Maggio 22, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tara Rae Moss: “Molti medici in diversi continenti mi hanno detto che non sarei mai guarita” | Vita e stile

Tara Rae Moss: “Molti medici in diversi continenti mi hanno detto che non sarei mai guarita” |  Vita e stile

TAra Rae Moss non dà più per scontati i piaceri quotidiani. Il celebre autore, oratore e sostenitore è vivo per piccoli lampi di bellezza. Esplora il mondo alla ricerca di piccoli momenti di gioia. Mentre ci incontriamo ai Royal Botanic Gardens in un venerdì nuvoloso a Sydney, nuvole argentate si profilano all'orizzonte. L'umidità ha dato alle piante un altro colore verde. C'è crescita ovunque: felci che si attorcigliano strettamente e alberi di tulipani che germogliano bacche rosa acceso. Il muschio scivola fuori dalle scarpe.

“Sono entusiasta come un bambino di sentire l'erba, di poter camminare senza dolore”, mi ha detto. “Quando ero gravemente disabile, tutto era geograficamente separato. C'erano posti in cui dovevamo andare in macchina e avevo un ascensore per la mia sedia a rotelle.”

Sembra che si stia godendo i piedi nudi sul pavimento.

“Ora posso andare in posti che sono a 10 minuti a piedi. È stata una gioia scoprire di nuovo l'interconnessione dello spazio”, dice. “È difficile esprimere a parole quanto sia profondo.”

Tara Rae Moss: “Sono entusiasta a livello di bambino per la sensazione dell'erba.” Fotografia: Jessica Romas/The Guardian

Otto anni fa, dopo aver subito un infortunio all'anca, a Moss è stata diagnosticata la sindrome dolorosa regionale complessa, o CRPS, una condizione rara che si ritiene possa rivaleggiare con il parto o con l'amputazione di un dito sulla scala del dolore McGill. Nel 2021, lei, suo marito, il poeta Berndt Selheim, e sua figlia, Sapphira, hanno venduto la loro casa sulle Blue Mountains, che era inaccessibile, e si sono trasferiti in un cottage in riva al mare nella sua nativa Victoria, in Canada. Dice che la condizione si è diffusa dopo le iniezioni di ketamina nel 2021.

READ  Lo scienziato cinese caduto in disgrazia He Jiankui, incarcerato nel 2019 per aver modificato geneticamente bambini umani, è tornato in laboratorio.

“Ero bloccato in uno schema biologico di pensiero sulla mia malattia e sul mio dolore”, dice. “Molti medici in diversi paesi e continenti mi dicevano che non mi sarei mai ripresa, ero divisa a metà come un righello e metà del mio corpo era in fiamme, un fuoco freddo.

Era confinata in casa. Il suo lavoro si è prosciugato. “Ho iniziato a perdere l'uso del braccio destro. Non avevo più l'uso della gamba destra. Non avevo altra scelta che andare avanti verso l'ignoto.

Per fare ricerche sui suoi romanzi, Moss una volta si è formata come campionessa privata e ha ottenuto una patente per auto da corsa, un livello di immersione fisica nei suoi personaggi che non è più possibile. In che modo CRPS ha cambiato la sua scrittura? “Ha cambiato tutto, a ogni livello del mio essere”, dice francamente.

Moss, al quale parlerà Our Bodies, una tavola rotonda all'All About Women Festival presso la Sydney Opera House, ora va sotto il nome di Rae o Tara Rae. Rivendicare il nome con cui è nata riflette una nuova accettazione di se stessa così com'è, pur rispettando tutti i modi in cui non è più la stessa persona.

I libri di Tara Rae Moss sono governati da donne forti e vulnerabili. Fotografia: Jessica Romas/The Guardian

I suoi romanzi gialli più venduti – che ha iniziato a scrivere all'età di 25 anni dopo una carriera internazionale come modella – sono spesso ambientati nel passato. Crescendo, è rimasta affascinata dal modo in cui le persone comuni potevano trovarsi in circostanze straordinarie.

“Il mio oppa è stato costretto ai lavori forzati durante l'occupazione della Polonia. Ha preparato il pane per corrompere il caposquadra [for] “Passa un giorno e lascio il complesso”, dice. “Mia madre, che aveva figli piccoli, andava in bicicletta fino a Berlino e contrabbandava farina e zucchero attraverso i posti di blocco”.

READ  Una donna "non sapeva" di essere incinta su un volo Delta Air

I libri di Moss sono governati da donne forti e vulnerabili, che spesso si confrontano con un mondo plasmato da strutture opposte a loro. Nel caso dei suoi ultimi due romanzi, War Widow e Ghosts of Paris, si tratta di Billie Walker, un detective privato che naviga nella patriarcale Sydney all'indomani della seconda guerra mondiale. Nella vedova di guerra, Billy Indossa una camicetta avorio [tied] Nell'arco di una fica in gola.” La sua descrizione degli abiti – sempre deliziosa da leggere – suggerisce una profonda consapevolezza del rapporto tra dentro e fuori. Come possiamo rimanere intrappolati nei ruoli che la società ci prescrive o rimodellarli completamente loro.

Salta la precedente promozione della newsletter

“L'idea che le donne non abbiano potere risale a molti secoli fa”, afferma Moss, che notoriamente è alle prese con gli archetipi femminili nella sua opera di saggistica più venduta “The Imaginary Woman”.


Oltrepassiamo gli alberi di mirto di limone verso il porto di Sydney. Moss riflette sul periodo precedente all'invasione della Polonia, un'epoca, dice, in cui le persone disabili venivano assassinate dal regime nazista e considerate inappropriate per la società. “Non posso scrivere degli anni Quaranta senza esplorare le questioni relative ai diritti umani [for people with disabilities] Poiché non si trattava solo di guerra, esisteva un forte elemento di discriminazione tra le persone con disabilità.

Nello stagno dei loti siede un ibis, con le zampe piegate ad una strana angolazione, un'espressione di angoscia sul viso. Il muschio si avvicina. Parla all'uccello chiedendogli del suo benessere, la sua voce è gentile, calma. Non vuole essere affollata quindi se ne va con riluttanza.

Per evitare i corridori ci suggerisce di sederci sull'erba. La CRPS è più comune nelle donne, dice. La diagnosi stessa è un privilegio. “Sappiamo che le donne hanno meno probabilità di prendere sul serio il dolore”, afferma. E lei sta parlando Rapporto Flexner, uno studio del 1911 che trasformò la formazione medica e dimostrò il primato del modello biomedico della medicina. Ha minato, almeno in Occidente, le tradizioni terapeutiche basate sulla relazione tra mente, corpo e mondo che ci circonda.

All'inizio della nostra passeggiata, Moss è affascinato da un insetto intrappolato in una tela di ragno, legato a fili, come un filo sottile. Nel settembre 2023, i medici della Spero Clinic, un rinomato centro di cura, hanno confermato che la sua CRPS era in remissione.

Lo scorso settembre, i medici dissero a Tara Rae Moss che era in remissione dalla sindrome dolorosa regionale complessa. Fotografia: Jessica Romas/The Guardian

“Nei circoli del dolore siamo arrivati ​​al modello biopsicosociale [of healing]”Per molto tempo, qualcuno si è rotto la caviglia e io ho ripristinato la caviglia”, dice. Poi le persone si sono rese conto che c'era una componente psicologica [to pain] E quell’ingiustizia sociale influenza il modo in cui viviamo il mondo.

“Per me, il salto in più che ho fatto è stato un salto spirituale”.

Ha subito una trasformazione radicale. Ho smesso di prendere il farmaco. “Quando sono arrivato in clinica, ero di nuovo in posizione eretta e usavo il deambulatore. Gran parte di questo [recovery] È il lavoro spirituale per il quale ora mi sono formato.

La Moss, che ha spiegato di non essere una sciamana (titolo assegnato dalle comunità), ha studiato diversi anni per diventare una praticante sciamanica. Dice di essere più in sintonia con i rituali culturali e spirituali che facevano parte del suo lignaggio ancestrale del Nord Europa, insieme alla consapevolezza della terra in cui vive.

“Lavoro per aiutare gli spiriti e le persone a riferire straordinarie esperienze di guarigione”, afferma, sostenendo che, nonostante l'ostilità a volte diretta verso modalità alternative di spiritualità, l'esperienza spirituale diretta è un nostro diritto di nascita.

Ci alziamo e torniamo indietro attraverso i giardini e ci interroghiamo brevemente sulle condizioni dell'ibis.

“I nostri mondi diventano più ricchi quando ci connettiamo con tutto ciò che ci circonda”, sorride. “Siamo esseri spirituali che hanno esperienze umane, non esseri umani che hanno esperienze spirituali. È più interessante di quanto pensiamo.”