Maggio 8, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un insegnante di italiano in pensione ha lasciato 25 milioni di euro ad alcuni ospedali e associazioni di beneficenza. Non è chiaro da dove provenisse la ricchezza della donna, ma la stampa italiana ha suggerito che il denaro fosse probabilmente ereditato.

Un insegnante italiano in pensione ha donato più di 25 milioni di euro a ospedali e enti di beneficenza, sorprendenti residenti della città settentrionale di Genova dove viveva, e Reuters ha riferito venerdì che non si sa nulla della ricchezza della donna.

Marisa Gavanna è morta nel dicembre dello scorso anno all’età di 96 anni. È stata descritta dai conoscenti come una donna isolata che non si è mai sposata e non ha mai partecipato a eventi sociali.

Il quotidiano genovese Il Secolo scrisse le proprie condoglianze nel XIX, dedicando “un caro ricordo a una lunga lista di alunni”.

La sua proprietà vale circa 40 milioni di euro. Non è chiaro da dove provenisse la ricchezza della donna, ma la stampa italiana ha suggerito che il denaro fosse probabilmente ereditato.

L’Ospedale pediatrico Coslini di Genova riceverà circa மில்லியன் 5 milioni, mentre l’Ospedale del colera riceverà una cifra simile e la casa della donna.

“È una risorsa enorme del valore di milioni di euro. Ci ha detto di venderla e di utilizzare i soldi per la ricerca e l’innovazione”, ha affermato Adriano Lagostena, direttore dell’Ospedale del colera.

L’ospedale non conosceva l’eredità fino alla morte della donna. Lagostena ha detto di non conoscere personalmente Gavana, ma è stato curato nell’ospedale che gestisce.

“Abbiamo ricevuto altre donazioni significative in passato, ma niente di così grande”, ha detto Lagostena.

Altre donazioni vanno a organizzazioni per i diritti umani e enti di beneficenza in Italia e all’estero, tra cui Amnesty International. Secondo i media italiani, l’ex insegnante ha lasciato il resto della sua ricchezza ai suoi assistenti, familiari e amici.

Fonte: AcerPress

Immagine Paulo Trapatoni A partire dal Pixabay

READ  Studenti benedettini isolati in Italia, in attesa delle prossime tappe