Febbraio 6, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un regista di 84 anni guarda l’anima di un asino in “EO”

Un regista di 84 anni guarda l'anima di un asino in "EO"

Gli occhi lo hanno fatto. Il regista Jerzy Skolimowski ha deciso alcuni anni fa che il suo prossimo film avrebbe riguardato un animale. Lui e sua moglie e co-sceneggiatrice Ewa Piaskowska erano annoiati dalla struttura e dai dialoghi tradizionali dei film e volevano fare qualcosa di diverso.

Ma non sapevano quale animale scegliere. Fuori c’erano cani e gatti. Pensavano che fosse sopravvalutato. Poi incontrano l’asino, una creatura stoica intelligente che ha un significato storico non solo nella religione ma anche nel cinema, il più famoso nel capolavoro di Robert Bresson del 1966 “Ohsard Balthazar”. Ma sono stati quegli occhi enormi ed espressivi a convincerli a trovare una stella che potesse reggere la cornice.

il film risultante, EO“, è la storia di un asino da circo che viene sottratto al suo padrone e intraprende un lungo viaggio spirituale attraverso la moderna campagna polacca e italiana, incontrando umani buoni e duri. Eo non parla, ma sogna e tu puoi’ Non posso fare a meno di sentire il suo fardello, la sua solitudine e la sua speranza in tutto il paese.

“Volevamo che questo film fosse più un’esperienza che un lungometraggio tradizionale”, ha detto Piaskowska in una recente intervista con Skolimowski insieme a lei. “Eravamo molto consapevoli del fatto che volevamo parlare allo spettatore attraverso l’emozione soprattutto perché il nostro eroe è privo di parole. L’idea fin dall’inizio era che non volevamo raccontare la storia di un asino, ma abbiamo volevo che il pubblico si sentisse come un asino.

Skolimovsky, che ha 84 anni e gira film dal 1960, ha ricevuto ampi elogi cinematografici in un anno vorticoso. Dopo una lunghissima produzione iniziata nel 2020 e rimandata più volte a causa della pandemia, si sono finalmente conclusi a marzo e due mesi dopo erano al Festival di Cannes dove ha vinto il Premio della Giuria.. Da allora, “EO” è stato scelto per rappresentare la Polonia agli Academy Awards, ha vinto diversi prestigiosi Critics’ Choice Awards ed è stato nominato Miglior film dell’anno da Manohla Dargis del New York Times.

READ  Il cinema svizzero si fa strada tra i giganti d'Europa

Sebbene ci fosse un mal di testa dovuto all’epidemia, la produzione era in realtà un lavoro molto tranquillo. Hanno usato sei asini per interpretare Eo, chiamati Marietta, Taco, Hula, Ettore, Rocco e Mila, e tutti si sono assicurati di creare un ambiente confortevole e di supporto per far sì che gli asini facessero ciò che dovevano fare.

“È stato tutto molto calmo, molto fluido”, ha detto Skolimowski. “Non c’era fretta e le persone hanno davvero mantenuto i nervi saldi”.

Se hanno bisogno che l’asino attraversi il ponte e l’asino non vuole attraversare il ponte, tutto quello che possono fare è aspettare.

“Il tempo non esiste più”, ha detto Piaskowska, che ha anche prodotto il film. “Gli dai delle carote e poi aspetti ancora un po’. Poi prova l’altro asino. Non posso dirti quanto fossero belle le combinazioni. Tutti usano una voce molto carina. Tutti sorridono. Eravamo come bambini all’asilo che inventano modi per convincere l’asino a fare questo o quello”.

Entrambi danno particolare merito al direttore della fotografia Michal Dymick, che a volte ha girato dal punto di vista dell’asino, e al montatore Agnieszka Glińska per i tagli e le giustapposizioni abili che aiutano la performance e il pubblico a investire nella vita emotiva dell’animale senza usare il dialogo. Al compositore Pawel Mikitin è stato chiesto di pensare alla colonna sonora come al monologo interiore di Eo.

“Invece di fare un dialogo”, ha detto Skolimowski, “produceva il suono che esprimeva l’emozione, lo stato d’animo dell’animale”. “Lo ha fatto in un modo così perfetto, perfetto. Penso che il film debba molto a lui”.

Dare lodi e complimenti, ha detto, è qualcosa di nuovo per Skolimowski. Ma forse parte del successo del film è dovuto al cast di generazioni (e generi).

READ  "Tale Of King Crab" e Italian Film Arthouse - Box Office di specialità - Scadenza

“Penso che la più grande differenza tra ‘EO’ e gli altri miei film sia che, per la prima volta, sono stato in grado di utilizzare appieno il talento, l’entusiasmo e la buona volontà dei miei colleghi”, ha detto Skolimowski. “Prima ero un po’ egoista, mettendomi di fronte al film”.

Attribuisce questo sviluppo a una pausa di 17 anni dal cinema, in cui si è ripreso a dipingere, una passione che ha sempre avuto ma non ha mai avuto abbastanza tempo per esercitarsi. A quel tempo, ha detto, era diventato “un giovane artista affamato, ma non egoista come lo ero io come giovane regista affamato”.

“Ora posso essere più generoso e generoso nei confronti dei miei collaboratori, che hanno dato un enorme contributo al film”, ha detto Skolimowski.

—-

Segui la sceneggiatrice di AP Film Lindsey Bahr su Twitter: www.twitter.com/ldbahr.