Dicembre 9, 2021

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Steven Gerrard: chi potrebbe sostituirlo come manager dei Rangers all’Ibrox? | notizie di calcio

I Rangers cercano un nuovo allenatore dopo il trasferimento di Steven Gerrard all’Aston Villa, ma chi potrebbe sostituirlo all’Ibrox?

Chi prenderà il timone della Premier League scozzese avrà un inizio difficile all’Ibrox, con una semifinale di Coppa di Lega contro l’Hibernian, una partita di Europa League con lo Slavia Praga e diverse partite difficili all’orizzonte.

Con il calcio della Champions League in attesa dei vincitori della Premier League scozzese – che attualmente guidano i Rangers di quattro punti, davanti ai rivali del Celtic – la posta in gioco non potrebbe essere più alta per il prossimo allenatore.

Qui, diamo uno sguardo ad alcuni dei potenziali candidati che sono stati incanalati per assumere il controllo dei Rangers…

Giovanni van Bronckhorst

L’ex star di Ibrox è uno dei primi favoriti con allibratori e fan che sostituiscono Gerrard.

Van Bronckhorst ha giocato per i Rangers tra il 1998 e il 2001, vincendo cinque titoli, tra cui due scudetti, prima di giocare per alcuni club d’élite in Europa come l’Arsenal e il Barcellona.

Dopo essere stato sospeso con il Feyenoord nel 2010, il 46enne si è unito al gruppo di allenatori di Ronald Koeman al club olandese, prima di assumere il pieno controllo nel 2015.

Ha guidato il Feyenoord al successo della Coppa KNVB nella sua prima stagione completa, prima di conquistare il titolo Eredivisie l’anno successivo, il primo per il club in 18 anni.

Van Bronckhorst ha continuato a unirsi al club della Super League cinese Guangzhou City, dove ha lasciato dopo aver terminato l’11° posto, per tornare alla sua famiglia.

Resta inteso che dopo un po’ di assenza dai giochi, ora è desideroso di tornare alla gestione.

Derek McInnes

Un altro centrocampista dei Rangers che occupa un ottimo posto tra i bookmaker, ma dopo aver rifiutato la prima posizione a Ibrox nel 2017, potrebbe non essere molto popolare tra i suoi sostenitori.

McCains non lavora da quando ha lasciato l’Aberdeen la scorsa stagione, dopo otto anni al Petodor dove ha vinto un trofeo.

Nonostante alcune critiche da parte dei credenti di Don sul suo stile di gioco, non c’è dubbio che conosca e capisca i Rangers.

Dopo più di 50 partite per il club di Govan, oltre a innumerevoli partite contro i leader della Premier League, i McCain capiranno la portata del lavoro all’Ibrox.

READ  Quando Hibs è andato in Brasile per giocare il primo Mondiale per club كأسكأس

Con giocatori del passato come Charlie Adam che chiamano il cinquantenne per il lavoro, solo il tempo dirà se i Rangers glielo offriranno di nuovo.

John Terry

L’ex capitano dell’Inghilterra e del Chelsea è senza lavoro da quando ha lasciato il Villa a luglio.

Terry ha lavorato come assistente allenatore per Dean Smith per tre anni, aiutando Villa a vincere il torneo a maggio 2019 quando il club ha concluso la sua assenza di tre anni dalla Premier League.

All’epoca, Terry – che doveva diventare un manager a pieno titolo – disse che voleva trascorrere del tempo con la sua famiglia.

La sua mancanza di esperienza come numero uno non è diversa da Gerrard prima del suo arrivo e Sky Sport Notizie Sai che sarà aperto alle opportunità.

Tuttavia, resta da vedere se i Rangers sceglieranno una nuova designazione di partenza in un punto cruciale della stagione.

Alex Neal

I Rangers potrebbero essere attratti da un altro uomo che è attualmente disoccupato?

Neil ha esperienza nella prima divisione scozzese dopo 10 anni da giocatore e poi allenatore dell’FC Hamilton.

L’ex centrocampista ha promosso gli Accies in Premier League e li ha portati al terzo posto, prima di partire per il Norwich City.

Neil ha guidato le Isole Canarie in Premier League attraverso le partite di spareggio nel 2015, ma ha subito la retrocessione dopo una stagione ed è stato licenziato dopo 27 mesi al club.

Preston è arrivato, vedendo Neil finire settimo in campionato alla fine della sua prima stagione in carica, ma è stato bello come lo era prima che lasciasse Dipdel nel marzo di quest’anno.

Frank Lampard

Norwich è in trattative con l’ex compagno di squadra inglese di Gerrard, ma la tentazione di Ibrox potrebbe influenzare Lampard a nord del confine?

L’ex tecnico del Chelsea non ha un lavoro da quando è stato licenziato dai Blues nel gennaio 2021 dopo una serie di scarsi risultati.

Dopo aver speso più di 200 milioni di sterline in estate, Lampard ha lasciato il Chelsea a metà classifica e si diceva fosse “frustrato” per non avere abbastanza tempo per spingere in avanti il ​​club, un lusso che non sarà offerto nemmeno ai Rangers.

READ  Elenco di tutte le razze, tutti i gruppi in competizione

Tuttavia, ciò che il capocannoniere di tutti i tempi del Chelsea ha ottenuto nella sua prima stagione – la finale di FA Cup e la qualificazione alla Champions League – non può essere dimenticato, il tutto dando ruoli da prima squadra a un certo numero di diplomati dell’Accademia.

Dean Smith

Sarebbe una storia interessante se Smith sostituisse Gerrard a Ibrox.

La leggenda dei Rangers Ali McCoist ha identificato l’ex boss del Villa come l’allenatore che avrebbe scelto per guidare il club.

Smith potrebbe essere stato esonerato dopo una serie di cinque sconfitte consecutive in campionato che hanno lasciato Villa 16th in Premier League, ma non dobbiamo dimenticare ciò che ha ottenuto prima della sua eliminazione.

Smith ha preso la guida del Brentford nel 2015 e ha trasformato la squadra in un attraente stile di calcio di passaggio, qualcosa che avrebbe attratto i tifosi dei Rangers.

Smith è stato poi nominato da Villa nell’ottobre 2018, con il club 14esimo nel torneo – ha accelerato alcuni mesi e li ha guidati alla promozione in quella stagione tramite i playoff.

Nell’ultimo giorno della campagna 2020, Smith ha mantenuto il club in Prima Divisione, prima di portarlo all’11° posto la scorsa stagione.

Smith, che ha portato il Villa anche alla finale di Coppa Carabao l’anno scorso, crede che sarebbe finito tra i primi 10 in questa stagione se avesse avuto tempo.

Resta da vedere se avrà fame per tornare presto nella tana e dimostrare che gli scettici si sbagliavano.

Kjetil Knutsen

Forse un nome sconosciuto: l’allenatore norvegese fa notizia a Bodo Glimt.

Knutsen ha assunto l’incarico di allenatore nel 2018 dopo un breve periodo come assistente, trasformando il club da evasore della retrocessione a campione.

Hanno vinto il loro primo titolo per club la scorsa stagione e hanno battuto diversi record, battendo di recente la Roma di Jose Mourinho nella European Conference League.

La sua squadra ora compete con artisti del calibro di Moldy e Rosenberg, nonostante un budget molto più piccolo.

Probabilmente anche i tifosi acquisteranno il suo stile, con una forte enfasi sul calcio basato sul possesso palla, sul pressing alto e sul familiare 4-3-3.

READ  L'Inter domina il giovane attaccante italiano sotto la supervisione della Juventus - Juvefc.com

Knutsen, 53 anni, è noto anche per il suo approccio calmo e metodico, qualcosa che può tornare utile a Glasgow.

Gennaro Gattuso

La parola “calmo” potrebbe non venire in mente per questo ex giocatore dei Rangers, che si è costruito una reputazione davanti a sé.

Tuttavia, questa passione può entusiasmare i fan dei Rangers, che lo apprezzano molto.

Gattuso ha trascorso un anno all’Ibrox prima di 13 stagioni piene di coppe al Milan, vincendo 10 titoli, tra cui la Champions League.

Il suo tempo da allenatore non è stato fruttuoso, poiché è apparso un solo titolo di Coppa Italia, dopo aver lavorato in sei diversi club.

Si pensava fosse al lavoro per gli Spurs e da poco è passato anche alla Fiorentina, solo perché il trasferimento fallisce dopo poche settimane.

Gattuso tiene ancora in grande considerazione il suo periodo a Glasgow, ma opterà per il club italiano Ibrox, una mossa che molti potrebbero considerare un’opzione rischiosa?

Callum Davidson

Per molti versi, Davidson è stata la scelta alternativa di Gerrard per il premio Coach of the Year della scorsa stagione.

Davidson ha assunto la sua posizione al St Johnston la scorsa estate e ha assunto il compito di seguire le orme della leggenda del club Tommy Wright.

L’ex terzino dei Saints è stato migliore della semplice stabilità della nave: ha guidato il club alla sua migliore stagione di sempre, vincendo la Coppa di Lega e la Coppa di Scozia, oltre al quinto posto nella Premier League scozzese.

Ci sono state segnalazioni secondo cui era un obiettivo di diversi club della Premier League, ma invece Davidson ha firmato un nuovo accordo al McDiarmid Park a settembre.

La sua squadra – che opera con un budget ridotto rispetto a molti giocatori – ha impressionato anche nelle qualificazioni europee, spingendo Galatasaray e LASK a chiudere.

Alcuni sostenitori potrebbero ritenere che non abbia la stessa influenza dei nomi di cui sopra – tuttavia, non ci sono dubbi sulla sua capacità.

I Rangers potrebbero ora prendere il posto di un uomo considerato da molti uno dei migliori potenziali giocatori nella gestione?