Settembre 27, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un pezzo d’Italia in giro per il mondo: l’ascesa e la caduta di Alitalia

Un pezzo d'Italia in giro per il mondo: l'ascesa e la caduta di Alitalia

Silvia Marchetti, CNN

Arrivederci Alitalia.

La storica compagnia aerea italiana ha annunciato che non rilascerà più i biglietti, contando solo poche settimane prima che la sua familiare colorazione rosso-verde scompaia per sempre dai nostri cieli.

La compagnia aerea di proprietà nazionale sarà sostituita in ottobre da ITA, una compagnia aerea più piccola con un logo diverso, ma il servizio che un tempo portava l’orgoglio, lo stile e la cucina italiani, per non parlare di Pope, in tutti gli angoli del mondo sarà scomparso da tempo.

Mentre la scomparsa di Alitalia può portare un senso di perdita a molti italiani, è improbabile che sia una sorpresa. La compagnia aerea ha trascorso gli ultimi decenni sull’orlo del collasso mentre le autorità cercano alleanze di ancoraggio con investitori e altre compagnie aeree globali.

«Ogni volta sono riuscito a salvarla, anche se l’unica conseguenza di prolungare la sua sofferenza», racconta Giovanni Orsina, direttore della School of Government dell’Università LUISS di Roma.

Fondata 74 anni fa, una volta gli italiani sapevano che la “freccia alata” – nota anche come “freccia alata” in onore della velocità – si ritirerà definitivamente. La coda dell’aereo portava il famoso emblema della capitale a forma di ala di aeroplano ed era colorata come la bandiera italiana.

Al di là della cucina e dei marchi, era forse uno dei simboli più riconoscibili dell’Italia all’estero.

Quando le famiglie italiane sono tornate a casa da un volo lontano e hanno messo piede su un aereo Alitalia, dove la padrona di casa finalmente le ha salutate con un caldo “bongorno” e ha servito a pranzo spaghetti al pomodoro e cotoletta alla milanese, è stato come tornare a casa. Per ammazzare il tempo i passeggeri possono leggere i quotidiani nazionali italiani.

benedizione papale

Alitalia è molto orgogliosa del modo e del cibo italiani. Gli assistenti di volo negli anni ’50 indossavano eleganti uniformi disegnate dalla casa di moda Sorel Fontana. Negli anni successivi, ha creato un elenco impressionante che include Della Biagiotti, Alberto Fabiani, Renato Palestra e persino Giorgio Armani, con abiti eleganti e comode sedute.

READ  UB Events Calendar - Lecture in Statistical and Nonlinear Physics - Exploring the Nearby Possible: Play, Expectation, and Surprise Di Vittorio Loreto

La calda cucina italiana servita a bordo a volte ha reso l’azienda una delle preferite dai viaggiatori internazionali. Duty free vendeva profumi, orologi, sciarpe e cravatte italiani di lusso. In tempi non illuminati, i mariti di ritorno da un lungo volo portavano alle loro mogli l’ultimo pezzo di boutique.

La compagnia ha avuto anche la benedizione delle autorità religiose. Dal 1964 opera regolarmente come compagnia aerea ufficiale del Papa, dove le dimensioni dell’aereo variano in base alla distanza percorsa. L’aereo che trasporta il Papa è comunemente chiamato “Primo Pastore” – l’equivalente papale dell’aereo presidenziale – e porta il numero di volo AZ4000.

Non era tutto glamour e prestigio per Alitalia. Negli ultimi 30 anni, il governo italiano ha versato miliardi di euro nella compagnia aerea nel tentativo di salvarla dall’estinzione e mantenere i suoi dipendenti al lavoro.

Ma, afferma Orsina, la compagnia aerea semplicemente non è riuscita a far fronte alla concorrenza globale e ad adattarsi ai cambiamenti nel settore dell’aviazione.

“La caduta di Alitalia è l’ultimo simbolo della difficoltà storica e stagionale che l’Italia ha nell’affrontare la globalizzazione e l’aumento della concorrenza”, ha detto alla CNN. “L’industria dei viaggi ha attraversato una rivoluzione mentre Alitalia era bloccata in una situazione di stallo, soffocata da aziende, lobbisti, sindacati e pressioni politiche per tenerla a galla nonostante i suoi problemi e le realtà in evoluzione del settore”.

Orsina dice che Alitalia ha mostrato poca resilienza. Non è riuscita a tenere il passo con l’arrivo di vettori economici, che operano con equipaggi più piccoli e offrono tariffe più competitive, nuovi aeromobili e un elenco più ampio di destinazioni globali.

Sebbene l’Italia sia sempre stata una popolare destinazione turistica, i profitti di Alitalia hanno continuato a diminuire a causa dell’aumento della concorrenza, dei debiti accumulati e del fallimento. L’azienda più volte è passata alla gestione straordinaria. Diverse missioni di salvataggio sono state effettuate senza successo a lungo termine.

READ  Le persone in lutto salutano l'artista italiano

“Raggiungere il fondo”

Sulla scia degli attentati dell’11 settembre 2001 agli Stati Uniti, che hanno gravemente colpito il settore aereo, Alitalia ha subito un duro colpo, ma il colpo fatale è stato probabilmente la pandemia di Covid-19.

“Le autorità hanno continuato a rilanciarlo, credendo che Alitalia non potesse fallire, ma ci sono dei limiti e siamo arrivati ​​al fondo”, dice Orsina. “È come curare un paziente nelle sue ultime fasi. Puoi provare a fargli sentire meno dolore per un po’, ma non per sempre. Questa è testardaggine terapeutica”.

L’età d’oro di Alitalia inizia negli anni ’50, quando la ricostruzione nel secondo dopoguerra portò a un boom economico in Italia e le famiglie poterono finalmente viaggiare in località remote.

“L’Italia era un paese sconfitto che si stava riprendendo dalle ferite della seconda guerra mondiale e Alitalia è arrivata a rappresentare la speranza collettiva e l’identità nazionale. Trasmetteva un senso di appartenenza”, afferma Gregory Alleghi, esperto di industria aeronautica.

Con l’avvento dell’era aeronautica, le Olimpiadi estive del 1960 a Roma hanno contribuito a diffondere la fama di Alitalia in tutto il mondo: l’azienda ha persino realizzato un poster che mostra un giavellotto che vola sopra la sua testa.

“Avere una petroliera di stato era un must per l’Italia e un simbolo di orgoglio nazionale e patriottismo”, dice Orsina. “L’Italia non poteva permettersi di non averne uno, era come avere la polizia e i carabinieri. Alitalia era un accessorio indispensabile allo Stato perché era come un pezzo d’Italia che faceva il giro del mondo”, racconta Orsina.

I problemi di Alitalia sono iniziati negli anni ’90 quando l’abolizione delle restrizioni europee ha reso il traffico aereo più competitivo e le ferrovie italiane si sono rafforzate, secondo l’esperto di aviazione Aleghi.

Ritardi e cancellazioni

La situazione è peggiorata quando le autorità hanno tentato di privatizzare Alitalia, che ha portato a una ricerca infinita di partner di trasporto e uomini d’affari disposti a sostenere lo stato di fronte alle sfide del libero mercato. Tutti i partenariati sono falliti, mentre i sindacati hanno lottato contro i piani di licenziamento.

READ  Potere di arrivo e pubblicità

E mentre Alitalia era amata come un’icona, era spesso odiata dai suoi passeggeri.

Orsina afferma che la crisi senza fine ha finalmente peggiorato la qualità del servizio, con scioperi del personale, ritardi o cancellazioni dei voli e un minor numero di voli a lungo raggio. Gli italiani iniziano a sentirsi frustrati.

secondo Sondaggi recenti La maggior parte crede che lo stato avrebbe dovuto smettere da tempo di finanziare l’azienda con i soldi dei contribuenti.

Non ha offuscato la nostalgia che i piloti, i capitani e gli host in pensione provano per i vecchi tempi, quando gli stipendi erano alti e un lavoro arrivava con benefici e prestigio.

Rosetta Scrogle, ex viaggiatrice in Alitalia che si reca regolarmente in Asia per lavoro, lamenta che le proteste sindacali le abbiano fatto perdere importanti incontri all’estero.

“Il volo era in ritardo, o il più delle volte è stato cancellato”, dice. “Ho passato ore ad aspettare alla stazione e ho perso il bagaglio diverse volte. È bello volare con una compagnia aerea nazionale se le cose vanno bene, altrimenti potrebbe essere l’inferno. Il patriottismo non ha nulla a che fare con questo, e l’efficienza è la chiave”.

Scrogli ha anche lamentato che Alitalia viaggiava in Asia via Milano, senza voli diretti da Roma.

Sebbene si sappia ancora poco sul successore designato della compagnia aerea, secondo Alegi, ci sono speranze che l’ITA abbia successo dove Alitalia ha fallito.

Ma dal momento che sarà di proprietà statale, almeno a breve termine, nessuno si aspetta ancora che aumenti.

Cavo della CNN
™ & © 2021 Cable News Network, Inc. , una società della WarnerMedia. Tutti i diritti riservati.