Ottobre 23, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una spaventosa estinzione di massa è avvenuta 30 milioni di anni fa e l’abbiamo appena notato

La fine dell’epoca dell’Eocene, circa 33 milioni di anni fa, segna un momento di grandi cambiamenti sulla Terra. In una lenta inversione di ciò che vediamo oggi, le temperature sono scese e i ghiacciai hanno allungato le loro dita ghiacciate verso l’equatore.

perdita della vita In tutto il continente asiatico era profondo. Ma sembra che la biodiversità dell’Africa, protetta dal calore dei tropici, non abbia risentito dei drammatici cambiamenti. O così pensavamo.

Secondo uno studio pubblicato di recente da un team di ricercatori di tutti gli Stati Uniti, non stavamo guardando i reperti fossili nel modo giusto.

La ricerca suggerisce che lungi dal prosperare attraverso questo freddo cambiamento, i mammiferi in Arabia e in tutto il continente africano hanno subito un drammatico declino, con quasi due terzi della loro diversità di picco che è scomparsa 30 milioni di anni fa.

Ciò che ha portato a ciascuna perdita non è chiaro, tuttavia, e nonostante l’ampia gamma di fluttuazioni di temperatura e l’intensa attività vulcanica che scuote la regione, le possibilità non mancano.

Qualunque sia la causa della perdita, le nicchie ecologiche lasciate dall’evento di estinzione non rimasero vacanti a lungo.

“È molto chiaro che c’è stato un enorme evento di estinzione, e poi un periodo di ripresa” Lui dice Stephen Heritage, biologo della Duke University.

Molto di ciò che sappiamo sui cambiamenti climatici nella transizione dall’Eocene all’epoca successiva, l’Oligocene, deriva dalle analisi dei cambiamenti negli isotopi dell’ossigeno nei nuclei di sedimenti scavati dal fondo dell’oceano.

L’abbinamento di queste prove con molte altre prove sulle fluttuazioni del livello del mare e le prove per la crescita dei ghiacciai ci dà un quadro generale di come sta cambiando il nostro pianeta nel suo insieme.

READ  Divertente mentre è andato, la telemetria del Falcon 9 è ora crittografata

Tuttavia, i segni a livello locale possono essere un po’ irregolari, basandosi maggiormente sulla modellazione e sull’attento esame dei fossili che appaiono sporadicamente qua e là.

Le registrazioni effettuate a terra possono fornire un quadro misto, quindi non sorprende che ci sia un dibattito sull’eventuale impatto del raffreddamento globale sulle masse vicino all’equatore.

dalla direzione C’è un indizio Sono animali come i parenti ancestrali dei moderni lemuri che stanno scomparendo dall’Africa nord-orientale. Dopo altri studi Suggerisce che l’Africa non ha visto quasi nessun cambiamento ambientale, o forse nessuno.

L’interpretazione dei reperti fossili può essere difficile a causa della loro tendenza ad essere un po’ irregolare. Non tutte le specie lasciano i loro resti meticolosamente conservati in una posizione comoda, ma con i giusti strumenti analitici, i ricercatori possono ancora raccogliere una serie di informazioni da solo una manciata di ossa.

Il team ha raccolto dati sui fossili che rappresentano cinque gruppi di mammiferi, compresi i carnivori chiamati hinodontDue gruppi di roditori sembrano uno scoiattolo anomalia, e due gruppi di primati – uno occupato dai nostri antenati.

Da questi campioni, i ricercatori hanno generato un albero genealogico che rappresenta i tempi delle manifestazioni e le perdite note per ciascuno. Gli strumenti statistici possono quindi dare agli scienziati un’idea migliore di quando le perdite erano abbastanza grandi in determinate regioni da correlarsi con eventi globali.

Osservando le caratteristiche all’interno di gruppi correlati, i ricercatori possono anche vedere come le specie si sono diversificate per riempire le nicchie lasciate libere dagli animali perduti.

Prendiamo ad esempio i denti di un animale. Sottili differenze nelle loro forme per un lungo periodo di tempo possono dirci quanto velocemente una specie si sta adattando a una nuova fonte di cibo abbondante.

READ  L'innovativo elicottero della NASA vede una possibile "via" verso Marte in futuro

“Vediamo una significativa perdita di diversità dei denti e quindi un periodo di recupero con nuove forme dei denti e nuove alterazioni”, Lui dice L’autore principale Dorian de Vries dell’Università di Salford.

A proposito, sembra che i nostri principali antenati siano tra i più colpiti. La diversità nei denti umani 30 milioni di anni fa è diminuita quasi a zero. Era così brutto che rimaneva solo un tipo di morfologia dentale, limitando i tipi di alimenti che i loro nipoti potevano mangiare.

Tali colli di bottiglia sono comuni in tutta la documentazione evolutiva. Sapere come le specie rispondono ad esse può essere vitale, data la pressione che esercitiamo oggi su molti ecosistemi in tutto il mondo.

In un certo senso, il design dentale ci è riuscito. Se così non fosse, la nostra specie non avrebbe visto la luce del giorno.

“Era un vero pulsante di reset” Lui dice Devi.

Questa ricerca è stata pubblicata in Biologia della comunicazione.