Giugno 14, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Strano segnale decenni fa accenni a oceani nascosti in orbita attorno a Urano: ScienceAlert

Strano segnale decenni fa accenni a oceani nascosti in orbita attorno a Urano: ScienceAlert

Potrebbero esserci degli oceani nascosti in agguato attorno a Urano.

Nuove prove indicano che uno o due giganti gassosi 27 lune conosciute Può ospitare oceani liquidi sotto la sua superficie esterna crostale di roccia e ghiaccio. Possibili colpevoli di aver seminato lo spazio attorno a Urano con il plasma sono Miranda e Ariel, uno o entrambi i quali potrebbero esplodere con pennacchi oceanici.

I dati, che provengono dalla missione Voyager 2 che ha sorvolato il pianeta mentre si dirigeva nello spazio quasi 40 anni fa – l’unico veicolo spaziale ad averlo mai fatto – rappresentano un ottimo motivo per inviare un’altra sonda su Urano.

“Abbiamo dimostrato questo caso per alcuni anni che le misurazioni delle particelle energetiche e del campo elettromagnetico sono importanti non solo per comprendere l’ambiente spaziale, ma anche per contribuire a più ampie indagini scientifiche planetarie”, Lui dice L’astronomo Ian Cohen del Johns Hopkins Applied Physics Laboratory.

“Si scopre che questo può essere il caso di dati più vecchi di me. Ciò dimostra quanto sia importante entrare in un sistema ed esplorarlo in prima persona”.

Cohen e il suo team hanno presentato le loro scoperte il 16 marzo sulla rivista Cinquantaquattresimo Congresso di Scienze Lunari e PlanetarieUn articolo che lo descrive è stato accettato per la pubblicazione in Lettere di ricerca geofisica.

Quando la Voyager 2 fece il suo sorvolo di Urano nel 1986, lo fu Strumento a particelle cariche a bassa energia Raccogli qualcosa di strano: particelle cariche che sembra intrappolato aree specifiche della magnetosfera di Urano. Avrebbero dovuto allargarsi, ma rimasero confinati all’equatore, vicino alle orbite di Miranda e Ariel.

puntuale, Gli scienziati credono Che lo strano profilo fosse indicativo dell’iniezione di elettroni energetici da una sorgente come a Tempesta nel campo magnetico di Urano. Ma dopo aver dato un’occhiata più da vicino, Cohen e i suoi colleghi hanno scoperto che gli elettroni non mostravano le proprietà attese dalla sub-iniezione.

READ  Il telescopio spaziale James Webb della NASA rivela un terrificante vortice viola nel nostro universo

Questo ha aperto un enorme barattolo di vermi, perché gli scienziati ora sono tornati al punto di partenza, cercando di capire da dove provenissero gli elettroni. Di particolare interesse, dicevano, era l’angolo di inclinazione degli elettroni: l’angolo del vettore velocità rispetto al campo magnetico.

Per mantenere l’angolo di beccheggio osservato dalla Voyager 2, sarebbe necessaria una fonte costante di elettroni, abbastanza significativa da superare la dispersione e le perdite che si verificherebbero a causa delle onde del plasma nella magnetosfera dei pianeti.

Illustrazione di Urano e delle sue cinque lune più grandi dalla più interna alla più esterna: Miranda, Ariel, Umbriel, Titania e Oberon. (NASA/Johns Hopkins APL/Mike Yakovlev)

Senza una sorgente di questo tipo, nel posto giusto e con l’angolo giusto, la distribuzione dell’angolo di beccheggio degli elettroni diventerebbe uniforme nel giro di poche ore.

Scavando più a fondo nei dati di Voyager 2, il team ha cercato proprio una tale fonte. La loro modellazione ha mostrato un massimo chiaro e innegabile nello spazio tra Miranda e Ariel, suggerendo una fonte di ioni energetici in quella regione.

Per quanto riguarda ciò che potrebbe generare questi ioni… Bene, nei 37 anni trascorsi da quando Voyager 2 ha visitato Urano, gli scienziati hanno fatto dei progressi in questo senso. La Voyager 2 fece una scoperta simile nello spazio attorno a Saturno, scoprendo molti anni dopo nei dati di Cassini che i geyser ghiacciati venivano generati su quella che ora sappiamo essere una luna oceanica, Encelado. Un’altra scoperta simile ci ha portato alla luna di Giove, Europa.

“Non è raro che le misurazioni di particelle energetiche siano rivoluzionarie per la scoperta del mondo oceanico”, dice Cohen.

Per quanto riguarda una delle lune – Miranda, la più piccola delle cinque grandi lune di Urano, o Ariel, la più luminosa – a questo punto è una specie di 50-50. Potrebbe essere sia. o entrambi. Entrambe le lune mostrano segni di un’emergenza geologica relativamente recente, che potrebbe essere coerente con l’eruzione di materiale liquido dall’interno.

READ  La rabbia è stata confermata nei gatti selvatici trovati a North Conway, nel New Hampshire

Ma, finora, abbiamo solo un set di dati. Gli scienziati planetari chiedono sempre più una missione dedicata a Urano, possibilmente con Nettuno. Il pianeta ha così tante strane stranezze che saperne di più non può che essere un’esperienza davvero eccitante e gratificante.

La prospettiva di lune umide è solo la ciliegina sulla torta puzzolente.

“I dati sono coerenti con il potenziale molto eccitante di una luna oceanica attiva là fuori”, dice Cohen. “Possiamo sempre eseguire modelli più estesi, ma fino a quando non avremo nuovi dati, il risultato sarà sempre limitato”.

La ricerca è stata presentata in Cinquantaquattresimo Congresso di Scienze Lunari e PlanetarieEd esso era accettato per la pubblicazione In Lettere di ricerca geofisica.