Settembre 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un terzo della popolazione del Pakistan è sott’acqua mentre 500.000 persone fuggono nei campi dopo le inondazioni

Quasi 500.000 persone vivono nei campi dopo aver perso la casa a causa delle inondazioni che hanno lasciato un terzo del Pakistan sott’acqua, a seguito di piogge monsoniche senza precedenti che hanno ucciso almeno 1.130 persone.

Le piogge che hanno inghiottito il Pakistan da metà giugno di questa settimana sono cessate e le inondazioni si sono attenuate in alcune aree.

Ma i pakistani in molte parti del Paese stanno ancora guadando le acque che hanno riempito le loro case e coperto le loro strade.

In uno dei peggiori incidenti di inondazione, almeno 11 persone sono rimaste uccise quando una nave di soccorso volontaria che stava evacuando 24 persone si è capovolta nelle acque allagate del fiume Indo.

I media hanno riferito che molti di loro sono ancora dispersi nel colpo di stato, avvenuto vicino alla città meridionale di Bilawalpur.

Il ministro del clima Sherry Rehman e i meteorologi hanno dichiarato all’Associated Press che a settembre sono previste altre piogge monsoniche.

I funzionari affermano che i monsoni hanno colpito prima e più duramente del solito dall’inizio dell’estate, più recentemente con forti piogge la scorsa settimana che hanno colpito quasi l’intero paese.

Il ministro pakistano per i cambiamenti climatici Sherry Rehman parla durante un'intervista.
Sherry Rahman dice che le piogge monsoniche sono cadute prima e più duramente del solito. (AFP: Rahmat Gul)

La signora Rehman ha detto che il Pakistan è abituato ai monsoni e alle inondazioni, ma non così.

“Quello che abbiamo visto di recente nelle ultime otto settimane è una cascata continua di pioggia torrenziale che non è stata accompagnata da nessun monsone prima”, ha detto.

Le piogge torrenziali sono state le ultime di una serie di disastri che secondo la Rahman sono stati esacerbati dai cambiamenti climatici, comprese ondate di calore, incendi ed eruzioni di laghi glaciali.

Dal 1959, il Pakistan è responsabile solo dello 0,4% delle emissioni storiche di anidride carbonica del mondo.

Gli Stati Uniti erano responsabili del 21,5%, la Cina del 16,5% e l’Unione Europea del 15%.

“Il clima non conosce confini e i suoi effetti possono essere avvertiti in modo sproporzionato”, ha affermato la signora Rahman.

“Siamo in prima linea in una crisi globale”.

Le inondazioni di quest’estate hanno ucciso più di 1.136 persone e ferito 1.636, oltre a danneggiare un milione di case, ha affermato l’Autorità nazionale per la gestione dei disastri del Pakistan.

Oltre alle 498.000 persone che vivono nei campi di soccorso, si ritiene che molte vivano con parenti, amici o all’estero.

Gli aiuti internazionali stanno iniziando ad affluire in Pakistan e l’esercito sta aiutando a distribuire aiuti in aree remote e ad evacuare i senzatetto.

Le inondazioni hanno distrutto più di 150 ponti e spazzato via molte strade, rendendo difficili le operazioni di soccorso.

Le persone guadano le acque alluvionali con i loro averi in Pakistan.
Inondazioni su larga scala causate dai “brutali monsoni” hanno ucciso più di 1.000 persone quest’estate.(AFP: Zahid Hussain)

Il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif ha affermato che le piogge finora sono state le più intense degli ultimi tre decenni.

“Ho visto acque alluvionali ovunque, ovunque sono andato negli ultimi giorni e anche oggi”, ha detto Sharif nella città nord-orientale di Charsadda.

Circa 180.000 persone sono state evacuate in città dopo che il fiume Swat ha straripato e inondato le comunità vicine.

Sharif ha detto che il governo fornirà alloggi a tutti coloro che hanno perso la casa.

Ma molti degli sfollati hanno anche perso i raccolti e le attività.

Una vittima dell’alluvione a Charsadda ha detto: “Sono seduto con la mia famiglia in una tenda, come posso andare a lavorare? Anche se esco in cerca di lavoro, chi mi darà lavoro perché c’è acqua ovunque”. .

Un altro ha detto che i soldati l’hanno evacuata in barca. È scoppiata in lacrime mentre ha raccontato come la sua casa è crollata a causa delle inondazioni.

“I soldati e i volontari ci hanno dato una tenda e cibo”, ha detto.

“Le acque dell’alluvione si ritireranno presto, ma non abbiamo i soldi per ricostruire la nostra casa”.

Al via i soccorsi internazionali

Almeno 6.500 soldati sono stati dispiegati per aiutare, con aerei militari, elicotteri, camion e barche utilizzati per evacuare le persone e fornire aiuti.

Una tenda improvvisata nelle acque alluvionali mentre una famiglia si rifugia all'interno.
Una famiglia siede sotto una tenda eretta accanto alla loro casa demolita.(AFP: Zahid Hussain)

Molti degli sfollati si sono lamentati del fatto che stavano ancora aspettando aiuto e alcuni hanno affermato di aver ricevuto tende ma senza cibo.

Le autorità pakistane hanno affermato che la devastazione di quest’anno è peggiore rispetto al 2010, quando le inondazioni hanno ucciso 1.700 persone.

Secondo il generale Qamar Javed Bajwa, comandante dell’esercito pakistano, il Paese potrebbe impiegare anni per riprendersi.

Ha fatto appello ai pakistani che vivono all’estero per donare generosamente alle vittime delle inondazioni.

READ  Bali riapre ai voli internazionali da 19 paesi approvati mentre i casi COVID diminuiscono dopo l'aumento delle vaccinazioni