Dicembre 1, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Suggerimenti per l’Italia per l’impostazione predefinita Post-COVID

I bar, i ristoranti, i cinema e i teatri italiani hanno riaperto parzialmente lunedì come parte di una fase di rilassamento primaverile delle chiuse COVID-19.

“Finalmente!” Lorenzo Campania, un uomo anziano di un paesino vicino Roma, fa colazione a un tavolo all’aperto vicino alla capitale, centralissima Piazza Venezia.

Quattordici delle 20 regioni del paese sono state designate come zone gialle, il che significa che il rischio di COVID-19 è inferiore. Cinque tipi di arancia e uno, Sardegna, rosso.

Nelle Yellow Zones, bar e ristoranti possono servire i clienti all’esterno dopo una sosta totale per circa sei settimane.

Tuttavia, avere un espresso veloce e un garnetto, l’equivalente di un cornetto francese, in piedi sul bancone – un rito mattutino per milioni – sarà ancora vietato per sei settimane.

“Le persone vogliono davvero venire a stare al loro bar per la colazione”, ha detto Loredana Pompey, proprietaria di un bar nel centro di Roma.

Anche i giochi di contatto di gruppo amatoriale all’aperto sono stati nuovamente consentiti. Con la riapertura di piscine e palestre nelle prossime settimane, saranno in vigore rigide regole sociali sulla distanza.

Teatri, cinema, musei e siti del patrimonio culturale sono stati riaperti, sebbene oltre il 50% di questi interni abbia una capacità limitata. Molti avevano anche bisogno di prenotazioni online per controllare il flusso.

A Milano, circa 100 appassionati di cinema si sono messi in fila davanti al cinema di Belgrado alle 6 del mattino, proiettando il film cult del 1993 della regista Nanny Moretti “Caro Dioro” (Caro Diario).

Il Colosseo è stato riaperto per i singoli, ma non per i gruppi di turisti.

“Spero che riapra davvero, non un singhiozzo come la scorsa estate”, ha detto Elizabetta Marci, una visitatrice di Firenze.

READ  Per la prima volta in Italia, a Napoli è stata scoperta una rara variante del virus COVID-19

L’Italia è stato il primo paese occidentale a essere gravemente colpito dal COVID-19 all’inizio del 2020 e le autorità sanitarie hanno esortato le persone a stare più attente, indossare maschere e mantenere le distanze sociali.

“Questa è una nostra responsabilità”, ha detto Elizabeth Bronde, 57 anni, dipendente statale a Roma. “I luoghi sono ora riaperti, il che non significa che tutti siano liberi di fare ciò che vogliono”.

Alcuni ristoranti con sistemazioni all’aperto hanno dichiarato che avrebbero aspettato fino al 1 giugno per riaprire, quando sarebbe stato consentito il cibo al coperto.

“Comprare, cucinare, invitare il personale e preparare tutto da mangiare fuori, e poi non poter entrare quando inizia a piovere”, ha detto Massimiliano Benedetti, 44 anni, di Il Ruscello (The Creek), un ristorante a conduzione familiare nel Borgo umbro di Cecilia.

Nella Zona Gialla, molte scuole, che gestivano un sistema in cui gli studenti alternavano giorni in aula e giorni di apprendimento a distanza per ridurre il numero di siti, hanno permesso a più studenti di tornare.

Come molti, Leandro Paparuzo, uno studente della Isaac Newton’s High School di Roma, era felicissimo di essere tornato a una scrivania, e aveva una passione.

“Spero che questo apprendimento virtuale non sia stato utilizzato dopo COVID. Spero che nasca e muoia in seguito a causa di COVID”, ha detto.

I nostri standard: Principi della Thomson Reuters Foundation.