Agosto 9, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un cane da guardia del governo afferma che i messaggi di testo inviati dai servizi segreti il ​​giorno dell’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti sono stati cancellati

Gli agenti dei servizi segreti hanno cancellato i messaggi di testo inviati e ricevuti nel periodo dell’attacco del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti dopo che gli era stato chiesto di condurre un’indagine sull’insurrezione, ha scoperto un cane da guardia del governo.

In una lettera vista dall’Associated Press, l’Ufficio dell’ispettore generale del Dipartimento per la sicurezza interna (OIG) ha affermato che i messaggi del 5 gennaio e del 6 gennaio 2021 sono stati cancellati “come parte del programma di sostituzione del dispositivo”.

La lettera diceva che le trascrizioni erano state cancellate dopo che l’Office of Oversight aveva richiesto registrazioni delle comunicazioni elettroniche tra i clienti come parte delle sue indagini sugli eventi che circondavano l’attacco del 6 gennaio.

Inoltre, al personale della sicurezza nazionale è stato detto che non potevano fornire documenti all’ispettore generale e che tutti i documenti avrebbero dovuto essere prima esaminati da un procuratore del dipartimento.

“Questa revisione ha portato a un ritardo di diverse settimane nell’ottenimento dei record da parte dell’OIG e ha creato confusione sul fatto che tutti i record fossero stati prodotti o meno”, si legge nella lettera.

La lettera, datata mercoledì 13 luglio 2022, è stata inviata ai leader delle Commissioni per la sicurezza interna della Camera e del Senato.

Giovedì il portavoce dei servizi segreti Anthony Guglielmi ha contestato la lettera.

“L’insinuazione che i servizi di intelligence abbiano maliziosamente cancellato i messaggi di testo a seguito di una richiesta è una falsa allusione”, ha affermato.

“In effetti, i servizi segreti hanno collaborato pienamente con l’OIG sotto ogni aspetto, che si tratti di interviste, documenti, e-mail o messaggi”.

I sostenitori di Trump scalano un muro di pietra durante una rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti.
I sostenitori di Donald Trump scalano la parete ovest durante l’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio 2021.(AFP: José Luis Magana)

Guglielmi ha affermato che i servizi segreti hanno iniziato a ripristinare i suoi dispositivi mobili alle impostazioni di fabbrica nel gennaio 2021 “come parte di una migrazione del sistema di tre mesi pre-pianificata”.

Nel processo, alcuni dati sono andati persi.

Ha detto che l’ispettore generale ha richiesto per la prima volta le comunicazioni elettroniche il 26 febbraio “dopo che l’immigrazione era in pieno svolgimento”.

“I servizi segreti hanno notificato al Dipartimento per la sicurezza interna la perdita di dati su alcuni telefoni, ma hanno confermato all’OIG che nessuno dei testi che stava cercando durante la migrazione è andato perso”, ha detto Guglielmi.

Guglielmi ha affermato che l’affermazione secondo cui ai funzionari dell’OIG non è stato concesso un accesso tempestivo al materiale a causa della revisione da parte dell’avvocato della sicurezza nazionale era stata sollevata in precedenza dall’IGO e non era nemmeno vera.

Ha aggiunto che “il Dipartimento per la sicurezza interna ha ripetutamente e pubblicamente smentito questa accusa, anche in risposta agli ultimi due rapporti semestrali dell’Ufficio dell’Ispettore generale al Congresso”.

L’agenzia ha affermato di aver fornito all’ispettore generale un gran numero di e-mail e chat che includevano conversazioni e dettagli relativi alla data del 6 gennaio.

Ha detto che i messaggi di testo della polizia del Campidoglio in cerca di aiuto sono stati conservati e consegnati all’ufficio dell’ispettore generale.

La commissione che indaga sull’attacco ha mostrato un rinnovato interesse per i servizi segreti dopo la testimonianza dell’ex aiutante della Casa Bianca Cassidy Hutchinson sulle azioni dell’ex presidente Donald Trump il giorno della rivolta.

Cassidy Hutchinson seduta davanti al microfono e guardando avanti
L’ex aiutante Cassidy Hutchinson ha testimoniato all’udienza di indagine sull’attacco del 6 gennaio il 28 giugno. (AFP: J. Scott Applewhite)

Hutchinson ha ricordato di essere stato informato di uno scontro tra Trump e i suoi dettagli quando ha chiesto il trasferimento al Campidoglio, dove i suoi sostenitori hanno successivamente fatto irruzione nell’edificio.

Tuttavia, questi clienti si sono presto opposti al suo account.

Una fonte ha detto all’AP che Robert Engel, l’agente che guidava il SUV presidenziale, e Tony Ornato, il funzionario della sicurezza di Trump, erano disposti a testimoniare sotto giuramento che nessun cliente era stato aggredito e che il signor Volante.

La fonte non ha discusso pubblicamente la questione e ha parlato in condizione di anonimato.

AP

READ  La Cina conduce una "pattuglia di prontezza" militare vicino a Taiwan dopo l'apparente sostegno degli Stati Uniti a Taipei