Luglio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un nuovo film italiano su Netflix ispirato a una storia vera

Un nuovo film italiano su Netflix ispirato a una storia vera

NetflixNFLX
È uscita una nuova commedia italiana, L’Isola delle Rose (L’Isola delle Rose), il 9 dicembre. È una commedia divertente diretta da Sydney Sibilia basata su una storia vera che mostra come la realtà a volte sia più strana della finzione.

Se volete fuggire per due ore nel calore di un’isola italiana, questo è il film che fa per voi. È una commedia leggera e divertente, ma sfortunatamente sembra un po’ lunga.

I suoi eventi si svolgono nel 1968, L’Isola delle Rose Le vicende del film ruotano attorno a Giorgio Rosa (Elio Germano), un ingegnere neolaureato, che decide di costruire un’isola al largo di Rimini con l’aiuto dell’amico Maurizio (Leonardo Ledi). Sembra che Giorgio abbia costruito il suo paradiso, lontano da regole e leggi. Tuttavia, il governo italiano decide che l’idilliaca isola di Giorgio è il nemico numero uno dell’Italia, dopo aver saputo della richiesta di Rosa alle Nazioni Unite affinché la sua isola diventi uno stato indipendente.

L’Isola delle Rose Il film inizia, lontano dalle soleggiate coste italiane, nella città innevata di Strasburgo. Giorgio Rosa attende da giorni che il Consiglio d’Europa esamini il suo caso. Il diplomatico francese Jean-Baptiste Thoma (interpretato da François Cluzet) decide di ascoltare il caso di Rosa dopo aver visto il sigillo delle Nazioni Unite sul suo fascicolo. Il film racconta tutto ciò che Rosa racconta a Toma e poi al Consiglio d’Europa per ottenere l’indipendenza dell’isola da lui costruita.

Giorgio è un ingegnere eccentrico che si sente incompreso. I suoi genitori non gli parlano più e la sua ex fidanzata, Gabriella (Matilda De Angelis, protagonista di… fare marcia indietro), sta per sposare un altro uomo. Dopo essere stato licenziato dal lavoro—apparentemente perché stava sognando mentre lavorava invece di prestare attenzione, provocando un grave incidente—Giorgio progetta di costruire la propria isola, simile alle piattaforme di perforazione in mare aperto.

Giorgio chiede al suo caro amico Maurizio, che lavora nel cantiere navale di suo padre, di aiutarlo a costruire l’isola al largo di Rimini, in acque internazionali, fuori dalla giurisdizione italiana. Maurizio, che sta appropriandosi indebitamente dell’attività del padre, usa i soldi per acquistare materiali per costruire la piattaforma di 400 metri quadrati. Dopo aver accolto un emarginato (Alberto Astori), un apolide organizzatore di club tedesco di nome Neumann (Tom Vlasciha), e infine l’adolescente incinta Franca (Violeta Zeroni), l’isola diventa rapidamente un centro di feste per i turisti sulla costa italiana. I giovani affollano l’isola per festeggiare lontano dagli occhi indiscreti di chi sfida le regole. L’isola diventa un grande business esentasse.

Ma con l’avvicinarsi dell’inverno, la squadra ritiene che la festa finirà presto. Giorgio è ancora aggrappato al suo sogno di vivere in un posto lontano da regole e leggi. Decide di rivolgersi alle Nazioni Unite per diventare un’isola indipendente. Si nomina presidente e tutti e quattro i sopravvissuti diventano ministri. L’esperanto diventa la loro lingua nazionale e disegnano i propri francobolli.

Ma il governo italiano, venuto a conoscenza della cosa tramite una imbarazzante telefonata delle Nazioni Unite, ha fatto ricorso a ogni tattica possibile per smantellare l’Isola delle Rose. Quando il governo italiano cominciò a minacciare di distruggere l’isola, Giorgio si rivolse al Consiglio d’Europa per chiedere aiuto.

Questa è una commedia italiana divertente e diventa ancora più interessante quando sai che è basata su una grande storia vera. L’unico vero difetto di questo film è che si trascina troppo a lungo, quindi sembra che si esaurisca proprio prima della fine. Tuttavia, è un film divertente in cui rifugiarsi e ti fa chiedere se sia possibile creare il tuo microstato senza regole.

READ  Invia, Viaggi di esplorazione: Lusso non convenzionale: Travel Weekly