Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un nuovo booster che funziona contro il ceppo covid prevalente

Nel frattempo, la variante altamente trasmissibile XBB.1.5 di Omicron – soprannominata da alcuni “Kraken” – è ora il ceppo SARS-CoV-2 dominante negli Stati Uniti, che il CDC prevede rappresenti poco più del 49% dei casi nel paese come la scorsa settimana.

all’inizio di questo mese, L’Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che XBB.1.5 è la variante più trasmissibile fino ad oggi, ed è commercializzato in dozzine di paesi. Sebbene non ci sia stata ancora un’ondata catastrofica negli Stati Uniti, c’è stato un picco di decessi questo mese, con una media di 564 persone che muoiono di Covid-19 ogni giorno dal 18 gennaio, rispetto a una media di 384 in tutto il paese.in tutto il mondo. Stessa ora di dicembre.

il studiare l’efficacia del nuovo vaccino, che ha utilizzato i dati del National Pharmacy Program per i test Covid, ha rilevato che il richiamo bivalente offriva una protezione maggiore del 48% contro le infezioni incrociate da XBB e XBB.1.5 sottovarianti tra le persone che avevano assunto il richiamo nei due o tre mesi precedenti, rispetto alle persone che avevano ricevuto da due a quattro dosi monovalenti.

Ha anche fornito il 52% in più di protezione contro l’infezione sintomatica rispetto alla variante BA.5, sebbene, secondo le stime del CDC, BA.5 abbia rappresentato solo il 2% circa dei casi negli Stati Uniti la scorsa settimana.

I funzionari dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno avvertito che i risultati riflettono il tasso di protezione a livello di popolazione e che i rischi individuali di infezione variano.

“È difficile interpretarlo come un rischio per un individuo, perché ognuno è diverso”, ha affermato Ruth Link-Gillis, autrice dello studio sull’efficacia del vaccino pubblicato mercoledì su MMWR. “Il loro sistema immunitario è diverso e la loro storia passata con precedenti infezioni è diversa. Possono avere condizioni sottostanti che li rendono più o meno a rischio di ammalarsi di COVID-19”.

READ  La sonda Artemis 1 Orion vede la luna per la prima volta in video

Ha anche affermato che non è chiaro, dati i limiti dello studio, quanto durerà la protezione del richiamo bivalente.

“È troppo presto per sapere come andrà a finire il declino del vaccino bivalente”, ha affermato. “Quello che abbiamo visto in passato è che la tua protezione dura più a lungo se hai una malattia più grave. Quindi, anche se potresti avere una protezione ridotta nel tempo dalle infezioni sintomatiche, probabilmente sei ancora protetto da malattie più gravi per un periodo più lungo periodo di tempo.” “.