Febbraio 5, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un team della NASA si prepara al ritorno della navicella spaziale Orion al largo della costa di San Diego – NBC7 San Diego

Mentre la Florida, il Texas e Pasadena, in California, sono spesso hub per l’universo degli astronauti della NASA qui sulla Terra, San Diego avrà il suo momento al chiaro di luna quando la navicella spaziale Orion completerà l’ultima tappa del viaggio. Missione di Artemide I Domenica.

Orion – la capsula che un giorno trasporterà la prima donna americana e la prima persona di colore sulla superficie della luna, e potrebbe eventualmente portare gli umani su Marte – è entrata nella sua ultima orbita attorno alla luna lunedì e stava appena iniziando la sua spinta verso l’oceano Pacifico. Oceano.

La posizione esatta dei flussi non è stata ancora determinata. Ma, se tutto va come previsto, Orion scenderà in mare a circa 50 miglia dalla costa della più bella città d’America domenica pomeriggio.


Il guida visiva Di seguito delinea ogni fase della missione Artemis I. Fai clic su Fase tre per vedere cosa c’è in serbo per Orion quando tornerà sulla Terra domenica. Ulteriori informazioni qui.


Il team di recupero di ingegneri e tecnici della NASA Earth Exploration Systems (EGS), sommozzatori e marinai della Marina degli Stati Uniti è stato a Portland, San Diego poco dopo il Ringraziamento per fare pratica in quello che dovrebbe essere un ritorno impressionante.

La squadra si è addestrata per tre giorni al largo della costa per avvolgere una capsula fittizia e caricarla sulla nave base navale trasportata a San Diego, scelta perché era una nave anfibia con un ponte di volo e quello che è noto come un pozzo che conduce nell’oceano.

“La missione che stiamo svolgendo è di natura anfibia; è solo che di solito recuperano imbarcazioni offshore o hovercraft, invece di farlo, siamo semplicemente ossessionati dall’orbita”, ha dichiarato John Ryan, capitano della USS Portland.

READ  Gli scienziati hanno concluso che le cime di Plutone sono vulcani di ghiaccio di Plutone

Video di dimostrazioni pratiche Più di una dozzina di marinai della marina su diverse barche incontrano un immaginario Orion in mare. Dopo che una serie di cavi e ganci sono stati fissati alla nave, una linea nota come argano tira Orion in una culla gialla all’interno del ponte della nave. L’acqua viene quindi restituita al mare e Orion viene trasportato sano e salvo a riva.

Sembra facile in teoria, ma qualsiasi errore di calcolo, qualsiasi urto contro Orion potrebbe essere dannoso per la capsula.

Quando arriverà il momento di recuperare il vero Orion, l’intero processo richiederà circa sei ore, tempo sufficiente anche per completare una serie di test e raccogliere dati critici per le future missioni. Ad esempio, lo scudo termico che impedirà a Orion, e in ultima analisi agli astronauti, di bruciare quando penetra nell’atmosfera terrestre a temperature di 5.000 gradi deve subire circa un’ora e mezza di dati di immagine raccolti prima che una squadra di recupero possa portarlo a bordo. La nave USS Portland.

“Questa missione riguarda la raccolta di dati, quindi la tempistica del recupero sarà di circa sei ore”, ha dichiarato il coordinatore del lander e del recupero della NASA Melissa Jones. “Stiamo raccogliendo molti di questi dati per i nostri obiettivi di test di volo e staremo molto attenti con la capsula. Siamo pronti e onorati come team integrato per portare Orion a casa nell’ultima tappa del suo volo .”

Se Orion è presidiato, la squadra di recupero avrà solo circa due ore per portare a terra gli astronauti per una valutazione medica.

“Tutto quello che stiamo facendo ora è imparare come anticipare le missioni con equipaggio”, ha aggiunto Jones.

Mentre la ripresa si consolida, un fattore importante è letteralmente lasciato in sospeso: dove esattamente schizzerà Orion? Dipenderà tutto da Jones e dal direttore di volo Judd Freleng.

Il sito ideale per un “luogo di incontro”, come lo chiama l’equipaggio, è il sito in cui la squadra di recupero si stava effettivamente addestrando, un luogo all’interno dell’area di addestramento della flotta controllata dalla Marina degli Stati Uniti soprannominata “Sito di San Deigo 3”. Tuttavia, il fatto che tale posizione possa essere utilizzata dipende da una serie di fattori meteorologici, tra cui la velocità del vento e il modello delle onde. Se la posizione 3 non è un’opzione, ci sono diverse posizioni alternative più al largo di San Diego. Se nessuno di questi funzionasse, disse Frieling, la Orion e la USS Portland potrebbero finire al punto di ritrovo di Lee a nord, verso l’isola di San Clemente.

Una mappa della NASA mostra la posizione ideale di atterraggio di Orion al largo della costa di San Diego, nonché diversi obiettivi di riserva. Una linea viola intenso mostra la traiettoria del bersaglio di Orion.

Prima che la squadra di recupero possa operare, Orion deve prima affrontare un turbolento ritorno sulla Terra. Il suo obiettivo principale è evitare di bruciare quando rientra nell’atmosfera terrestre… non è un’impresa facile quando sei a 40.000 piedi sopra la Terra e viaggi a circa 24.500 miglia all’ora. Nel frattempo, la squadra di controllo di volo a terra perderà il segnale con Orion per cinque minuti e mezzo.

Una volta che il veicolo spaziale si trova a circa 200.000 piedi sopra la Terra, ruoterà nella direzione opposta e tornerà nello spazio. “Aspetta… di nuovo nello spazio?” Tu chiedi. Quello che si rivelerà essere un bug è ciò che la NASA chiama la nuova tecnologia “salta ingresso”, che essenzialmente scivolerà su Orione come un masso attraverso l’atmosfera terrestre. Quando Orion orbiterà di nuovo per tornare sulla Terra, la capsula si troverà su una traiettoria più diretta verso un punto di atterraggio più vicino alla costa, il più vicino nella storia della NASA, proteggendo così i futuri astronauti che devono raggiungere rapidamente il volo spaziale post-valutazione.

Mentre Orion ritorna all’interno del globo, la capsula continuerà a decelerare con l’aiuto dell’attrito dell’aria. Quando la capsula raggiungerà i 150.000 piedi, viaggerà a 8.500 miglia all’ora; a 100.000 piedi, 2.400 mph; E a 50kft, rallenterà solo fino a 528 mph. I paracadute verranno rilasciati per rallentare Orion fino a 20 mph, che è la velocità a cui Orion viaggerà mentre cade nell’Oceano Pacifico.

Artemis è il programma di lancio lunare della NASA, che mira a riportare gli astronauti sulla superficie lunare entro il 2025.

La squadra di recupero prende il sopravvento da lì, ed è allora che il Navy Boatsmate 2nd Class Matthew Foster inizia la missione. Come timoniere, manovrerà la barca che rimorchia l’Orion alla USS Portland. Ha impiegato un semestre insieme al Dipartimento della Difesa e alla NASA per ottenere un addestramento adeguato per questa parte della missione, e non vuole rovinare tutto.

“Questo è davvero un tipo di cosa una volta nella carriera. Nessuno ha davvero un’opportunità del genere”, ha detto Foster, aggiungendo che stava pensando: “Non scherzare, fai solo quello che sei addestrato da fare.”

Sa che il suo ruolo è una piccola parte di un programma che alla fine potrebbe portare l’umanità nello spazio profondo.

Il Missione di Artemide I È solo la prima fase del programma Moonshot della NASA. La prossima fase della missione vedrà i primi esseri umani a bordo di un veicolo spaziale della NASA in 50 anni. La terza fase intende farli atterrare sulla luna.

“Quando parliamo di continuare l’esplorazione sulla superficie della Luna e salire su Marte, Artemis I è quel passo”, ha dichiarato ad agosto James Frye, assistente allo sviluppo dei sistemi di esplorazione della NASA. “Il nostro prossimo passo dopo è Artemis II, stiamo mettendo l’equipaggio su II. Artemis III, siamo al limite e dove faremo atterrare la prima donna e la prima persona di colore in questo programma Artemis. “

Ci sono obiettivi più ambiziosi per Artemis IV, secondo l’amministratore della NASA Bill Nelson: viaggi nello spazio dalla Luna a Marte.

In definitiva, la NASA spera di stabilire una base sulla Luna e inviare astronauti su Marte entro la fine degli anni ’30 o all’inizio degli anni ’40. E quando l’umanità assisterà al prossimo balzo da gigante dell’umanità, possiamo guardare indietro e sapere che San Diego è stato un piccolo passo per portarli lì.