Maggio 25, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Tanoi batte il record per tutti gli arrivi italiani a Siena

Il keniano Angela Tannoy ed Eric Kiptanoi hanno conquistato la vittoria nella Xiamen Marathon e nel Tuscany Camp Global Elite di Siena domenica (11), con Tanoe che ha battuto il record per tutti gli arrivi italiani con un tempo di 2:20:08 in una gara d’élite appositamente organizzata. Evento.

Tenuto come un’opportunità per gli atleti di raggiungere i loro voti di qualificazione per i Giochi Olimpici di Tokyo – in collaborazione con la Federazione Italiana di Atletica Leggera, World Athletics e Xiamen Marathon, che non ha potuto accogliere gli arrivi dall’estero per partecipare alla gara questo fine settimana a causa della pandemia restrizioni – la manifestazione ha visto gareggiare atleti in una Rotatoria di pista di circa 5 km attorno ai percorsi dell’Aeroporto di Siena-Ambognano.

Nonostante la pioggia e il vento, Tanoy, vincitore della Maratona di Venezia 2018, ha impiegato più di cinque minuti dal PB per migliorare l’ex miglior calciatrice italiana Vivienne Kiplagat 2:22:25 nominata a Milano nel 2019.

Kiptanoi ha ottenuto il secondo miglior tempo maschile di sempre in volata sul suolo italiano, segnando 2:05:47 migliorando la sua precedente migliore prestazione di 2:06:17 a Dubai nel 2020. Solo Titus Ichiro ha segnato 2:04:46, correndo anche a Milano in 2019, è stata la più veloce in Italia.

Un gruppo di 13 giocatrici ha partecipato al girone femminile di testa, che ha superato i 4.850 metri in 16:24 e il Gruppo 12 è rimasto forte di 14.910 metri, superato in 50:18.

Gli etiopi Rahma Tosa, Gbianesh Guidamo e Haven Hailu Desi sono stati tra quelli a prendere il comando insieme a Tanwe a metà strada, poiché il gruppo di testa ha superato i 22.470 metri in 1:15:19.

READ  Dubai Expo: Di Maio, export ha superato volume record - MAE

Dopo 30 km, un gruppo di quattro atleti si stavano separando, con Tanwe raggiunta dai suoi compagni di squadra kenioti Gladys Chipkeroy e Dolphin Meringor, oltre a Guidamo. Tanoi ha preso una pausa e ha continuato a percorrere gli ultimi 10 chilometri, vincendo alla fine più di due minuti e mezzo dal suo connazionale Purity Changoni, che è arrivato secondo con un tempo di 2:22:46. Guidamo è arrivato terzo a 2:23:23 e Desse si è classificato quarto a 2:23:52 con i primi sei a meno di 2:25.

La sudafricana Gerda Stein ha battuto il record nazionale di lunga data a 2:25:28 al nono posto, mentre la medaglia d’argento mondiale 2013 Valeria Stranio è stata la prima italiana al 20 ° posto e ha terminato un minuto fuori dal tempo di qualificazione olimpica a 2:30:33 .

Nella gara maschile, un folto gruppo di 37 atleti ha superato i 4.850 metri alle 14:23 e 26 erano insieme a metà strada, con 22.470 metri in 1:06:42.

I leader hanno raggiunto i 30 chilometri all’1: 29:38 prima che Keptanoy e l’etiope Abdi Vova Negasa si trasferissero con solo meno di 5 chilometri rimasti.

Kiptanoi – il corridore estivo della maratona di Dubai 2020 – è avanzato, vincendo 10 secondi davanti a Negasa con un tempo di 2:05:57, mentre il marocchino Othman El Goumri ha migliorato la sua posizione centrale a 2:06:18 al terzo posto. L’eritreo Johannes Gabriegues è arrivato quarto con un tempo di 2:06:28, mentre l’etiope e Amy Kebede Tolu sono finite quinte con un tempo di 2:06:32 mentre nove atleti hanno terminato la gara entro 2:07 e 20 sono scesi sotto 2:09.

Il tedesco Richard Ranger ha impiegato più di due minuti dal PB con 2:08:49 per finire 17 °, mentre l’italiano Stefano La Rosa era al 30 ° posto a 2:11:42, a soli 12 secondi dal segno di qualificazione alle Olimpiadi.

READ  Notizie sportive oggi: cosa devi sapere

Maru si assicura un posto ai Giochi Olimpici

Satoshi Maru ha vinto la battaglia di selezione olimpica domenica (11) e ha preso l’ultimo posto nella squadra di camminata maschile di 50 km in Giappone vincendo l’evento nazionale a Wajima alle 3:38:42.

Con due posti già in atto per la squadra, gli atleti stavano gareggiando per unirsi a Yusuke Suzuki e Masatura Kawano alle Olimpiadi sul loro terreno di casa quest’estate e le intenzioni erano chiare fin dall’inizio. I leader hanno coperto i 10 km in 44:25 e la velocità è aumentata ulteriormente mentre Tomohiro Noda ha guidato i 20 km in 1:27:18.

Noda e Maru – che si sono classificati settimo e quarto consecutivo ai 20 chilometri del Japanese Racing Walk Championships a febbraio – si erano divisi a metà, passando 1:48:16, con la loro medaglia di bronzo mondiale 2017 Kai Kobayashi che li ha portati al terzo posto .

Dopo un leggero calo, il ritmo è aumentato di nuovo e Noda ha creato un divario con Maru che è quarto al mondo per il 2017, ma non è stato sostenibile e Maru ha pareggiato con il ritmo che rallenta a circa 38 chilometri, avanzando di circa 41 chilometri in gara .

Dietro di lui, il campione dei Giochi asiatici 2018 Hayato Katsuki si stava facendo strada attraverso il campo e ha prima sorpassato Kobayashi con circa 4 chilometri rimanenti. Dopo un chilometro è passato al secondo posto, dove Kobayashi ha superato anche Noda.

Maru è rimasto infastidito in testa, poiché stava gareggiando nella sua prima gara di 50 chilometri dal 2019 quando ha impostato un punto di partenza di 3:37:39, ottenendo la vittoria di quasi quattro minuti.

READ  Notizie sui trasferimenti EPL 2021, pettegolezzi, voci, sussurri, Manchester United, Man City, Harry Kane, Chelsea, ultimi trasferimenti

Katsuki è arrivato secondo in PB a 3:42:34, Kobayashi è arrivato terzo a 3:43:31, Noda quarto a 3:45:26 e Isamu Fujisawa quinto a 3:46:27.

Jess Whittington Athletics World


per Citizen TV Aggiornamenti
aderire Incorpora un Tweet Canale di Telegram

Il video di oggi: Il Tesoro stanzia 4,5 miliardi di scellini kenioti per l’acquisto di vaccini