Maggio 24, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stesso lavoro ma retribuzione molto più bassa per le donne. Benvenuti nel tennis nel 2023.

Stesso lavoro ma retribuzione molto più bassa per le donne.  Benvenuti nel tennis nel 2023.

I migliori tennisti del mondo scendono a Roma questa settimana, dove uomini e donne giocheranno nello stesso formato al meglio dei tre, sugli stessi campi e nello stesso torneo, che vende un biglietto allo stesso prezzo per entrambi. Partite maschili e partite femminili.

Tuttavia, c'è una grande differenza tra le due competizioni: gli uomini competeranno per 8,5 milioni di dollari mentre le donne competeranno per 3,9 milioni di dollari.

Questa enorme discrepanza nei salari arriva dopo due mesi di tennis che includevano tre tornei altrettanto importanti in California, Florida e Madrid in cui uomini e donne hanno gareggiato per lo stesso importo di montepremi. Uomini e donne guadagnano la stessa retribuzione anche nei quattro tornei del Grande Slam, con gli uomini che giocano al meglio di cinque set e le donne che giocano al meglio di tre set.

Ma non a Roma agli Open d'Italia. E non ancora nella periferia di Cincinnati al Western & Southern Open. O in Canada, al National Bank Open, dove ogni anno uomini e donne si alternano tra Toronto e Montreal.

Angelo Benaghi, amministratore delegato della Federazione Italiana Tennis, ha recentemente annunciato che l'Open d'Italia si impegna a raggiungere la parità salariale entro il 2025 “per allinearlo agli altri grandi eventi del circuito”, anche se il format ampliato porterà in questo periodo ulteriori fondi. anno. . Per le prossime due edizioni del torneo, le donne dovranno fare lo stesso lavoro per una paga molto inferiore, facendole sentire come se non fossero altrettanto brave.

“Non so perché adesso non c'è parità”, ha detto Paula Badosa, una 25enne spagnola, tra i leader dell'organizzazione di giocatori emergenti, l'ATP Association. “Non ci informano. Dicono che questo è quello che ottieni e devi giocare”.

Un portavoce della Federazione Italiana non ha reso disponibile Binagi per un'intervista.

“È davvero frustrante”, ha detto Ons Jabeur, che ha raggiunto due finali del Grande Slam l'anno scorso ed è quarta testa di serie a Roma, durante un'intervista martedì. “È ora di cambiare. È ora che il torneo migliori.”

Steve Simon, presidente e amministratore delegato del WTA Tour, che organizza il torneo femminile per conto dei proprietari del torneo e delle giocatrici, ha affermato che i premi in denaro disparati riflettono un mercato che valorizza lo sport maschile più di quello femminile, soprattutto in termini di sponsorizzazioni. E i diritti dei media. Ha detto che l’organizzazione sta lavorando a una soluzione che cercherà di raggiungere la parità di retribuzione in tutti i principali eventi di tennis nei prossimi anni.

READ  La Juventus trova un accordo con l'Italia sugli stipendi dei giocatori

“C'è ancora molta strada da fare, ma stiamo vedendo progressi”, ha detto Simon in un'intervista lunedì.

Le spiegazioni e le colpe per la continua e grave sottorappresentanza delle donne nel tennis includono uno sciovinismo radicato, scarsi accordi con i proprietari dei tornei e la natura del business sportivo “mangia ciò che uccidi”, con proprietari, funzionari e organizzatori che spesso mettono il dare la colpa agli atleti (piuttosto che alla loro inefficienza) per non aver generato entrate sufficienti. Quindi usano questo come scusa per non investire nello sport e mantenere bassi gli stipendi e i premi in denaro degli atleti.

Nel tennis, le donne spesso ottengono un secondo posto nei tornei misti: programmi indesiderati su campi più piccoli e talvolta anche in hotel più piccoli. A Madrid la settimana scorsa, le partecipanti alla finale del doppio femminile non hanno avuto la possibilità di parlare durante la cerimonia di premiazione. Gli uomini lo hanno fatto.

Gli organizzatori spesso dicono alle donne che a loro manca il potere da star che hanno gli uomini. All'Open di Francia dello scorso anno, la direttrice del torneo ed ex numero 1 del mondo del singolare Amelie Mauresmo ha programmato solo una partita femminile per la fascia notturna speciale rispetto alle nove per gli uomini, poi ha spiegato che il gioco maschile aveva “più fascino”. Il fascino del gioco femminile. In seguito si è scusataMa quando il secondo disegno di legge renderà più difficile per le donne raggiungere la celebrità, questa profezia che si autoavvera può portare a una riduzione delle retribuzioni.

A marzo ha ingaggiato il canadese Denis Shapovalov, attualmente al 27° posto articolo Nella Tribuna dei Giocatori critica i leader dello sport per non essersi uniti.

“Penso che alcune persone potrebbero considerare l’uguaglianza di genere semplicemente come correttezza politica”, ha scritto Shapovalov, la cui madre lo allena e la cui fidanzata svedese Miriam Björklund gioca nel tour femminile. “In fondo, non credono che le donne meritino altrettanto.”

La WTA ha commesso alcuni errori non forzati. Nei tornei misti più importanti la partecipazione è obbligatoria sia per le donne che per gli uomini. La WTA richiede la partecipazione a tornei che si tengono solo a Indian Wells, California; Giardini di Miami, Florida; Madrid; E Pechino, ma non a Roma, in Canada o in Ohio, anche se questi eventi sono subito dietro agli eventi del Grande Slam in termini di importanza. La WTA assegna anche punti in classifica leggermente inferiori rispetto al tour maschile di Roma, Canada e Ohio, con la campionessa femminile che riceve 900 punti rispetto ai 1.000 punti degli uomini.

READ  Fiore Depolito 1928-2021 | Notizie, sport, lavoro

Queste piccole differenze hanno dato ai funzionari del torneo una scusa per pagare le donne molto meno, anche se quasi tutte le migliori donne giocano a eventi opzionali importanti, a meno che non siano infortunate. Tuttavia, gli organizzatori affermano che senza la partecipazione obbligatoria non saranno in grado di commercializzare il torneo in modo efficace, quindi gli sponsor locali e le società di media non pagheranno altrettanto.

Marc-Antoine Varley, portavoce della Tennis Association of Canada, ha sottolineato questa differenza quando gli è stato recentemente chiesto perché il National Bank Open ha donato agli uomini 5,9 milioni di dollari l'anno scorso, rispetto ai 2,53 milioni di dollari per le donne. Nonostante questa differenza, ha affermato Farley, “l’uguaglianza di genere è molto importante per la nostra organizzazione”. Ha sottolineato il piano recentemente pubblicato da Tennis Canada per raggiungere la parità di genere a tutti i livelli nei prossimi cinque anni e offrire un premio in denaro uguale al National Bank Open entro il 2027. “Nei prossimi anni, Tennis Canada intende essere una voce leader. Con la WTA su un piano di sviluppo per colmare il gap finanziario tra WTA e ATP.

Come la maggior parte degli aspetti del tennis, la formula del premio in denaro richiede un'interpretazione piuttosto complessa. I proprietari del torneo garantiscono una parte delle entrate dei biglietti, dei diritti dei media locali e delle vendite di sponsorizzazioni in cambio del premio in denaro. I tour contribuiscono con una parte del denaro derivante dai diritti mediatici e dagli accordi di sponsorizzazione, nonché dalle tariffe che i proprietari dei tornei pagano ai tour per ottenere le licenze degli eventi. Simon ha detto che la WTA porta molto meno denaro rispetto al circuito maschile, l'ATP Tour, il che significa che ha molti meno soldi per contribuire al montepremi.

Tuttavia, se per i proprietari dei tornei è importante un premio in denaro uguale, questi possono scegliere di pagarlo. Questo è ciò che il BNP Paribas Open di Indian Wells, di proprietà del miliardario dell'informatica Larry Ellison, ha accettato di fare da oltre un decennio in base al suo contratto con la WTA.

“Il torneo considera l'evento come un unico prodotto”, ha detto il portavoce del torneo Matt Van Tuinen. “Pagarli equamente è la cosa giusta da fare.”

READ  L'ex presidente del Consiglio Berlusconi è ricoverato in ospedale | Madison.com Salute, sport, salute e fitness

Lo stesso vale per IMG, il gruppo sportivo e di intrattenimento proprietario del Miami Open e del Madrid Open. Entrambi pagano equamente.

Oltre alle federazioni tennistica italiana e canadese, anche la United States Tennis Association, da tempo orgogliosa della propria leadership in materia di parità retributiva, non ha assegnato lo stesso premio in denaro al Western & Southern Open, la preparazione principale agli US Open. L'anno scorso, gli uomini di Mason, Ohio, hanno gareggiato per 6,28 milioni di dollari. Le donne hanno gareggiato per $ 2,53 milioni. Gli US Open sono diventati il ​​primo torneo del Grande Slam ad offrire lo stesso montepremi in denaro, nel 1973, e quest'estate celebreranno il cinquantesimo anniversario dell'evento in grande stile. La NFL gestisce il campionato dell'area di Cincinnati da più di un decennio.

Chris Widmaier, portavoce dell'organizzazione, ha affermato che il premio in denaro è “determinato dal livello proporzionato della competizione determinato da ogni round”.

In altre parole, dal momento che i Western & Southern Championships non erano un evento WTA obbligatorio e le donne gareggiavano per il 10% in meno di punti in classifica, era giustificato pagare quasi 40 centesimi per ogni dollaro guadagnato dagli uomini.

La Federazione calcistica statunitense ha annunciato l'estate scorsa che avrebbe venduto il torneo a Ben Navarro, un finanziere della Carolina del Sud e appassionato di tennis. Attraverso il suo portavoce ha rifiutato di essere intervistato per questo articolo.

L'aiuto potrebbe essere in arrivo.

All’inizio di quest’anno, CVC Capital Partners, una società di private equity, ha acquistato il 20% del marchio WTA per 150 milioni di dollari. Questo investimento, che verrà utilizzato per migliorare gli sforzi di vendita e marketing, insieme a un piano strategico in fase di finalizzazione che eliminerà le discrepanze tra le competizioni maschili e femminili negli eventi misti, dovrebbe aiutare la WTA ad aumentare i propri ricavi. Ciò consentirà al tour di contribuire maggiormente al premio in denaro e, si spera, gli organizzatori del torneo si impegneranno a pagare le royalties nei prossimi anni.

Il piano richiede un po' di pazienza, che comincia a scarseggiare tra i giocatori.

“Non vedo alcun motivo per cui dovremmo aspettare”, ha detto Jaber.