Febbraio 27, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un film cinese accusa una rivista italiana di promuovere una setta

Un film cinese accusa una rivista italiana di promuovere una setta

Un ente statale cinese ha ripubblicato un film di propaganda contro una rivista italiana sui diritti umani e la libertà religiosa Inverno amaroUn rapporto afferma che l'organismo madre li accusa di promuovere movimenti settari vietati.

Il film è proiettato dall'Associazione cinese Anti-Xie Jiao, un'organizzazione antisette L'amaro inverno della fede: sette infiltrate In tutto il paese dalla fine di dicembre, Inverno amaro Segnalato il 1 gennaio.

Il film critica la rivista e il suo ente fondatore, il Centro per lo studio delle nuove religioni (CESNUR), in quanto promotori di sette vietate in Cina, inclusa la Chiesa di Dio Onnipotente (CDO).

Il film è uscito per la prima volta a Bruxelles lo scorso giugno. È in mostra in tutta la Cina dal 20 dicembre, afferma il rapporto.

Massimo Introvini, direttore del CESNUR, ha affermato che il film diffonde menzogne ​​assurde e lo ha definito il film anti-sette più stupido mai realizzato dal regime comunista del Paese.

Il film contiene una lunga lista di accuse contro le sette, Sisnor e Inverno amaro È stato redatto senza verificare le fonti né dargli alcun ordine razionale, ha detto Introvini.

Essi [the allegations] Ha aggiunto che queste informazioni sono così ridicole e false da confermare che il film di propaganda cinese è stato prodotto frettolosamente da agenti di basso livello.

Il documentario è diretto dalla regista russa Natalia Becheryan.

Secondo Introvigne Roland Delcourt, un noto viaggiatore del Partito Comunista Cinese (PCC) ha presentato il film al pubblico di 20 membri durante il suo lancio a giugno.

READ  Vince l'Eurovision, la band ucraina pubblica il nuovo video di guerra | intrattenimento

Ha detto che il film è stato meritatamente dimenticato, costringendo l'Associazione cinese Anti-Xie Jiao a ripubblicarlo.

Anche Introvini ha smentito tale affermazione Inverno amaro Si occupava principalmente di CDO.

La CDO è uno delle dozzine di controversi movimenti religiosi conosciuti come Xie Jiao (Culti malvagi/eretici) e vietato in Cina. I suoi membri affrontano una brutale persecuzione da parte dello Stato.

La CDO, nota anche come Lampo da Levante, è considerata un movimento radicale marginale dai principali gruppi cristiani. I rapporti dicono che si ritiene che il movimento abbia tra i 3 e i 4 milioni di membri in Cina.

Fondato nel 1991, il movimento crede che Gesù sia rinato sotto forma di una donna cinese di nome Yang Xiangbin, capo della chiesa.

Si dice che Yang e il suo compagno Zhao Weishan si siano trasferiti negli Stati Uniti nel 2000 e abbiano supervisionato le operazioni della CDO da New York City.

Il movimento è stato accusato di utilizzare metodi di reclutamento illegali come il rapimento per espandersi.

Il gruppo è stato criticato dopo che Zhao Weiyang ha dichiarato guerra aperta al Partito Comunista Cinese, ufficialmente ateo, chiamandolo Drago Rosso.

Fu bandito e centinaia dei suoi membri furono imprigionati e torturati proprio come un altro noto movimento settario, il Falun Gong.

Inverno amaro Cita spesso i problemi affrontati dalla CDO e dal Falun Gong, che sono tra i gruppi religiosi più perseguitati in Cina.

Stiamo facendo un rapporto al riguardo [religious persecution]. Tuttavia, un semplice sguardo ai nostri indici rivelerà che nel 2022 e nel 2023 abbiamo pubblicato più di 1.500 articoli, otto dei quali affrontano la CDO, ha affermato Introvini.

READ  La cantautrice di Nashville Anna Scott condivide il suo notturno locale preferito: 5 per venerdì

Il gruppo per i diritti umani classifica abitualmente la Cina come uno dei maggiori violatori al mondo della libertà di religione o di credo.

Nel suo rapporto annuale sulla persecuzione del 2022 pubblicato lo scorso febbraio, il gruppo di difesa con sede negli Stati Uniti ChinaAid ha criticato il regime comunista per molteplici forme di persecuzione contro gruppi religiosi registrati e non registrati, tra cui la sinicizzazione, riforme educative e diffuse violazioni dei diritti, insieme a leggi severe.

Il rapporto afferma che i funzionari del Partito comunista cinese hanno partecipato alla demolizione delle chiese per sopprimere il cristianesimo e la sua pratica nel Paese.

Nel corso del 2022, chiese e luoghi di culto cristiani, compresi i cattolici, sono stati demoliti a Dalian, Jiangxi, Tongguan, Shaanxi e in altre province, afferma il rapporto.