Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un nuovo studio mostra che l’epidemia del virus Corona ha colpito l’Asia orientale 20.000 anni fa

Un team di ricercatori australiani e statunitensi ha trovato prove dell’epidemia di coronavirus che si è diffusa più di 20.000 anni fa nell’Asia orientale, secondo uno studio pubblicato giovedì sulla rivista scientifica Current Biology.

Nello studio, i ricercatori hanno studiato i genomi di oltre 2.500 persone provenienti da 26 diverse popolazioni in tutto il mondo. Hanno identificato la prima interazione del genoma umano con i coronavirus, che ha lasciato impronte genetiche sul DNA delle persone moderne dell’Asia orientale.

I genomi che hanno studiato contengono informazioni evolutive sugli esseri umani risalenti a centinaia di migliaia di anni, informazioni che abbiamo imparato a decifrare solo negli ultimi anni, ha affermato l’autore principale Yassin Swelmi.

I virus funzionano copiandosi. Tuttavia, non hanno i propri strumenti per eseguire la trascrizione. “Quindi in realtà dipendono da un ospite, motivo per cui invadono un ospite e quindi dirottano i loro organi per fare copie di se stessi”, ha detto Soelmi.

Il rapimento di cellule umane lascia un segno che ora possiamo osservare, fornendo prove concrete che i nostri antenati sono stati esposti e adattati ai coronavirus.

Nel genoma, i ricercatori hanno scoperto che questi segnali genetici sono collegati al coronavirus in cinque diversi gruppi situati in Cina, Giappone e Vietnam. Swelmi ha aggiunto che l’epidemia potrebbe essersi diffusa al di fuori di questi paesi, ma i dati non sono disponibili in altre parti della regione, quindi non c’è modo di saperlo.

Tra quella popolazione, ha detto Swelmi, i ricercatori hanno trovato un gruppo infetto che aveva sviluppato una mutazione benefica che li ha aiutati a proteggerli dal coronavirus. Quelli con la mutazione, ha detto, avevano un “vantaggio di sopravvivenza” – il che significa che nel tempo la popolazione era composta da più persone con la mutazione rispetto a quelle senza.

READ  39 dei residenti vaccinati della contea di Bay Area sono risultati positivi al Covid

“Per un lungo periodo di tempo, durante il periodo di esposizione, questo lascia una traccia molto visibile nei genomi dei loro discendenti”, ha detto Swelmi. “E questa è la firma che stiamo effettivamente usando per rilevare questa antica pandemia, così come i tempi di questa antica pandemia”.

Lo studio ha affermato che la piaga del coronavirus si è verificata separatamente tra diverse regioni e si è diffusa in tutta l’Asia orientale come pandemia.

Tuttavia, gli scienziati non sanno come gli anziani abbiano vissuto la pandemia, in parte perché non è stato chiaro se fosse qualcosa di stagionale come l’influenza, o in corso – come la pandemia di Covid-19 – che infetta le persone e continua a diffondere tutto. tempo.