Ottobre 25, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tony Abbott ha affermato la solidarietà con Taiwan nel discorso al Forum Yushan dopo che gli aerei cinesi hanno volato vicino all’isola

L’ex primo ministro Tony Abbott ha descritto la Cina come un “bullo” e ha sottolineato l’importanza della “solidarietà con Taiwan”, mentre si rivolgeva a una conferenza regionale sull’isola.

Il sig. Abbott si è recato in visita a Taiwan, dove ha incontrato il presidente Tsai Ing-wen, dopo un fine settimana in cui la Cina ha pilotato dozzine di aerei militari vicino all’isola nel tentativo di esercitare il potere sul territorio.

Abbott, che sta visitando Taiwan in privato in una “bolla diplomatica”, ha affermato di aver “precedentemente esitato a partecipare a questa conferenza, per timore che provocasse la Cina”, ma ha affermato che le azioni della superpotenza negli ultimi anni gli hanno fatto cambiare idea.

La signora Tsai ha lanciato il Forum Yushan, sponsorizzato da un gruppo di esperti sostenuto dal governo, con una retorica più conservatrice, omettendo qualsiasi riferimento diretto alla Cina, prima che Abbott elencasse una serie di eccessi nel suo discorso programmatico.

Ha potenziato il cyber-spionaggio sui suoi cittadini, ha eliminato personaggi popolari a favore della setta dell’Imperatore Rosso, ha brutalizzato i soldati indiani sull’Himalaya, ha costretto altri pretendenti nei suoi mari orientali e ha lanciato altri attacchi aerei contro Taiwan.

“Si tratta di un commercio armato – soprattutto contro l’Australia – con le nostre esportazioni di orzo, vino e carbone bloccate per motivi pretestuosi. La sua ambasciata ha pubblicato 14 richieste, in sostanza che diventiamo un paese tributario, che nessun paese rispettoso può accettare.

“Il motivo dietro tutto questo era quello di perseguire educatamente un’indagine imparziale sulle origini di [corona]virus. Quindi quest’anno ho concluso che la guerra cinese è fatta da sé”.

Abbott ha quindi sottolineato gli aspetti positivi, tra cui la crescita economica della Cina e i precedenti passi compiuti dall’Australia per aiutare a integrare la Cina nel sistema globale, affermando che “la cooperazione è ancora possibile e la fiducia può essere ricostruita”.

I leader cinesi hanno affermato di essere intenzionati a unire Taiwan e il continente con la forza, se necessario. Ma Abbott ha affermato che garantire l’autodeterminazione di Taiwan è vitale.

“Niente è più urgente ora della solidarietà con Taiwan”, ha detto.

“La nostra sfida è cercare di garantire che l’impensabile rimanga improbabile e il possibile non diventi probabile.

“Ecco perché gli amici di Taiwan sono così importanti ora, per sottolineare che il futuro di Taiwan deve essere deciso dal suo popolo e per far sapere a Pechino che qualsiasi tentativo di coercizione avrà conseguenze incommensurabili”.

AP

READ  I diplomatici statunitensi, europei e britannici si riuniscono per incoraggiare l'Australia a intensificare l'azione per il clima | politica australiana