Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Un anno che dura solo 17,5 ore su ‘Hell Planet’

Iscriviti alla newsletter scientifica Wonder Theory della CNN. Esplora l’universo con notizie di incredibili scoperte, progressi scientifici e altro ancora.



Cnn

Tuttavia, l’esopianeta 55 Cancri e ha diversi nomi Il mondo roccioso situato a 40 anni luce dalla Terra è il più famoso per la sua reputazione di “Hell Planet”.

Questa Terra gigante, così chiamata perché è un pianeta roccioso otto volte la massa della Terra e largo il doppio, ed è così calda che contiene oceano di lava fusa in superficie fino a 3.600°F (1.982°C).

L’interno di un pianeta extrasolare può anche essere pieno di diamanti.

Il pianeta è abbastanza caldo da esserlo rispetto alle guerre stellari mondo lavico giallastroil luogo della battaglia tra Anakin Skywalker e Obi-Wan Kenobi in “La vendetta dei Sith”, e dove Darth Vader in seguito stabilì la sua fortezza, la Fortezza Vader.

Il pianeta, ufficialmente chiamato Janssen, ma indicato anche come 55 Cancri e o 55 Cnc e, orbita attorno alla sua stella ospite Copernicus così da vicino che il mondo frenetico completa un’orbita in meno di un giorno terrestre. Un anno per questo pianeta dura circa 17,5 ore terrestri.

L’orbita incredibilmente stretta è il motivo per cui Jansen ha temperature così calde, così vicine che gli astronomi hanno messo in dubbio la possibilità di un pianeta mentre praticamente abbraccia una stella ospite.

Gli astronomi si sono chiesti se un pianeta sia sempre così vicino alla sua stella.

Un team di ricercatori ha utilizzato un nuovo strumento noto come EXPRES, o EXtreme PREcision Spectrometer, per determinare l’esatta natura dell’orbita del pianeta. I risultati potrebbero aiutare gli astronomi a ottenere nuove informazioni sulla formazione dei pianeti e su come si evolvono questi corpi celesti orbita.

Lo strumento è stato sviluppato a Yale da un team guidato da dall’astronomo Debra Fisher e installato sul Lowell Discovery Telescope al Lowell Observatory di Flagstaff, Arizona. Lo spettrometro è stato in grado di misurare piccoli spostamenti nella luce stellare di Copernico mentre Jansen si spostava tra il nostro pianeta e la stella, proprio come quando la luna oscura il sole durante un’eclissi solare.

I ricercatori hanno determinato che Jansen orbita lungo l’equatore della stella. Ma l’inferno non è l’unico pianeta in orbita attorno a Copernico. Altri quattro pianeti su diversi percorsi orbitali popolano il sistema stellare.

Gli astronomi ritengono che l’orbita eccentrica di Jansen indichi che il pianeta inizialmente ha iniziato in un’orbita più fredda e più distante prima di avvicinarsi a Copernico. Quindi, l’attrazione della gravità dall’equatore della stella ha cambiato l’orbita di Jansen.

la rivista astronomia naturale Giovedì è stato pubblicato uno studio che dettaglia i risultati.

“Gli astronomi ipotizzano che questo pianeta si sia formato molto lontano e poi sia precipitato nella sua orbita attuale”, ha detto in una dichiarazione Fisher, autore senior dello studio e professore di astronomia Eugene Higgins alla Yale University. “Questo volo avrebbe potuto espellere il pianeta dal piano equatoriale della stella, ma questo risultato mostra che il pianeta è molto compatto”.

Nonostante il fatto che Jansen non fosse sempre vicino alla sua stella, gli astronomi hanno concluso che l’esopianeta era sempre caldo.

“Il pianeta era probabilmente così caldo che nulla di ciò che sapevamo sarebbe stato in grado di sopravvivere in superficie”, ha detto in una dichiarazione l’autrice principale dello studio Lily Zhao, ricercatrice presso il Center for Computational Astrophysics di New York presso il Flatiron Institute.

Una volta Jansen si avvicinò a Copernico, il pianeta dell’Inferno È diventato più caldo.

Il nostro sistema solare è piatto come una frittella, con tutti i pianeti che orbitano attorno al sole su un piano piatto perché si sono tutti formati dallo stesso disco di gas e polvere che una volta orbitava intorno al sole.

Quando gli astronomi hanno studiato altri sistemi planetari, hanno scoperto che molti di essi non ospitano pianeti in orbita su un unico piano piatto, il che solleva la questione di quanto sia unico il nostro sistema solare nell’universo.

Questo tipo di dati può fornire maggiori informazioni su come i pianeti e gli ambienti simili alla Terra esistono nell’universo.

“Speriamo di trovare sistemi planetari simili ai nostri e di comprendere meglio i sistemi che già conosciamo”, ha detto Zhao.

L’obiettivo principale dello strumento EXPRES è scoprire pianeti simili alla Terra.

“La nostra precisione con EXPRES oggi è più di 1.000 volte migliore rispetto a 25 anni fa, quando ho iniziato come cacciatore di pianeti”, ha affermato Fisher. “Migliorare la precisione delle misurazioni è stato l’obiettivo principale della mia carriera perché ci consente di rilevare pianeti più piccoli mentre cerchiamo analoghi della Terra”.

READ  Le stelle esplodono in galassie polverose - non possiamo sempre vederle