Luglio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un migrante sopravvissuto a un naufragio è stato arrestato in Italia dopo aver presumibilmente strangolato una ragazza irachena di 16 anni davanti a sua madre, annegata su una nave Med dopo aver visto annegare sua moglie e sua figlia.

Un migrante sopravvissuto a un naufragio è stato arrestato in Italia dopo aver presumibilmente strangolato una ragazza irachena di 16 anni davanti a sua madre, annegata su una nave Med dopo aver visto annegare sua moglie e sua figlia.
  • Sopravvissuto al naufragio iracheno arrestato per l’omicidio di un ragazzo di 16 anni
  • 12 persone sono state salvate dal veliero turco
  • Il bilancio delle vittime è salito a 36, ​​con 70 persone a bordo

Un sopravvissuto al disastro di una nave di migranti che ha ucciso decine di persone è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso un’adolescente irachena a bordo.

In un comunicato, le autorità hanno affermato che lo yacht era salpato dall’Italia quando l’uomo “è morto asfissiato ed è morto dopo aver sfogato la sua aggressione sulla figlia di un altro uomo, una ragazza irachena di 16 anni”.

Lo riferisce un quotidiano italiano Corriere della SeraLa migrante, 27 anni, ha strangolato la ragazza davanti alla madre scioccata mentre saliva sulla barca che affondava.

Dodici persone sono state salvate dalla nave, che secondo la polizia trasportava circa 70 persone, poiché più della metà sono state trovate morte.

La nave, originaria della Turchia, si è schiantata a circa 120 miglia nautiche al largo della costa meridionale dell’Italia.

Uno dei 12 sopravvissuti al naufragio di una nave di migranti che ha ucciso decine di persone è stato arrestato con l’accusa di aver ucciso un’adolescente irachena a bordo.

I soccorritori hanno detto che c’erano circa 70 persone a bordo dello yacht e 12 sono state soccorse dalla guardia costiera italiana e portate a riva. Uno dei soccorsi è morto poco dopo

I sopravvissuti furono portati in porto a Rosella Ionica il 17 giugno. Tuttavia, una donna in seguito morì.

Gli sforzi di ricerca hanno successivamente recuperato altri 35 corpi dall’acqua, hanno detto martedì le autorità locali, portando il bilancio delle vittime a 36.

Tra i corpi rinvenuti in mare figuravano 15 minorenni.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati UNHCR, l’Organizzazione internazionale per le migrazioni e l’UNICEF, l’agenzia delle Nazioni Unite per l’infanzia, hanno affermato che i migranti provenivano da Iran, Siria e Iraq.

Il sopravvissuto è detenuto nel carcere di Catanzaro, capoluogo della regione Calabria, dopo essere stato accusato di omicidio, ha detto la polizia.

READ  Ryanair prevede una significativa espansione delle operazioni in Spagna e Italia

Martedì le forze di sicurezza nel Kurdistan iracheno hanno annunciato l’arresto di quattro trafficanti di esseri umani in relazione al naufragio.

Fare clic qui per ridimensionare questo blocco

Secondo i resoconti delle organizzazioni non governative e delle famiglie delle vittime, le barche a vela erano per lo più immigrati curdi provenienti dall’Iraq e dall’Iran, insieme a famiglie afghane.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni delle Nazioni Unite, lo scorso anno sono morti o sono scomparsi nel Mediterraneo circa 3.155 migranti e quest’anno sono morti più di 1.000.

La rotta migratoria del Mediterraneo centrale, dove si trova l’Italia, è la più pericolosa del mondo e rappresenta l’80% delle morti in quel mare.

Migliaia di migranti partono per l’Europa via mare dalla Libia e dalla Tunisia, con l’Italia spesso il primo punto di sbarco.

Molti migranti provenienti da paesi africani partono dai porti della Libia, dove i trafficanti di esseri umani hanno sfruttato l’instabilità del paese.

Le persone provenienti dal Medio Oriente spesso tentano di intraprendere il viaggio più breve ma meno pericoloso verso ovest attraverso il Mediterraneo, dalla Turchia attraverso Iraq, Iran, Siria, Pakistan e Afghanistan.

Nel 2016 la Turchia ha firmato un accordo con l’Unione Europea per impedire a migranti e rifugiati di entrare in Grecia in cambio di 6 miliardi di euro – e 6 miliardi di euro successivamente per fornire infrastrutture e aiuti umanitari ai migranti accolti.

Secondo l’accordo, le autorità turche fermerebbero i migranti che tentano di raggiungere la Grecia e accetterebbero il ritorno di coloro che lo hanno fatto.

Per ogni migrante turco rimpatriato dalla Grecia, l’UE consentirà l’ingresso in Turchia di un rifugiato siriano.

READ  Silvino dell'Albania è deluso dalla sconfitta dell'Italia dopo un inizio record

Ma nel 2020, Ankara ha affermato che l’accordo non poteva più essere applicato e ha rifiutato di accettare ritorni dalla Grecia, il che potrebbe aver contribuito alle presunte azioni della guardia costiera greca.

Gli agenti della Guardia Costiera recuperano i corpi dei migranti dopo il naufragio in Italia

All’inizio di questo mese, la Grecia ha negato i risultati di un rapporto della BBC, accusando la sua guardia costiera di impedire brutalmente ai migranti di raggiungere le coste greche e accusando la pratica di provocare dozzine di morti.

Il portavoce del governo greco Pavlos Marinakis ha insistito sul fatto che non c’erano prove a sostegno delle accuse.

“La nostra comprensione è che ciò che è stato riportato non è stato dimostrato”, ha detto in una conferenza stampa regolare quando gli è stato chiesto informazioni sulle affermazioni.

“Ogni denuncia viene esaminata e, alla fine, i risultati rilevanti vengono resi pubblici.”

Secondo i dati delle Nazioni Unite, dal 2014 sono morti o scomparsi nel Mediterraneo più di 23.500 migranti.

ONU Le agenzie hanno esortato i governi dell’UE a intensificare gli sforzi di ricerca e salvataggio nel Mediterraneo e ad espandere le rotte migratorie legali e sicure in modo che i migranti “non siano costretti a rischiare la vita in mare”.

All’inizio di questo mese, 11 corpi sono stati recuperati in mare al largo delle coste libiche, mentre un’altra imbarcazione di migranti proveniente dalla Turchia si è arenata appena al largo della città di Kudro in Calabria, uccidendo almeno 94 persone.