Giugno 19, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

‘Un uomo perfetto e coraggioso’ – Il boss dell’Italia Mancini rende omaggio al ‘fratello’ Willy descrivendo l’ultimo incontro con il defunto amico

‘Un uomo perfetto e coraggioso’ – Il boss dell’Italia Mancini rende omaggio al ‘fratello’ Willy descrivendo l’ultimo incontro con il defunto amico

L’allenatore dell’Italia Roberto Mancini ha reso omaggio al suo caro amico Gianluca Vialli, morto giovedì all’età di 58 anni.

L’allenatore dell’Italia ha reso omaggio al suo caro amico ed ex compagno di squadra Gianluca Vialli. È morto giovedì all’età di 58 anni dopo una lunga battaglia contro il cancro.

A Vialli è stato diagnosticato un cancro al pancreas per la seconda volta nel 2021 e in precedenza gli era stato dato il via libera nell’aprile 2020 dopo una battaglia di 17 mesi contro la stessa condizione.

Il tecnico azzurro Mancini condivide un legame molto stretto con Willy, che è stato suo compagno di squadra alla Sampdoria e il cui amico è anche a capo della delegazione nel suo staff tecnico dell’Italia.

Mancini ha ricordato l’ultima volta che ha visto il suo amico il 29 dicembre GazettaDice: “Era debole, con una voce piccola, ma molto chiara. Abbiamo parlato un po’ di tutto e mi ha chiesto dell’incontro con i giovani a dicembre. Voleva sapere lo stato di avanzamento del progetto”.

Ketty

In un sentito omaggio, ha detto Mancini Il Corriere dello Sport: “Luca rideva, abbiamo scherzato, gli ho detto che lui alla Sampdoria guadagna più di me, e il presidente lo paga più di me. Dopo l’addio di Sinisa, mi manca un altro fratello che amavo, un fratellino. Per chiamarlo.

“Ci siamo conosciuti quando avevamo 16 anni e non ci siamo mai lasciati. Tutto il viaggio insieme. Le giovanili azzurre, la Nazionale, i Campionati, le gioie e i dolori, le vittorie e le sconfitte. Quelle due notti a Wembley. Una volta abbiamo pianto di tristezza e amarezza tanti anni fa. Un’altra volta, prima che morisse, uniti dal destino, abbiamo pianto di gioia. Gianluca era il migliore di noi, un attaccante completo, un uomo perfetto e coraggioso”.

READ  Brie Larson, Bo Derek, Katie Holmes visitano l'Italia per le riprese di Sartecna

Roberto Mancini ItaliaBelle foto

Il tecnico azzurro ha continuato: “Ho creduto a lungo che potesse diventare il presidente della Sampdoria, e avrebbe aperto una storia straordinaria quando era un calciatore. È stato un privilegio e una vita essere suo amico e compagno di squadra nel calcio .

“Mi ha reso felice. Ha avuto un ruolo chiave nel successo degli Europei. I giocatori lo adoravano. Gianluca aveva una forza e un coraggio che non conoscevamo. Ha combattuto la malattia ed è rimasto con noi fino a quel momento. Può.

“Dopo Sinisa, saluterò un altro fratello. Con la sua forza, gli offrirò qualcosa di importante che abbiamo sognato per tutta la vita”.