Marzo 2, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sunak affronta la reazione dei Tory mentre il saldo migratorio nel Regno Unito raggiunge livelli record | Immigrazione e asilo

Sunak affronta la reazione dei Tory mentre il saldo migratorio nel Regno Unito raggiunge livelli record |  Immigrazione e asilo

Rishi Sunak sta affrontando una reazione negativa da parte dei suoi ministri dopo che i dati hanno rivelato che l’immigrazione legale nel Regno Unito ha raggiunto il massimo storico.

Si ritiene che il ministro dell’immigrazione Robert Jenrick stia spingendo per un piano di immigrazione in cinque punti che includa proposte per impedire agli operatori sociali stranieri di portare persone a carico e limitare il numero totale di visti per il servizio sanitario nazionale e gli operatori sociali.

Si dice che altri ministri del governo chiedano un giro di vite sui visti per i lavoratori stranieri che si trasferiscono nel Regno Unito per lavorare nel servizio sanitario nazionale o nel settore sanitario, mentre il Daily Telegraph afferma che i parlamentari conservatori chiedono un’azione “immediata e di ampio respiro”.

La migrazione netta – la differenza tra le persone che arrivano legalmente nel paese e quelle che emigrano – ha raggiunto il picco di 745.000 nell’anno terminato fino a dicembre 2022, secondo i dati ufficiali pubblicati giovedì, un livello record secondo l’Ufficio per le statistiche nazionali (ONS). I dati indicano che i livelli di immigrazione sono tre volte più alti rispetto a prima della Brexit.

Si dice che il piano di Jenrick includa proposte per eliminare la Shortfall Occupations List, un programma che consentirebbe ai lavoratori stranieri di essere pagati il ​​20% in meno rispetto alla tariffa corrente in ruoli in cui vi è carenza di lavoratori qualificati.

Il Comitato consultivo sull’immigrazione del governo ha già raccomandato di eliminare la lista per il timore che venga utilizzata per portare manodopera straniera a basso costo nel Regno Unito.

Le richieste di limitare il numero di lavoratori stranieri nel servizio sanitario nazionale e nell’assistenza sociale incontreranno probabilmente la resistenza dei funzionari sanitari a causa della cronica carenza di personale nel settore sanitario e assistenziale.

READ  Il linguaggio odioso del governo sui rifugiati afghani mostra che stiamo rivivendo ai tempi di Tampa | David Mar

Il Segretario per il Lavoro e le Pensioni ha affermato che i dati rivisti, che mostrano che la migrazione netta ha raggiunto il picco di 745.000 persone nell’anno fino a dicembre 2022, sono “inaccettabili”.

Parlando a Radio Times, Mel Stride ha dichiarato: “Accettiamo che questi numeri siano molto alti e inaccettabili.

“Ed è esattamente il motivo per cui stiamo ideando nuovi metodi per assicurarci di eliminarli.

“Una delle cose che ritengo davvero importante nel contesto di questa discussione è ciò che sta accadendo nel nostro mercato del lavoro locale, perché gran parte di questa migrazione è stata guidata dalla necessità di manodopera qualificata in determinati settori.”

Stride ha sottolineato le riforme annunciate nella dichiarazione autunnale che, secondo lui, potrebbero aiutare a tornare al lavoro alcuni dei 2,5 milioni di persone che beneficiano di sussidi e che hanno malattie e disabilità a lungo termine. Ha suggerito che questo potrebbe essere un modo per colmare le lacune nel mercato del lavoro del Regno Unito con i lavoratori domestici.

Ufficio per i dati statistici nazionali per l’anno terminato a giugno 2023 mostra una cifra migratoria netta inferiore, pari a 672.000. Sebbene si tratti di un aumento annuo di 65.000 persone, ha portato a ipotizzare che la migrazione netta possa avere una tendenza al ribasso, anche se l’Ufficio per le statistiche nazionali ha affermato che lo era. presto per saperlo.

L’aumento della migrazione netta nell’anno fino a giugno 2023 è stato guidato da un aumento del numero di persone e delle loro famiglie che arrivano per lavoro, in particolare nei ruoli di assistenza sanitaria e sociale.

Nel periodo in questione sono stati rilasciati 322.000 visti lavorativi, rispetto ai 198.000 dell’anno fino a giugno 2022. Quasi due terzi dei visti lavorativi sono andati a cittadini indiani, nigeriani e dello Zimbabwe, suggerendo che i lavoratori extracomunitari stanno sostituendo i lavoratori dell’UE in settori dell’economia in difficoltà, al fine di assumere personale dopo la Brexit.

READ  Gli scienziati scoprono una nuova specie di serpente pigmeo nell'Amazzonia ecuadoriana e gli danno il nome di un attivista indigeno

La deputata conservatrice Suella Braverman, che è stata ministro degli Interni per un anno prima di essere licenziata all’inizio di questo mese, ha dichiarato sui social media: “I numeri record di oggi sono uno schiaffo in faccia al pubblico britannico che ha votato per controllare e limitare l’immigrazione nel paese”. . Ogni opportunità. Dobbiamo agire ora per ridurre la migrazione a livelli sostenibili. La Brexit ci ha dato gli strumenti. “È ora di usarlo.”

James Cleverly, succeduto a Braverman come ministro degli Interni, ha dichiarato al Times: “Questo numero non mostra un aumento significativo rispetto ai numeri dell’anno scorso ed è sostanzialmente in linea con le nostre statistiche sull’immigrazione”.