Giugno 25, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Taiwan è intrappolata tra due grandi potenze mentre i leader rivali visitano la Cina e gli Stati Uniti | Taiwan

Taiwan è intrappolata tra due grandi potenze mentre i leader rivali visitano la Cina e gli Stati Uniti |  Taiwan

TL’ex presidente di Yuan Ma Ying-jeou si trovava martedì davanti al mausoleo di Sun Yat-sen a Nanchino e ha invitato le persone su entrambi i lati dello stretto di Taiwan a lavorare insieme per la pace, perché ha detto: “Siamo tutti cinesi”.

Il 73enne è in Cina per una storica visita, la prima di un attuale o ex presidente taiwanese dal 1949. Nei decenni successivi, le tensioni sono aumentate quando Pechino si è impegnata ad annettere Taiwan in quella che chiama “riunificazione”. Il governo e il popolo di Taiwan si stanno sempre più opponendo alla prospettiva del dominio cinese e pochi si considerano cinesi.

Ma Ma, presidente dal 2008 al 2016, crede di poter aiutare il processo di pace. “Le persone su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan sono cinesi, ed entrambi sono discendenti degli imperatori Yan e Giallo”, ha detto, usando termini cinesi che denotano l’etnia piuttosto che la nazionalità.

“Speriamo sinceramente che le due parti possano lavorare insieme per cercare la pace, evitare la guerra e lottare per il risveglio della Cina… Questa è l’inevitabile responsabilità del popolo cinese su entrambe le sponde dello Stretto, e dobbiamo lavorare sodo”.

Il simbolismo di qualsiasi leader taiwanese in visita in Cina è importante e ha attirato i manifestanti all’aeroporto di Taipei. Secondo quanto riferito, all’arrivo di Ma è stato concesso un capo della sicurezza di stato, e secondo quanto riferito è stato accolto al suo arrivo dal vicedirettore dell’ufficio cinese per gli affari di Taiwan lunedì.

La visita arriva in concomitanza con l’importante visita dell’attuale presidente Tsai Ing-wen negli Stati Uniti e in America centrale questa settimana.

READ  Le forze russe entrano nelle aree dell'Ucraina controllate dai ribelli; Russia Ucraina ultimi aggiornamenti; Il New South Wales ha registrato sei morti e 8.931 casi; 17 morti, 6.926 casi nel Victoria; Ripulire dopo le inondazioni di Sydney

In vista delle elezioni presidenziali di Taiwan all’inizio del prossimo anno, le visite hanno sollevato una serie di interrogativi su come le due parti politiche tratteranno con la Cina e gli Stati Uniti, i due fattori esterni più importanti nel futuro di Taiwan.

Gli attivisti per l’indipendenza di Taiwan si radunano fuori dall’aeroporto di Taoyuan per protestare contro la visita di Ma Ying-jeou in Cina. Foto: Sam Yeh/AFP/Getty Images

Ma rimane strettamente associato al Kuomintang (KMT) e la sua visita è stata criticata dal Partito Democratico Progressista (DPP) al governo di Taiwan, che lo ha accusato di “appoggiare” la politica di Pechino su Taiwan durante il suo viaggio.

Per contrastare questo, Ma e il suo campo hanno sottolineato l’obiettivo dichiarato della visita di onorare gli antenati sepolti lì e di guidare una delegazione di studenti. Hanno detto che non avrebbe visitato Pechino o incontrato il presidente cinese, Xi Jinping, ma hanno anche notato la sua capacità di ricucire i rapporti, che secondo loro erano stati danneggiati dalla politica estera di Tsai.

Ciò che vedeva come legami più stretti con la Cina, Jing Bojun, ricercatore presso l’Istituto per la sicurezza e lo sviluppo con sede a Stoccolma, ha affermato che era “un prerequisito fondamentale per lo spazio internazionale di Taiwan”.

Un viaggio mira a dimostrare che ci sono ancora opzioni pacifiche disponibili per le persone su entrambi i lati dello Stretto di Taiwan.

Tsai lascerà Taiwan mercoledì e attraverserà New York prima di dirigersi verso gli alleati Guatemala e Belize dall’1 al 5 aprile. Sulla via del ritorno, è prevista una sosta a Los Angeles il 5 aprile prima di tornare a Taiwan due giorni dopo.

READ  I critici affermano che l'approvazione di una legge anti-inchiesta a Hong Kong ha sollevato timori che possa essere utilizzata per soffocare il dissenso

Parti del viaggio di 10 giorni negli Stati Uniti sono, ufficialmente, scali. Il governo degli Stati Uniti, che non riconosce Taiwan come Paese, tratta tali visite con grande cautela e gli osservatori hanno notato che la durata e le condizioni di ogni sosta variano spesso a seconda del clima geopolitico.

Sarà il sesto transito di Tsai attraverso gli Stati Uniti dal 2016, ma le tensioni sono ora ai massimi da decenni. È passato meno di un anno da quando l’allora presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi ha visitato Taiwan, attirando la furia di Pechino, che si è espressa attraverso giorni di esercitazioni militari a fuoco vivo in tutta l’isola.

Anche il successore di Pelosi, il repubblicano Kevin McCarthy, ha voluto visitare. Ma internamente, Taipei non ha sostenuto l’idea e lo scalo di Tsai – che si dice includa un incontro con McCarthy in California – sembra progettato in parte per evitare una ripetizione del dramma di Pelosi.

Il Partito comunista cinese accusa Tsai e il Partito democratico progressista di essere separatisti. Tsai afferma che Taiwan è già un paese sovrano e non è necessario dichiarare l’indipendenza, ma ha trascorso la maggior parte del suo mandato assicurandosi il sostegno militare e diplomatico dei governi “che la pensano allo stesso modo” in tutto il mondo. Gli Stati Uniti sono i più importanti: sono obbligati per legge a fornire a Taiwan i mezzi per difendersi, e generalmente ci si aspetta, ma non è garantito, che vengano in suo aiuto se la Cina attacca.

Kwei-bo Huang, professore di diplomazia alla National Chengchi University ed ex vice segretario generale del Kuomintang, afferma che la stazione di transito di Tsai “mostra l’importanza degli Stati Uniti nell’autodifesa a Taiwan e il suo grande bisogno di sostegno morale nel mondo Detto questo, spero che non accetterai ciò che Washington sta proponendo “senza domande o patti”.

READ  Trump ha risposto alle battute su "Paperino" dopo che gli oppositori del GOP lo hanno preso di mira in un dibattito repubblicano

Oltre ad esacerbare le intimidazioni militari, la Cina sta anche minando gli alleati di Taiwan, convincendo l’Honduras a cambiare solo la scorsa settimana in quello che il ministro degli Esteri di Taiwan sospettava fosse programmato con il viaggio di Tsai in America centrale.

Salta la promozione delle newsletter precedenti

afferma David Fell, direttore del Centre for Taiwan Studies presso Soas, University of London.

Ma Pechino, che ha rifiutato di trattare con Tsai sin dalla sua elezione nel 2016, ha sporto denuncia agli Stati Uniti per la visita, accusandola di “promuovere l’indipendenza di Taiwan”.

Gli Stati Uniti hanno avvertito Pechino di non usare il volo “normale” come pretesto per comportamenti aggressivi, e il viceministro della Difesa di Taiwan ha dichiarato questa settimana al parlamento che non vi era ancora alcuna indicazione di un insolito dispiegamento militare cinese nella regione.

Il presidente Tsai Ing-wen durante una visita ufficiale a una base militare a Chiayi, Taiwan, la scorsa settimana.
Il presidente Tsai Ing-wen durante una visita ufficiale a una base militare a Chiayi, Taiwan, la scorsa settimana. Foto: Sam Yeh/AFP/Getty Images

Mentre entrambe le parti sperano di migliorare la sicurezza a Taiwan attraverso le loro visite, ci sono anche fattori interni in gioco. L’isola terrà le elezioni presidenziali a gennaio, Tsai ha raggiunto il limite del suo mandato due volte e si dimetterà.

Phil dice che il viaggio di Ma fa parte di una strategia per influenzare la posizione elettorale del KMT per il prossimo anno e oltre.

“Ma è ovviamente interessato alla sua eredità storica, ma vuole anche plasmare la politica del KMT nei confronti della Cina, e da quando ha lasciato l’incarico, ha cercato di garantire che il partito non si discosti dalle posizioni sulle relazioni con la Cina che erano state fissate durante la sua presidenza ,” Egli ha detto. . “Ha avuto un tale successo che le politiche cinesi del partito rimangono sostanzialmente invariate nonostante due disastrose sconfitte elettorali”.

A Taipei, i cittadini seguono da vicino le visite. “Ci sono due parti tra cui scegliere, gli Stati Uniti o la Cina, e il DPP ha scelto gli Stati Uniti”, ha detto Alice Ye, una studentessa di 28 anni. “Alcuni taiwanesi pensano che sia un bene per Ma visitare la Cina, ma ci sono molte opinioni contrastanti quando si tratta di Tsai che va negli Stati Uniti”.

Il KMT si presenta nella posizione migliore per allentare le tensioni, poiché, come ha detto su Facebook questa settimana il leader del partito, Eric Chu, essendo “filoamericano, amico del Giappone e in pace con la Cina”.

Yen Chun Kuo, 22 anni, dice che Taiwan e la Cina sono “nemici”, ed è meglio cercare alleanze con gli Stati Uniti. “Sembra che la visita di Ma Ying-jeou in Cina farà sì che la Cina tratti meglio Taiwan, ma non credo. Se mostri sempre debolezza al nemico, perderà solo il tuo rispetto e si servirà di più di te”.

Chi Hui Lin ha contribuito a questo rapporto