Luglio 20, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un credito d’imposta italiano riformato sarà aperto “prima dell’estate” con un focus sui talenti cresciuti in casa

Un credito d’imposta italiano riformato sarà aperto “prima dell’estate” con un focus sui talenti cresciuti in casa

Lucia Borgonzoni; Cr: picco AVP

In Italia sarà possibile presentare domanda per il credito d’imposta riformato sull’audiovisivo “entro l’inizio dell’estate” Lo afferma Lucia Borgonzoni, sottosegretario al Ministero della Cultura, al nostro sito gemello uno schermo.

Borgonzoni ha affermato che le modifiche concentreranno l’agevolazione fiscale sulle produzioni girate in Italia, con talenti italiani, che non utilizzano eccessivamente l’intelligenza artificiale e che sono destinate a un’uscita nelle sale.

I produttori locali e internazionali aspettano dall’inizio dell’anno che il governo emani modelli e linee guida per ottenere il credito d’imposta italiano per il 2024.

L’esenzione fiscale, con un’aliquota principale del 40%, ha portato a un boom della produzione nel paese, sia da parte di registi locali che di film internazionali. Ma il governo ha annunciato l’anno scorso che stava lavorando a riforme sull’esenzione fiscalePer “innalzare la qualità” dei progetti che ottengono finanziamenti, soprattutto nella preoccupazione che molti film italiani vengano prodotti ma non visti dal pubblico.

Ma le riparazioni hanno richiesto tempo e i ritardi hanno portato diverse società di produzione italiane e internazionali a rinviare le riprese principali o ad abbandonare del tutto i piani di girare in Italia. Ad aprile, 21 sindacati si sono uniti a personalità di spicco dell’industria cinematografica italiana per esprimere le loro preoccupazioni sulle difficoltà nell’accesso ai finanziamenti pubblici che hanno bloccato le produzioni cinematografiche e televisive di fascia alta nel Paese.

La formulazione è completa

Borgonzoni, responsabile del dipartimento cinema presso il Ministero della Cultura italiano, ha sottolineato che le modifiche all’esenzione fiscale fanno parte di una più ampia riforma del finanziamento del cinema italiano e che il suo ministero ha terminato la stesura della riforma.

READ  La produzione dell'opera Manitoba di Mozart trasporta il pubblico nel deserto canadese - Winnipeg Free Press

“I decreti sono tutti pronti. Sono in attesa dell’approvazione definitiva del Ministero delle Finanze. Aspettiamo anche – anche se non vincolante – l’approvazione del Ministero dell’Industria.

Ha detto che le riparazioni sarebbero state completate “prima dell’estate”.

Borgonzoni ha affermato che le modifiche non sono intese a ridurre i soldi disponibili per finanziare l’agevolazione fiscale, ma a “risolvere alcune delle anomalie” nell’agevolazione fiscale.

Queste includono la garanzia che sia pienamente applicata solo al denaro speso in Italia e al lavoro svolto dagli esseri umani piuttosto che dall’intelligenza artificiale, ha affermato. L’agevolazione fiscale offrirà anche un più generoso 40% per i film che impiegano talenti più o meno italiani.

Anche i film italiani che ricevono l’agevolazione fiscale devono essere proiettati nelle sale per un periodo di tempo specifico, dopo le preoccupazioni che pochi riuscissero a garantire una distribuzione significativa. Per le produzioni italiane, la nuova tassa porrà anche un tetto agli stipendi dei talenti chiave per garantire che lo Stato non sovvenzioni alti livelli di retribuzione; Tuttavia, il tetto massimo di 650.000 euro è relativamente generoso per un regista.

Borgonzoni ha inoltre affermato che la riforma del finanziamento del cinema vedrà la creazione di un nuovo fondo da 52 milioni di euro per la produzione di film e serie che raccontino storie italiane di respiro globale. “Vogliamo spingere i produttori italiani a provare a raccontare storie… su di loro [subjects like] Gucci o Ferraris, magari fanno coproduzioni ma gli italiani dove sono?

Caratteristica 2023 Ferrari Diretto dal regista americano Michael Mann e scritto da Troy Kennedy Martin, nel 2021 Casa Gucci Diretto da Ridley Scott nel Regno Unito. Entrambi avevano come protagonista l’attore americano Adam Driver.

READ  Recensione Futura - I ragazzi italiani raccontano la loro vita in uno studio rigoroso e complesso | Film

“Vorremmo che queste storie fossero raccontate con l’iniziativa e la partecipazione italiana”, ha detto Borgonzoni.

Questa storia è stata originariamente pubblicata sul nostro sito gemello Screen