Agosto 18, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Steve Bannon, un ex consigliere di Trump, definisce l’indagine del 6 gennaio un “processo farsa” mentre inizia la selezione della giuria

Steve Bannon, il principale consigliere dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha criticato l’indagine di un comitato del Congresso sulle rivolte del Campidoglio, definendolo un “processo farsa”.

I suoi commenti sono arrivati ​​mentre gli avvocati hanno lavorato attraverso una lunga udienza in tribunale per selezionare una giuria per processarlo.

Bannon sta affrontando il disprezzo criminale per le accuse del Congresso dopo aver rifiutato per mesi di collaborare con un comitato della Camera che indagava sull’ammutinamento del Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio 2021.

Il signor Bannon è accusato dalla corte federale di Washington di aver sfidato una citazione del pannello del 6 gennaio che ha richiesto i suoi atti e la sua testimonianza.

È stato incriminato per due accuse di oltraggio al Congresso a novembre, un mese dopo che il Dipartimento di Giustizia era stato deferito al Congresso.

Ogni conteggio comporta un minimo di 30 giorni di carcere e fino a un anno dietro le sbarre.

L’udienza di lunedì davanti al giudice distrettuale degli Stati Uniti Carl Nichols si è concentrata interamente sulla selezione della giuria in un processo lento noto come Foer Dyer.

Alla fine della giornata, erano stati identificati 22 potenziali giurati.

Il processo riprenderà martedì mattina quando gli avvocati di Bannon e il governo restringono l’elenco a 14, componendo 12 giurati e due giurati.

Videochiamata Bannon
La scorsa settimana, l’ex stratega della Casa Bianca ha notificato alla commissione che ora era pronto a testimoniare.(AFP: Sarah Seilbiger)

Gran parte dell’interrogatorio dei potenziali giurati da parte dell’avvocato di Bannon, Evan Corcoran, si è concentrato su quanto delle udienze del 6 gennaio hanno assistito e se avevano opinioni sulla commissione e sul suo lavoro.

In un caso, un potenziale giurato ha detto con enfasi al giudice distrettuale degli Stati Uniti Carl Nichols che rimanere imparziale sarebbe stata una “sfida” per lui.

Questa ammissione, così come l’esclusione di un potenziale giurato, ha portato all’interrogatorio di altri che sedevano accanto all’uomo per determinare fino a che punto le sue opinioni fossero ampiamente condivise.

Quando il signor Bannon è uscito dal tribunale, si è rivolto ai giornalisti criticando le udienze della commissione del 6 gennaio come “sciocchezze”.

“Non è altro che un processo farsa”, ha detto.

È tempo che comincino a convincere altri testimoni a testimoniare oltre a quelli che hanno dato”.

Bannon non può più utilizzare il privilegio esecutivo come difesa

Il processo segue una raffica di attività nel caso dal 9 luglio.

Più di una settimana fa, l’ex stratega della Casa Bianca ha notificato al comitato di essere pronto a testimoniare.

Il suo ex avvocato, Robert Costello, ha affermato che il cambiamento è avvenuto perché Trump ha rinunciato al suo diritto al privilegio esecutivo per impedire la testimonianza.

Bannon, 68 anni, è stato uno dei più importanti alleati di Trump nel rifiutarsi di testimoniare davanti al comitato.

Ha affermato che la sua testimonianza è stata protetta dalla pretesa del signor Trump di privilegio esecutivo, che consente ai presidenti di nascondere informazioni riservate ai tribunali e al ramo esecutivo.

Trump ha ripetutamente affermato che prerogativa esecutiva – nonostante sia un ex presidente piuttosto che un attuale presidente – per cercare di bloccare le testimonianze e rilasciare i documenti della Casa Bianca.

La Corte Suprema si è pronunciata a gennaio contro gli sforzi del signor Trump per impedire agli Archivi Nazionali di collaborare con il comitato dopo che il giudice della corte inferiore – Ketanji Brown Jackson, ora alla Corte Suprema – ha osservato: “I presidenti non sono re”.

Fuori dal Campidoglio degli Stati Uniti durante gli attacchi del 6 gennaio
La Commissione si aspetta che Steve Bannon sia a conoscenza degli eventi previsti per il 6 gennaio prima che si verifichino. (Tyler Mirbler)

La giuria ha anche notato che il signor Trump ha licenziato il signor Bannon dalla Casa Bianca nel 2017, e quindi il signor Bannon era un privato cittadino quando si stava consultando con il presidente prima delle rivolte.

Il giudice Nichols ha negato le richieste di ritardare il processo per oltraggio in udienze separate la scorsa settimana, anche giovedì, quando gli avvocati del signor Bannon hanno espresso preoccupazione per un rapporto della CNN trasmesso in seguito sul loro cliente e quelli che hanno affermato essere commenti offensivi fatti durante l’udienza della settimana. il Comitato della Camera.

“Sono consapevole delle attuali preoccupazioni sulla pubblicità e sui pregiudizi e se possiamo nominare una giuria che sarà appropriata ed equa, ma, come ho detto prima, penso che la linea d’azione appropriata sia quella di passare attraverso l’orribile processo Foer”, Il giudice Nichols ha detto giovedì.

Il giudice ha detto che intendeva ottenere una giuria che fosse “appropriata, equa e imparziale”.

READ  La Corea del Nord non ha segnalato nuovi casi di febbre tra i dubbi sui dati COVID-19