Maggio 19, 2022

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stefano Domenicali, CEO di Formula 1, ha affermato che la polemica ad Abu Dhabi non ha minato la fiducia dei tifosi

L’amministratore delegato della Formula 1 Stefano Domenicali ha affermato che la controversa conclusione dello scorso anno del Gran Premio di Abu Dhabi non ha minato la fiducia dei fan di questo sport mentre si prepara ad iniziare una nuova era nell’apertura della stagione in Bahrain.

Max Verstappen ha strappato il suo primo titolo al finale della stagione di Yas Marina dopo che il direttore di gara Michael Masi ha cambiato le procedure di auto sicura per spostare fuori strada solo le vetture slick tra l’olandese e il principale rivale della Mercedes Lewis Hamilton.

Ciò ha permesso alla Red Bull di Verstappen, con pneumatici più nuovi, di superare Hamilton alla vittoria, lasciando al britannico la sensazione di un ottavo titolo mondiale rubato in un modo senza precedenti e scatenando una reazione da parte della folla.

“Penso che, ad essere onesti, la fiducia sia già lì”, ha detto Domenicali all’analista di Sky Sports di Formula 1 ed ex pilota Martin Brandel sul circuito di Sakhir del Bahrain.

“La scorsa settimana abbiamo avuto un incontro con tutti i promotori, tutte le emittenti e tutti i partner.

“Quasi tutti i posti in cui andiamo sono sold out. Ciò significa che la Formula 1 non ha questo problema”, ha aggiunto l’italiano.

L’organo di governo della Formula 1, la FIA, ha sostituito Massey con i nuovi direttori di gara Nils Wittich ed Eduardo Freitas, che ruoteranno in questo ruolo.

Herbie Blush, campione FIA, tornerà come primo consigliere permanente.

Il consiglio di amministrazione ha anche modificato la formulazione delle regole di sicurezza dei veicoli a motore e sta creando una sala di controllo virtuale fuori pista, ispirata alla tecnologia VAR del calcio, per assistere i dirigenti di gara.

READ  Gianni Infantino incontra i giocatori della Premier League sui cambiamenti di calendario

Domenicali, l’ex team principal della Ferrari, ha affermato che è importante creare un’infrastruttura a supporto dei direttori di gara ma che le decisioni non dovrebbero essere prese dalla commissione.

“La direzione di gara deve essere un’entità organizzata nel modo giusto. Ma il direttore di gara è qualcuno che deve prendere la decisione giusta”, ha detto.

“E può prendere la decisione giusta se è ben supportato, se ha tutti gli strumenti a sua disposizione per esprimere quel giudizio”.

Ha detto che la decisione se pubblicare il rapporto sull’indagine di Abu Dhabi, che dovrebbe essere presentato sabato al World Motorsport Council della FIA, spetta all’autorità.

“Questo è l’obiettivo… fare un passo avanti… andare avanti da Abu Dhabi”, ha detto.