Febbraio 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un uomo della Pennsylvania ha cercato di acquistare resti umani rubati: la polizia

Un uomo della Pennsylvania ha cercato di acquistare resti umani rubati: la polizia

Un uomo della Pennsylvania è stato accusato di uso improprio di un cadavere, ricettazione di proprietà e altre accuse dopo che la polizia ha affermato di aver tentato di acquistare resti umani rubati da una donna dell’Arkansas per una possibile rivendita su Facebook.

Jeremy Lee Polley avrebbe tentato di acquistare resti umani rubati. (AFP)

Un portavoce dell’Università dell’Arkansas per le scienze mediche a Little Rock ha confermato che i resti saranno donati alla struttura UAMS.

Sono stati derubati dai servizi funebri centrali dell’Arkansas a Little Rock da un impiegato dell’obitorio e venduti, ha detto la portavoce dell’UAMS Leslie Taylor, aggiungendo che un’indagine federale è aperta.

“Rispettiamo coloro che donano i loro corpi e siamo sconvolti dal fatto che una cosa del genere possa accadere”, ha detto Taylor.

Un rappresentante dell’obitorio si è avvicinato a un giornalista che ha chiamato giovedì per un commento.

Il portavoce dell’FBI di Little Rock, Conor Hagan, ha detto che l’ufficio era a conoscenza dell’incidente in Pennsylvania “ma non avrebbe commentato le indagini in corso”. Nessuna accusa era stata avanzata giovedì contro la donna dell’Arkansas.

La polizia di East Pennsboro, in Pennsylvania, ha annunciato l’arresto e l’incriminazione del 40enne Jeremy Lee Polley di Enola, in Pennsylvania. Pauli è stato arrestato il 22 luglio ed è comparso in tribunale per la prima volta giovedì.

Le chiamate a un avvocato che rappresenta Pauley non hanno ricevuto risposta giovedì. Pauley è stato rilasciato su cauzione di $ 70.000, secondo i registri del tribunale.

Sulla sua pagina Facebook, Pauli ha pubblicato foto di borse e mucchi di femore, con una che commentava: “Raccogli più ossa mediche da ordinare”. La pagina Facebook che usa per commercializzare le sue parti del corpo si chiama “The Grand Wunderkammer”, “venditori di mostre bizzarre e insolite, conferenze per gli ospiti, intrattenimento dal vivo e molto altro! Strano, curioso e unico in ogni modo!” fornisce un collegamento al suo sito web.

READ  Guerra d'Israele: la tatuatrice tedesca Shani Luke è stata uccisa da terroristi che si filmavano mentre le sputavano addosso

“Penso di aver visto tutto, e poi è successo qualcosa del genere”, ha detto Sean McCormack, il procuratore generale della contea di Cumberland, in Pennsylvania, dove Pauley è stato incriminato. La domanda a cui dovevamo rispondere era vendere organi o ossa ancora illegale… o legale? Con nostra sorpresa, alcuni di loro erano legali. Mentre le indagini continuano, sta diventando chiaro che si stanno verificando anche attività illegali”.

Pauli, che si è descritto come un collezionista di quelle che ha definito “anomalie”, comprese le parti del corpo umano, ha affermato che i resti sono stati ottenuti legalmente quando la polizia lo ha contattato per la prima volta, secondo la testimonianza della polizia. Gli scheletri completi hanno deciso di acquisire legalmente.

Tuttavia, dopo un secondo suggerimento sui nuovi resti a casa di Polly, gli investigatori tornano a casa per trovare acquisti più recenti. La polizia ha trovato tre secchi da cinque galloni contenenti una varietà di parti del corpo, compresi i bambini, e le forze dell’ordine federali e statali hanno intercettato i pacchi indirizzati a Paulie da una donna dell’Arkansas che contenevano parti del corpo.

Pauli ha detto agli investigatori che intendeva rivendere le parti del corpo, secondo la dichiarazione giurata. Gli investigatori affermano che Pauley avrebbe pagato la donna dell’Arkansa $ 5.700 per parti del corpo tramite Facebook Messenger.

Facebook non ha risposto ai messaggi in cerca di feedback sulle pagine di Pauley. Tuttavia, i suoi standard comunitari vietano lo sfruttamento umano e vietano espressamente la vendita di parti del corpo attraverso le sue politiche commerciali e pubblicitarie.