Settembre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un presentatore televisivo che ha intervistato i talebani è fuggito dall’Afghanistan | Afghanistan

Ha fatto notizia in tutto il mondo come prima giornalista donna a intervistare un leader talebano dopo la caduta di Kabul, portando molti a chiedersi se i militanti abbiano davvero adottato una posizione più moderata e rispettosa nei confronti dei diritti delle donne.

Ma per la conduttrice televisiva afghana Beheshta Arghand, nei giorni successivi a quel momento apparentemente storico, sono stati svelati i veri colori del nuovo regime talebano. Temendo per la sua vita e le sue libertà, la 24enne è fuggita in Qatar, descrivendo come i talebani stessero già reprimendo le giornaliste.

“Le donne… i talebani non accettano”, ha detto Arghan a Reuters dal Qatar. “Quando un gruppo di persone non ti accetta come essere umano, ha un’immagine nella mente di te, è molto difficile.”

L’intervista televisiva di Argand, con un alto funzionario talebano in diretta, è stata una propaganda per i militanti che ha fatto notizia in tutto il mondo. Il funzionario talebano era arrivato in studio senza invito il 17 agosto, due giorni dopo la caduta di Kabul, e aveva chiesto un’intervista.

“Ho visto che sono venuti [to the Tolo News television station]. Sono rimasto scioccato, ho perso il controllo… mi sono detto che sarebbero potuti venire a chiederti perché sei venuto in studio”.

Nonostante il suo shock, Argand – che aveva lavorato come presentatrice per il canale di notizie afghano per poco più di un mese – si è aggiustata l’hijab, ha controllato i suoi vestiti per assicurarsi che nessuna parte del suo corpo fosse visibile e ha iniziato a farle domande. Ha vinto riconoscimenti per la sua calma e piacevole interazione, e il momento è stato successivamente descritto come “inimmaginabile” rispetto all’ultima volta che i talebani hanno governato. Afghanistan Dal 1996 al 2001, quando alle donne è stata negata la possibilità di studiare, lavorare o anche uscire da sole.

READ  Il volo MH370 della Malaysia Airlines ha lasciato "percorsi sbagliati" prima di scomparire

Ma Argand ha detto che la facciata moderata dei talebani è presto svanita dalle telecamere e nei giorni seguenti la sua vita si è trasformata in un incubo. I talebani hanno ordinato a Tolo News di far indossare a tutte le donne un velo, un foulard che copre strettamente la testa ma lascia scoperto il viso. I talebani hanno sospeso anche la corrispondenza femminile in altre stazioni.

Ha detto che il gruppo islamico ha chiesto ai media locali di smettere di parlare della sua presa del potere e del suo governo. “Quando non puoi [even] Fai domande facili, come puoi essere un giornalista? chiese Argan.

Ha detto che molti dei suoi colleghi giornalisti hanno già lasciato il paese nonostante le assicurazioni talebane che la libertà dei media migliora ogni giorno e che le donne riceveranno un’istruzione e un lavoro. Mentre osservava la situazione sulla sua stazione di notizie peggiorare per le donne, Argand sentiva che era troppo pericoloso per lei rimanere in Afghanistan.

Insieme alla madre, alle sorelle e ai fratelli, è riuscita a organizzare un’evacuazione in Qatar con l’aiuto di Malala Yousafzai, premio Nobel che è sopravvissuta a un colpo di pistola da parte di un talebano pakistano nel 2012 per la sua campagna per l’istruzione di donne e ragazze. .

Dopo che l’Afghanistan è caduto nelle mani dei talebani, Arghand ha rilasciato un’intervista a Yousafzai. Giorni dopo, l’ha invitata ad aiutare a fuggire dal paese come parte dell’evacuazione guidata dagli Stati Uniti.

“Ho chiamato Malala e le ho chiesto se poteva fare qualcosa per me”, ha detto.

Cosa potrebbe significare il governo dei talebani per l'Afghanistan?  Video spiegazione
Cosa potrebbe significare il governo dei talebani per l’Afghanistan? Video spiegazione

Nonostante l’impegno dei talebani a concedere alle donne il diritto allo studio e al lavoro con il loro nuovo sistema, i resoconti di tutto il paese iniziano a raccontare una storia diversa. Domenica a Kandahar, roccaforte dei talebani, le presentatrici sono state bandite dalla radio e dalla televisione. In tutto il paese, alle donne è stato impedito di frequentare le università, le scuole femminili sono state chiuse, le poliziotte sono state minacciate e in alcune zone le donne non possono più andare senza accompagnamento.

Nonostante sia arrivata a Doha con la sua famiglia il 24 agosto, Argand ha detto di aver lottato con tutto ciò che si è lasciata alle spalle, dalla sua casa alla professione che amava.

“Quando mi sono seduta sull’aereo, mi sono detta: ora non hai più niente”, ha detto.