Luglio 3, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Una coppia di pionieri traduce il nord Italia in Santa Barbara

Una coppia di pionieri traduce il nord Italia in Santa Barbara

Oltre 40 anni fa ho trascorso un’estate universitaria a Santa Barbara, di giorno studiando il cinema italiano del dopoguerra e di notte immergendomi nella scena musicale new wave locale, che faceva affidamento su punk rock, surf, reggae e persino tiki. Molti dei miei colleghi si sono tagliati i capelli e hanno tinto il resto di viola. Sembrava un momento di rivoluzione culturale.

Ho bevuto vino e birra a livello studentesco, ignaro di un altro tipo di rivoluzione che si stava agitando, quella che avrebbe trasformato la contea di Santa Barbara in una delle scene enologiche più libere della California.

Nel corso degli anni, man mano che i miei standard sono migliorati, ho assaggiato vini migliori, migliori, più vivaci e deliziosi della contea di Santa Barbara. Questa primavera, non vedevo l’ora di tornare, dalla mia casa adottiva in Italia, per scoprire Santa Barbara parte di una nuova ondata di vini di ispirazione italiana provenienti dalla California.

Anche prima di attraversare l’oceano, ho imparato una nuova parola del vocabolario per arrivare sul pavimento della terra: “accidentale”. Come nelle catene trasversali della California meridionale e centrale, in particolare le montagne di Santa Ynez a Santa Barbara, che si estendono da ovest a est, piuttosto che da nord-ovest a sud-est, con valli guidate dai venti freddi del Pacifico.

Questa situazione geografica unica si traduce in un mosaico di climi locali in cui vengono coltivati ​​circa 60 vini d’uva, dal Pinot Nero e Chardonnay a clima freddo, al Grenache e Cabernet Sauvignon amanti del caldo fino a una varietà esotica del nord Italia – quelli che mi hanno incuriosito.

afferma Luis Lucas, un agricoltore pioniere di 80 anni che possiede diversi vigneti nella valle di Santa Ynez.

Lucas è stata la mia prima tappa per una buona ragione: il ragazzo sa come coltivare l’uva. Negli anni ’70, prima che arrivasse la folla, piantò migliaia di acri di vigneti nella California centrale. Ha venduto uva e vino a grandi nomi di Napa e Sonoma come Beringer, Chateau Montelena e Kendall-Jackson.

READ  Evangelion 3.0 + 1.0 tre volte in onda su Amazon il 13 agosto

Negli anni ’90, lui e Royce Llewellen hanno fondato Lucas & Lewellen e hanno iniziato a produrre i propri vini dalle varietà Bordeaux, Borgogna e Rodano.

E c’era quella che Lucas chiama nella sua passione caratteristica, “la cosa italiana”.

Nel 1996, i soci hanno acquistato il vigneto di Los Alamos, vecchio di due decenni, dal loro famoso eccentrico vicino, l’agricoltore Joe Carari, che ha coltivato varietà dell’Italia settentrionale (molti lotti insaccati) che vanno dal Nebbiolo al Freisa al Pinot Grigio. Lottando per vendere la maggior parte delle sue uve con profitto, Carrare ha mescolato insieme alcuni grandi lotti invenduti di Zinfandel, Merlot, Petite Sirah e Cabernet Sauvignon, rinnovando il risultato per $ 1,99 a bottiglia come “dago red”.

Lucas e Llewellyn si sono attenuti alla “cosa italiana”, creando il marchio Toccata per una parte del loro raccolto dal vecchio vigneto di Carrare. Guidata dall’enologo Megan McGrath Gates, Toccata vende ora circa 4.000 scatole all’anno, direttamente al consumatore, comprese bottiglie assortite di Nebbiolo, Barbera, Dolcetto, Pinot Grigio e Malvasia, oltre ad alcune insolite miscele italo-francesi.

“Oggi tutto sta andando qui”, dice Lucas. “Ma come Syrah e Merlot, devi coltivare la maggior parte delle varietà italiane in luoghi interessanti per produrre vino interessante”.

Steve Clifton ha iniziato a sperimentare con le uve italiane prima di lanciare il marchio Pinot Nero e Chardonnay che ha reso lui e il partner Greg Brewer famosi nel mondo del vino. (Roberto Camuto)

Una generazione più giovane di Lucas, Steve Clifton, 57 anni, è uno stile diverso di pioniere: un enologo che non possiede vigneti ma gira intorno a luoghi interessanti.

READ  Seven Knights 2 ha debuttato su PC Windows dopo il lancio globale

Clifton si è guadagnato la fama di vino come metà del duo di vinificatori Brewer-Clifton che ha contribuito a creare Sta. Rita Hills Pinot Nero e Chardonnay sulla mappa a partire dalla fine degli anni ’90.

Sette anni fa, quando lui e Greg Brewer iniziarono a vendere le loro partecipazioni in Brewer-Clifton (ora di proprietà di Jackson Family Wines), Clifton si rivolse a quello che da tempo deteneva come un “progetto soul” parallelo: il suo marchio ispirato al nord Italia, Rancho Siscock. Ha lavorato in un’enoteca e nel 1995 ha ottenuto un lavoro come enologo presso Beekman Vineyards.

Dopo aver incontrato Brewer, un ex professore di francese, questa curiosa coppia di produttori di vino ha lanciato Brewer-Clifton nel 1996 con un budget esiguo con l’uva acquistata. Per un po’, hanno affittato uno spazio in un glorificato parco industriale, unendosi a un movimento crescente di produttori di vino del Lompoc Wine Ghetto.

Ma con l’annata 1995, Clifton ha iniziato davvero a smaltare, sperimentando lo stile italiano a casa con un sacco di Sangiovese che ha acquistato da Joe Carrari. “Erano le uniche uve italiane che potevo ottenere”, ricorda. “Non era molto buono e l’ho mescolato con il Merlot”.

Due volte dopo, Clifton ottenne del Nebbiolo e realizzò 72 casse a Lompoc. Dice: “Ero in paradiso”. Ma il paradiso è arrivato con una curva di apprendimento ripida, poiché il Nebbiolo ha sfidato la maggior parte delle regole che conosceva sulla coltivazione e produzione dell’uva rossa.

“Qualsiasi luce solare diretta fa sanguinare il colore da un Nebbiolo, e poi hai una rosa super tannica”, dice. “Il Nebbiolo non è per i deboli di cuore.”

Nel 2000, la formazione di Clifton sul Nebbiolo ha avuto una spinta quando il Dipartimento di Studi Italiani dell’UC Santa Barbara lo ha invitato a partecipare a un evento di degustazione e programma incentrato sul Nebbiolo.

READ  Love Island è diventata Gemma Island e sta diventando noiosa

“Ricordo di aver portato diverse borse sulla spalla, e quando sono arrivato ho visto Luciano Sandron e Roberto Contreno”, ricorda Clifton. “Questi ragazzi erano le mie risorse”.

Clifton fece amicizia con entrambe le icone del Barolo e, nel corso degli anni, si scambiò le tradizionali tecniche agricole, l’invecchiamento del Nebbiolo.

Oggi Elmina produce circa 7.000 casse all’anno, utilizzando uve provenienti da tutta la provincia, con accordi per coltivare o acquistare raccolti da circa una mezza dozzina di vigneti. La stagione della vendemmia va da agosto (per Pinot Grigio e Tocai Friulano) fino a novembre, quando si vendemmia il Nebbiolo e il Lagrein.

Le attuali versioni Nebbiolo del Clifton includono un mix di Santa Barbara del 2016 e tre selezioni di vitigni singoli (US $ 60- $ 70) rilasciati almeno un decennio dopo, incluso il Nebbiolo Honea più leggero e fiorito e un fulcro di Nebbiolo. -Peso della rucola Nebulu.

Gli smalti potrebbero non aver ottenuto lo stesso successo di Brewer-Clifton, ma i Nebbiolos di Clifton sono tra i vini più raffinati del Vecchio Mondo che ho assaggiato nel Nuovo Mondo.

“Molte volte quando le persone producono vino da varietà italiane, ci piacciono”, dice Clifton. “Ma c’è una mentalità completamente diversa per le varietà italiane. Sono vini che si bevono con il cibo. Non sono vini che si bevono con altri vini”.


Per ulteriori informazioni sulla nuova ondata di varietà italiane in California, leggi la Parte 1: A Slice of Southern Italy a Paso Robles, Parte 2: Portare il Mediterraneo nella California del Nord e Parte 3: Il capitalista Kevin e Doomsday Dunn.