Luglio 2, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una nuova biografia di Michael Cimino è brillante e cupa quanto il regista stesso

Una nuova biografia di Michael Cimino è brillante e cupa quanto il regista stesso

Quando Michael Cimino è scomparso nel 2016, ho espresso il mio fervente desiderio di leggere una sua biografia ben studiata e comprensiva. Eccolo: “Charles Elton”Simino: Il cacciatore di cervi, la porta del paradiso e il prezzo della visioneAffascinante, affascinante, scouting e malinconico come ci si potrebbe aspettare.Il libro, che Abrams ha pubblicato a marzo, ha due temi principali: primo, come la carriera del regista è stata uccisa dalla derisione della critica con il suo capolavoro, Heaven’s Gate, quando era mostrato per la prima volta nel 1980; secondo, che Cimino lo ha presentato come una donna, almeno in segreto, per parte degli ultimi venticinque anni della sua vita. Elton non ha trovato né imposto connessioni significative tra questi due aspetti della vita di Cimino, ma il loro legame sotto la superficie, attraverso il terzo grande tema del libro: una grande e misteriosa storia d’amore tra Cimino e la sua principale collaboratrice, Joanne Carelli, un rapporto che è rimasto forte dai suoi primi giorni come regista fino alla fine della sua vita.

Ogni curriculum potrebbe essere composto da due libri anziché uno – l’opera stessa e l’opera vera e propria – che descrivono in dettaglio le avventure giornalistiche che producono la documentazione biografica. L’agente, produttore e romanziere di lunga data Elton fonde entrambi in “Cimino”. A differenza di molti nuovi registi di Hollywood degli anni ’70, le cui vite pubbliche e private erano intrecciate tra l’autopromozione o incustodite, Cimino era molto riservato e persino sfacciatamente ingannevole su molti dei suoi dettagli personali, che riguardassero questioni intime come la sua vita romantica e la sua famiglia o anche quelli facili da scrutare Come l’anno della sua nascita e il servizio militare. Di conseguenza, la ricerca di Elton è piena di piste false e collegamenti sorprendenti, e lo ha portato ad argomenti i cui incontri con l’autore sono essi stessi materia di alto dramma. Elton è felice di descrivere in dettaglio i dettagli pratici di questi incontri: come definisce le persone e dove si incontrano. Comunica con i parenti di Cimino la cui esistenza il regista ha negato, e incontra anche un falso parente che Cimino associa a quello. Anche con storie e ricordi contrastanti, il ruolo principale di Cimino come personaggio nella sua mitologia auto-creata si evolve gradualmente insieme alla sua carriera e carriera cinematografica – e si riflette nell’aura di meraviglia e mistero con cui le persone vivono nella sua orbita perennemente sfumata. E quando la leggenda ha finalmente eclissato la carriera, Cimino è emerso come una presenza sorprendente, ammonitrice e persino tragica ai margini di Hollywood e nel cuore della storia del cinema.

READ  Los Angeles - Italia all'Italian Fete Il candidato all'Oscar Paolo Sorrentino

A differenza di eroi della regia contemporanea come Martin Scorsese, Francis Ford Coppola, Peter Bogdanovich e Brian De Palma, Cimino non è cresciuto come un amante del cinema. Non era un critico cinematografico, non ha frequentato la scuola di cinema, ed è venuto al cinema quasi per caso. Nato a New York City e cresciuto in una famiglia italoamericana della classe media a Westbury, Long Island, Cimino era un artista di talento. Si è laureato in arti grafiche presso lo stato del Michigan e, nel 1963, ha conseguito un master in disegno presso la Yale University, dove avrebbe “passato il tempo” alla scuola di recitazione e avrebbe trovato il suo scopo nella narrativa e nella scenografia. (Alton ha anche scoperto di aver cambiato la pronuncia del suo nome per evitare che la sua famiglia fosseSim-i-no”, a “Ora-chi familiare-“meno”) Trasferitosi a Manhattan, trovò lavoro presso uno studio di progettazione pubblicitaria, decise di dirigere spot pubblicitari e studiò tecnologia cinematografica associandosi con colleghi illustri. Studente veloce, Cimino, nel 1965, guadagnava alti stipendi come responsabile commerciale ( ben presto si comprò una Rolls Royce) e nel 1967 si era guadagnato la fama di direttore commerciale eccezionalmente originale – e di direttore artistico straordinario ed esigente. Poi nel 1971 si trasferì a Hollywood.

Carelli, un artista pubblicitario che aveva rappresentato Cimino nella sua attività (ufficialmente o meno, uno dei produttori pubblicitari la chiamava il “mago” di Cimino), era il suo partner professionale. È stata presente come sua collaboratrice, consigliera dietro le quinte e coscienza per la maggior parte della sua carriera. (Elton scrive: “Cimino ne aveva un seguito.”) Quando si trasferì a Hollywood, lo fece anche lei. Molti di coloro che li conoscevano presumevano che fossero una coppia sposata, ma né Carelli né Cimino lo dissero. Carrelli ha rilasciato pochissime interviste ed è rimasto fuori dagli occhi del pubblico. La storia di Elton delle loro discussioni iniziali e di molti incontri ha un carattere narrativo, come nel suo resoconto della prima conversazione, al telefono: “Questa è Joanne Carrelli”, ha detto con il suo accento newyorkese non ricostruito. Non te lo dirò Qualsiasi cosa.” Ma lei risulta essere oggetto di un’importante intervista su “Cimino”.

Karelle Cimino ha consigliato che se voleva uscire a Hollywood, avrebbe dovuto scrivere sceneggiature, cioè, prima, imparare a farlo. (Elton sottolinea che all’epoca nessun altro regista pubblicitario televisivo aveva ottenuto alcun successo a Hollywood, sebbene questo percorso di carriera fosse diventato sempre più popolare negli anni ’80.) Come per la regia commerciale, Cimino ha imparato a scrivere sceneggiature rapidamente. , rispetto ad altri, ma non proprio allo stesso modo. Cimino ha collaborato con altri scrittori, ma ha rimosso i loro nomi prima di mostrare le sceneggiature in giro. I suoi metodi erano machiavellici e riuscirono. È stato co-sceneggiatore di “Silent Running” dopo l’apocalisse con Bruce Dern. Ha rivisto la sceneggiatura di Magnum Force con Clint Eastwood. Ha scritto una sceneggiatura per Eastwood, “Thunderbolt and Lightfoot” e quando Eastwood ha deciso di produrla e recitarla, Cimino ha aggiunto una clausola per permettergli di tirarla fuori come suo primo lungometraggio.

READ  Il regista Adam McKay, da "Don't Look For" con DiCaprio e Streep, ricorda la sua infanzia Worcester

Il film Thunderbolt and Lightfoot si concentra su un ex rapinatore di banche (Eastwood), inseguito dai suoi ex partner; Fugge con un piccolo rover (Jeff Bridges) e si alleano con i loro partner per portare a termine una recente rapina. Produttore severo e con un budget limitato, Eastwood ha concesso a Cimino tre giorni di riprese per mettersi alla prova. Cimino si atteneva religiosamente al programma e al budget, ed Eastwood era felice della sua guida. Il film è stato un successo commerciale e ha ricevuto buone recensioni e una nomination all’Oscar (Bridges, come miglior attore non protagonista). Ma ha aperto alcune porte a Cimino. È tornato a scrivere – incluso un film biografico su Janis Joplin che è finito senza il suo nome, come The Rose, con Bette Midler – e ha cercato senza successo di ottenere finanziamenti per il suo progetto dei sogni, un nuovo adattamento di “Ayn Rand”.a monte. Fu solo alla fine del 1976 che ottenne il via libera per un altro film, “The Deer Hunter”, un dramma su tre giovani di una città operaia nella Pennsylvania occidentale, il cui servizio nella guerra del Vietnam si rivelò orribile.

“The Deer Hunter” è stato finanziato da uno studio start-up, la United States Division EMI. I suoi produttori erano affamati di un successo prestigioso, ma, come dice Elton, “per motivi fiscali” la produzione doveva iniziare rapidamente. Nella folle corsa per avviare le riprese nel marzo 1977, lo studio ha effettuato meno controlli su Cimino del solito per un film ad alto budget. Ha portato un altro scrittore, Derek Washburn, con cui aveva lavorato in precedenza, e ancora una volta ha rimosso il nome del suo assistente dalla sceneggiatura. (Richiamato in un giudizio di una Writers Guild.) Ha scelto un’ampia varietà di luoghi – sparsi in tutto il paese (dalla Pennsylvania a Washington) e, di fatto, in tutto il mondo (Thailandia) – che avrebbero fornito al film l’autenticità e i dettagli che cercato. È stato riferito che poiché la caccia nel film si è svolta in autunno ma è stata girata in estate, le foglie erano dipinte di giallo e incollate agli alberi. Cimino ha spedito due grandi cervi sulle colline, dove trenta membri dell’equipaggio li hanno trainati in casse. Il pezzo straordinario del film, la scena del matrimonio ortodosso russo, ha richiesto duecentocinquanta pezzi aggiuntivi; Erano dieci pagine di testo e Cimino aveva detto al suo produttore che sarebbe stato adeguatamente breve sullo schermo. Ma, nel primo montaggio di Cimino, quella scena è durata settantacinque minuti. In Thailandia, hanno girato nel mezzo di un colpo di stato militare. Alla fine della produzione, Cimino aveva girato circa cento ore di filmati e il budget era raddoppiato, da $ 7,5 milioni a quindici milioni di dollari. Era contrattualmente obbligato a portare il film in meno di due ore, altrimenti perdeva il diritto al montaggio finale. I produttori gli hanno dato una mezz’ora in più; Cimino non lo taglierà meno di tre ore. Ha portato di nascosto la sua storia fuori dalla sala di montaggio, l’ha mostrata in privato a persone influenti del settore e ha orchestrato una campagna di lobbying che ha funzionato, perché il film, di questa lunghezza, ha dimostrato drammaticamente di essere trasmesso a coloro che l’hanno visto.

READ  Un'altra pizzeria e ristorante italiano apre a Colorado Springs | Arte e spettacolo

Cimino era un esperto di tattica. Ha capito come manipolare il sistema e le sue centrali elettriche per realizzare i suoi film come meglio credeva. Nonostante la qualità di “Thunderbolt and Lightfoot”, indica a malapena la portata della visione di Cimino. Era già sulla trentina e “The Deer Hunter” era la sua grande opportunità per mettersi al passo con i suoi coetanei – e ce l’ha fatta. Il suo senso del dramma è inseparabile dal suo senso del paesaggio. La sua arte è un’arte granulosa e sensuale che condivide un occhio fanatico per i dettagli grafici con il suo lavoro negli spot pubblicitari. Nel dirigere “Il cacciatore di cervi”, Cimino è stato astuto, doppio, categorico e ha lavorato. Il film ha ricevuto ottime recensioni, è stato un enorme successo al botteghino, ha ricevuto nove nomination agli Oscar e ne ha vinti cinque, tra cui Miglior Regista e Miglior Film.