su scala più ampia, sempre più aziende come Unilever si stanno rendendo conto che questa attenzione può aiutare anche a lucidare le diapositive sulla sostenibilità.

Dice il gigante del CPG olandese-anglo-olandese Investire in un’agricoltura sostenibile Ha fatto parte della strategia complessiva dell’azienda negli ultimi dieci anni. La società ha recentemente annunciato che inizierà anche a implementare ciò che chiama una serie di principi di energia rinnovabile. Questi cinque principi possono essere riassunti in cinque parole: suolo, acqua, clima, biodiversità e mezzi di sussistenza (cioè reddito).

Una volta che si trascende la bella grafica e si verificano PR (“risultati positivi” è un termine che dovrebbe essere vietato), i principi Unilever forniscono ad altre aziende, in quasi tutti i settori, un modello su come coinvolgere e migliorare le loro catene di approvvigionamento. Sono meno dispendiosi. Francamente, può anche essere riformulato in un libro di testo per la gestione della catena di approvvigionamento e le classi aziendali sostenibili.

Prendi l’acqua, per esempio. È qui che le aziende possono lanciare programmi con i loro fornitori e fornitori dei loro fornitori, per definire la dimensione giusta per le loro catene di approvvigionamento. Con un investimento minimo, i risultati possono effettivamente fornire grandi risparmi e più materie prime con un ingombro ridotto. Unilever, che ha affermato di voler esaminare da vicino la sua impronta idrica, è iniziata con un “cosa”: proteggere i corsi d’acqua dal ruscellamento e dall’erosione, accedere alla tecnologia di irrigazione più efficiente possibile e garantire che i progetti di irrigazione non fossero imposti ai bacini idrografici locali.

Nel caso in cui rimanga la domanda sullo scopo di tutto questo, come nel caso degli altri quattro principi, Unilever fornisce un permesso “perché”, come nelle metriche: Ridurre i nitrati In quale flusso d’acqua; La sedimentazione è cessata in qualsiasi specchio d’acqua vicino a queste fattorie; Infine, misurare l’impronta idrica di quelle colture irrigate.

Un approccio simile è stato adottato per la conservazione e la protezione della biodiversità. Facendo riferimento all’argomento secondo cui non abbiamo necessariamente bisogno di più terreni agricoli, ma per lavorare per garantire che i terreni agricoli già esistenti abbiano un minore impatto sull’ambiente e siano più produttivi, il quadro è questo: niente più invasione degli habitat naturali; Aumentare il numero di specie di piante e animali; Evita i prodotti chimici per insetti che catturano i parassiti; Evita le pratiche agricole dannose come l’allevamento a strisce, che secondo i critici porta alla monocoltura. Unilever non dice che tutto ciò è facile, ma ancora una volta in questo giorno ed età, è qui che entrano in gioco le partnership commerciali senza scopo di lucro.

Unilever non è la prima azienda a incorporare l’agricoltura rigenerativa, ma finora ha fatto del suo meglio per spiegarlo. Un’altra azienda globale che ha mostrato tale interesse e aumentato i propri investimenti è Danone North America, che ha recentemente annunciato che l’area inclusa nel programma di coltivazione rigenerativa è triplicata.

Inoltre, la scorsa settimana PepsiCo ha dichiarato che sta cercando di espandere le pratiche agricole rinnovabili Su 7 milioni di acri Entro la fine del contratto. General Mills, che possiede marchi famosi come Cascadian Farm, Epic e Annie’s, ha incluso l’agricoltura rigenerativa come parte della sua strategia di sostenibilità. Marchio italiano popolare Illycaffè La più ampia industria del caffè richiedeva Abbraccio Anche pratiche agricole rigenerative.

Credito immagine: Leon Kai