Febbraio 2, 2023

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tour di Vicenza, capitale storica della gioielleria italiana

Quando Lisa Bridgen visitò per la prima volta Vicenza, in Italia, vide un artigiano martellare ritmicamente un braccialetto d’oro in una struttura ondulata. “Guardarla muoversi e sentire il leggero picchiettio sull’oro ha dato più significato ai gioielli”, dice Bridge, che anni dopo è ancora ipnotizzato dai gioiellieri della città. È una tradizione secolare tramandata di generazione in generazione nella capitale dell’oreficeria italiana da 700 anni.

Anche a Bridge, 33 anni, che guida la quinta generazione, è stato offerto uno scambio Gioielli Penn Bridge, un rivenditore con sede a Seattle fondato nel 1912 dal suo bisnonno. In occasione del 110° anniversario dell’azienda, Bridge ha invitato ELLE DECOR durante la sua visita annuale presso le gioiellerie del Veneto. Qui, lei e il suo acquirente collaborano con piccoli laboratori a conduzione familiare ToscanoLa collezione d’oro firmata dal negozio.

Foto d’archivio del negozio Penn Bridge originale a Seattle.

Per gentile concessione di Penn Bridge

La nostra prima tappa è Vicenza, a circa un’ora di macchina da Venezia Museo del Gioello, l’unico museo di gioielli del paese. Situato nella splendida piazza medievale della città, ospitato nella Basilica Palladiana del XVI secolo, progettata dal famoso architetto rinascimentale Andrea Palladio, il museo presenta uno spazio espositivo rotante progettato da Patricia Urquiola. In mostra la ricca storia della gioielleria italiana, da pezzi antichi come la corona dorata della Madonna del 1900 ai moderni design in oro di Roberto Coin e Marco Piseco. Ettore Sottsas e Cleto Munari.

La storia dell’oreficeria vicentina inizia nel 1333, quando nel porticato della Basilica Palladiana si costituisce la prima corporazione degli orafi. Per secoli questa città storica è stata la capitale dell’oro d’Italia, con migliaia di artigiani che praticano ancora tecniche antiche per creare design contemporanei che conservano un aspetto artigianale combinato con i progressi tecnologici di oggi.

Una visita al laboratorio di Atelier Resole, uno studio a conduzione familiare di circa 12 artigiani che realizzano catene e orecchini d’oro di Bridge, illustra il mix di vecchio e nuovo. I pezzi d’oro sono stampati in 3D e assemblati da artigiani che martellano e levigano maglie, bracciali e orecchini in oro prima di assemblarli. Due volte all’anno i loro prodotti artigianali vengono esposti nell’arena internazionale Fiera dell’Oro di Vicenza, Lì designer, artigiani e marchi mostrano l’abilità di gioielleria del paese ai rivenditori di tutto il mondo. “C’è una differenza nell’aspetto e nella sensazione dei gioielli in oro fatti a mano”, afferma Bridge. “Artigianato intriso di anni di esperienza, innovazione e dedizione.”

Tradizione orafa italiana

Bracciale a maglie ovali Toscano in oro giallo 14 carati.

Per gentile concessione di Penn Bridge

Il giorno successivo, visita Bassano del Grappa, una città medievale ai piedi delle Alpi italiane dove è stata scoperta la Grappa. L’oro è la sua seconda maggiore esportazione; Tra i produttori di vino ci sono piccoli atelier a conduzione familiare che producono gioielli fatti a mano. Uno dei principali workshop Dottor Saggio, fondata nel 1987 da Gabriella Sandri, le cui tre figlie ora aiutano a gestire l’azienda di famiglia. I progetti di Tre Esse iniziano con schizzi dettagliati, ogni pezzo prende vita in collaborazione con modellisti che utilizzano mock-up 3D per garantire che le tende siano leggere e confortevoli. In una piccola azienda familiare nulla è al caso: Sandri sottopone ogni capo a un controllo finale prima che venga imballato e spedito.

READ  Un robot aspirapolvere funziona davvero? Chi dovrebbe ottenere?

Dopo il tour del laboratorio, è tempo di pranzare in famiglia in un ristorante locale. “Parte dell’esperienza italiana ruota sempre attorno al cibo e al vino”, afferma Bridge. Sia a Bassano del Grappa che a Vicenza, quel senso di famiglia e il patrimonio della città arricchiscono il prodotto. È qui che la tradizione della gioielleria prospera ancora. È molto più che oro.