Aprile 17, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tesla Model Y guida il mercato italiano dei BEV a novembre

Tesla Model Y guida il mercato italiano dei BEV a novembre

Novembre è stato un altro mese di amarezza per le vendite di auto in Italia. Mentre il resto d’Europa apre la strada alla transizione verso la mobilità elettrica, il quarto mercato automobilistico più grande del continente ha visto segnali contrastanti di adozione di veicoli elettrici. Tesla ha assunto un vantaggio decisivo nelle vendite di BEV, contribuendo ad aumentare la quota di mercato delle auto completamente elettriche e limitare le perdite anno dopo anno.

L’ultimo Statistiche ufficiali per il mercato automobilistico italiano Sono là fuori e raccontano una storia in linea con la storia degli ultimi mesi. Mentre le vendite complessive di auto sono in aumento, le vendite di veicoli elettrici non lo sono. A novembre sono state immatricolate 121.000 auto, con un aumento di quasi il 14% su base annua rispetto alle 107.000 unità del novembre 2021. I propulsori ICE convenzionali sono stabili, con le benzine al 26,9% e i diesel al 18,2% di quota di mercato (rispetto rispettivamente al 26,8% e al 19% di un anno fa). Gli ibridi plugless hanno raggiunto il 33,6%, in aumento rispetto al 31,3% di dodici mesi fa.

I veicoli elettrici a batteria (BEV) hanno ricevuto 5.162 immatricolazioni a novembre. A seguito di Risultati deludenti per ottobreÈ stato un altro mese di livelli di vendita in calo di quasi il 26% rispetto alle 7.000 unità di novembre 2021. Allo stesso tempo è stato il secondo risultato mensile più alto del 2022. Dopo il picco di giugno, la domanda repressa è stata finalmente liberata Come è stato lanciato un nuovo incentivo. Tutta l’energia elettrica ha così raggiunto una quota di mercato del 4,2%, in aumento rispetto allo scorso anno (6,5% a ottobre 2021) ma lontana dai migliori dati del 2022. Tuttavia, non è stata una decisione organica come è stato grazie a Tesla, perché i BEV sono stati evitati. Un altro fallimento mensile, come si vede nel grafico qui sotto.

READ  L'Italia si aggiudica 341,9 MW di fotovoltaico nell'ultima asta rinnovabile - PV Magazine International

I propulsori ibridi plug-in (PHEV) hanno seguito un percorso completamente diverso rispetto alle auto completamente elettriche. Con 6.698 immatricolazioni, i PHEV hanno raggiunto una quota di mercato del 5,5%. Si tratta di una crescita del 18% su base annua rispetto a meno di 5.700 unità di dodici mesi fa, quando conquistarono una quota di mercato del 5,3%. La netta differenza rispetto al risultato negativo dei BEV conferma una tendenza lunga un anno che vede questa tecnologia del ponte all’avanguardia nella sua alternativa senza compromessi. La buona performance dei PHEV ha consentito alle immatricolazioni complessive di plug-in di raggiungere una quota di mercato del 9,8%, il secondo miglior risultato di quest’anno, inferiore all’11,8% di un anno fa.

In questo mese di segnali contrastanti, il grafico mensile Top 10 BEV mostra un chiaro vincitore.

Con una performance stellare, la Tesla Model Y ha battuto tutta la concorrenza conquistando il primo posto con 1008 immatricolazioni (il miglior risultato mensile della Y fino ad oggi). Una ripetizione del suo recente exploit di settembre – Questo non è un risultato trimestrale. Chiaramente, l’aumento della produzione della Gigafactory di Berlino, con un prezzo relativamente allettante (il prezzo della versione base è di 7.000 euro in meno rispetto alla Model 3 base) supporta il duro lavoro di Tesla nel mercato italiano, il che solleva la questione del come. Molti di più possono essere venduti solo se si qualificano per incentivi come altri BEV.

Di gran lunga, la più piccola Smart ForTwo ha conquistato il secondo posto, con 471 immatricolazioni, meno della metà del conteggio della Model Y. La Fiat 500e era lontana dai suoi precedenti picchi e ha completato il podio con un poco brillante 396 iscritti in scaletta. Con le prestazioni poco brillanti degli ultimi mesi. Seguono una serie di modelli più piccoli, tra cui la quinta Dacia Spring con 351 immatricolazioni, che perde molto potenziale inutilizzato a causa delle restrizioni di produzione e dell’apparente attenzione del marchio verso altri mercati europei.

READ  bne IntelliNews - Il premier italiano Meloni si reca in Algeria per firmare un importante accordo sul gas

Anche i fratelli tedeschi del segmento C, la VW ID.3 e l’Audi Q4 e-tron, hanno lasciato il segno in fondo alla classifica, gli unici modelli oltre la Tesla Model Y a rompere il consueto dominio dei segmenti A e B. mercato italiano. La Tesla Model 3 un tempo era una forte contendente per le posizioni mensili sul podio, ma attualmente è trascinata al ribasso dagli aumenti di prezzo del 20% su base annua, che hanno smorzato la domanda. Il rallentamento verrà risolto solo se le fabbriche di Tesla (inclusa Berlino?) inizieranno a produrre il popolarissimo Modello 3 aggiornato, con meno componenti (e un pacco batteria aggiornato?) Combinati a un prezzo più interessante per riportare il suo mojo perduto.

Poiché i nuovi modelli BEV di fascia alta faticano ancora a sfondare le dure barriere del mercato automobilistico italiano (con la notevole eccezione della Tesla Model Y), i mini BEV tradizionali italiani non possono fare una differenza positiva, ma piuttosto contribuire ai deboli. Uno scenario di vendita consolidato ormai da diversi mesi. L’estrema sensibilità del mercato italiano al prezzo significa che solo i modelli ben eseguiti e con un prezzo adeguato avranno successo e genereranno una domanda sostenibile a lungo termine. L’apparente paradosso è che è in arrivo un SUV di segmento D di fascia alta. Le case automobilistiche a basso costo prenderanno nota?


 

La nostra finitura Sondaggio tra i lettori di CleanTechnica 2022 Per una possibilità Vinci una bici elettrica.


 


 


 

Apprezzi l’originalità e la copertura delle notizie cleantech di CleanTechnica? Considera come Membro, sostenitore, tecnico o ambasciatore di CleanTechnica – o un mecenate Patreon.


 

READ  Brexit News: l'Italia 'qualcosa da vedere' mentre l'eurosettismo cresce in tutta l'Unione Europea | Mondo | notizia


Non perderti la storia del cleantech? Iscriviti Aggiornamenti quotidiani di notizie da CleanTechnica Nella posta elettronica. Oppure seguici su Google News!


Hai un suggerimento per CleanTechnica, vuoi pubblicizzare o raccomandare un ospite per il nostro podcast CleanTech Talk? Contattaci qui.


Pubblicità