Agosto 5, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sventato un complotto iraniano per rapire un giornalista a New York, dove sono state mosse le accuse contro quattro

I pubblici ministeri statunitensi hanno accusato quattro iraniani di aver complottato per rapire un giornalista di New York che era critico nei confronti dell’Iran.

Secondo un’accusa del ministero della Giustizia svelata martedì, i quattro sarebbero stati agenti dell’intelligence a Teheran.

Sebbene l’accusa non menzioni l’obiettivo del complotto, Reuters ha confermato che è stata la giornalista iraniana-americana Masih Alinejad, che ha contribuito al servizio in lingua persiana di Voice of America e ai rapporti sulle questioni dei diritti umani in Iran.

In risposta a una richiesta della Reuters di confermare che Alinejad era l’obiettivo del complotto, il ministero della Giustizia ha rifiutato di commentare.

complotto di rapimento

Secondo l’accusa, i quattro iraniani hanno ingaggiato investigatori privati ​​con false pretese per seguire il giornalista senza nome a Brooklyn e videoregistrare la famiglia e la casa della vittima come parte di un complotto per far uscire la persona dal paese.

Il procuratore degli Stati Uniti Audrey Strauss per il distretto meridionale di New York ha affermato che i quattro imputati hanno pianificato “di trasferire con la forza la loro vittima designata in Iran, dove il destino della vittima era quanto meno incerto”.

Alinejad, raggiunta telefonicamente martedì dopo l’emissione dell’atto d’accusa, si è detta sotto shock.

Ha detto di aver lavorato con l’FBI da quando l’agenzia l’ha contattata otto mesi fa con le foto scattate dai cospiratori.

“Mi hanno mostrato che la Repubblica islamica si è avvicinata molto”, ha detto.

Critica dell’Iran

Alinejad ha affermato di aver fatto arrabbiare l’Iran annunciando che le donne in Iran stanno protestando contro le leggi che richiedono il velo, così come i resoconti degli iraniani uccisi nelle proteste del 2019

In un comunicato stampa, i pubblici ministeri hanno affermato che l’Iran ha preso di mira il giornalista “per mobilitare l’opinione pubblica in Iran e in tutto il mondo per apportare cambiamenti alle leggi e alle pratiche del regime”.

Alinejad ha detto che gli agenti dell’FBI hanno trasferito lei e suo marito in una serie di case sicure mentre il caso veniva indagato.

Ha detto che si stava ancora riprendendo dalla lettura dell’atto d’accusa.

“Non posso credere di non essere al sicuro nemmeno in America”, ha detto.

Reuters

READ  Un bambino di 10 anni muore salvando la sorellina dall'annegamento in un fiume