Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Sudan: decine sugli ultimi voli di evacuazione britannici per lasciare il Paese

Sudan: decine sugli ultimi voli di evacuazione britannici per lasciare il Paese

didascalia foto,

Sono stati evacuati con i soldati durante un volo di evacuazione in Sudan

La BBC ha detto che dozzine di altre persone sono state evacuate su uno degli ultimi voli dal Sudan.

I funzionari britannici che lavorano all’operazione dovrebbero essere a bordo di un altro aereo della RAF che dovrebbe lasciare Port Sudan più tardi mercoledì.

Il ponte aereo – che ha visto più di 2.300 persone soccorse negli ultimi otto giorni – è nelle sue fasi finali.

Tra i soccorsi c’erano britannici, le loro famiglie, il personale del servizio sanitario nazionale sudanese e altre nazionalità ammissibili.

Il Sudan è precipitato nella crisi dopo che sono scoppiati i combattimenti tra fazioni militari rivali per il controllo del terzo paese più grande dell’Africa.

Centinaia di persone sono state uccise, secondo i dati ufficiali, ma si teme che il bilancio effettivo delle vittime sia molto più alto e decine di migliaia sono già state sfollate a causa di una crisi umanitaria sempre più profonda.

Il governo del Regno Unito si è unito ad altri paesi nell’evacuazione dei cittadini dal Sudan dopo che l’aeroporto commerciale ha cessato le operazioni a causa dei combattimenti e le reti di comunicazione sono crollate.

Le prime evacuazioni organizzate dall’esercito britannico sono partite da una vicina pista di atterraggio nella capitale, Khartoum, ma l’operazione è stata spostata nella città portuale orientale di Port Sudan, che è stata meno colpita dai combattimenti.

In precedenza si credeva che l’evacuazione fosse terminata lunedì quando gli aerei hanno lasciato il Sudan diretti a Cipro.

Il ministro degli Esteri James Cleverly ha detto che non ci saranno “ulteriori voli di evacuazione britannici” dalla città.

Nonostante le critiche sul fatto che il governo del Regno Unito sia stato lento nell’avviare la sua evacuazione, il Foreign Office afferma di aver ora supervisionato “l’operazione più lunga e più grande di qualsiasi paese occidentale”.

I diplomatici sono stati anche salvati in una precedente operazione che ha coinvolto forze speciali dopo che sono scoppiati i combattimenti intorno all’ambasciata.

Due navi britanniche sono state inviate a Port Sudan per assistere con qualsiasi futura evacuazione per la risposta umanitaria.