Aprile 21, 2024

Conca Ternana Oggi

Ultime notizie e rapporti economici sull'Italia.

Stato di emergenza esteso mentre le comunità neozelandesi si riprendono

Stato di emergenza esteso mentre le comunità neozelandesi si riprendono
Una donna australiana appena tornata dalla Nuova Zelanda ha descritto scene “orribili” in alcune parti dell’Isola del Nord a cui è stata esposta. L’uragano Gabriele.

Stella Mountain, di Sydney, si trovava nella zona di Hawke’s Bay nell’Isola del Nord per aiutare il suo amico kiwi e i suoi parenti a riprendersi dal disastro dopo che il ciclone ha colpito quasi tre settimane fa.

L’uragano Gabriel ha provocato la morte di almeno 11 persone in tutta la Nuova Zelanda e ha distrutto o danneggiato case, aziende, fattorie e infrastrutture, compresi chilometri di strade.

I residenti di Napier, in Nuova Zelanda, continuano a riprendersi dopo il disastro dell’uragano Gabriel. (Keri Marshall/Getty Images)
Le mele sono sparse su una strada a Hawke’s Bay, in Nuova Zelanda, dopo che l’uragano Gabriel ha colpito. Il disastro è avvenuto alla vigilia della raccolta delle mele e dell’uva. (Foto di Keri Marshall/Getty Images) (GT)

La Nuova Zelanda questa settimana ha esteso la sua emergenza nazionale per altri sette giorni per le regioni di Tyrahohiti e Hawke’s Bay.

Mount ha filmato scene del danno mentre guidava per la città costiera di Napier a Hawke’s Bay.

I filmati mostravano auto ribaltate, case distrutte e grandi alberi sradicati.

“Mi sentivo come se stessi guidando in una zona di guerra, erano scene orribili”, ha detto a 9News.com.au.

La regione deve affrontare una lunga strada per la ripresa, ha detto Mountain, e alla vigilia della raccolta delle mele e dell’uva, un duro colpo è stato colpito da agricoltori e cantine.

“I vigneti e i frutteti erano coperti di fango e dovevano essere rimossi a mano”, ha detto.

Le autorità neozelandesi hanno avviato nelle scorse settimane una massiccia operazione di recupero con l’obiettivo di ricostruire le infrastrutture critiche e ripristinare i servizi di base.

Le squadre di soccorso nella baia di Hawke in Nuova Zelanda continuano a ripulire le strade dai detriti dell’uragano Gabriel. (Foto dell’Agenzia dei trasporti della Nuova Zelanda) (fornitore/facebook)
La Defense Force Hercules è atterrata all'aeroporto di Hook Bay a Napier, portando più rifornimenti mentre il personale e i volontari continuano a lavorare per rimuovere i detriti dall'uragano Gabriel in tutta la regione.
Una nuova forza di difesa dello Zealan è atterrata all’aeroporto di Hawke’s Bay a Napier, portando più rifornimenti mentre il personale e i volontari continuano a lavorare per rimuovere i detriti dall’uragano Gabriel in tutta la regione. (Crystal Yardley/personale)

Il ministro neozelandese per la gestione delle emergenze Kieran McNulty ha affermato che migliaia di residenti sono ancora colpiti dal disastro.

“Nelle aree di Tairāwhiti e Hawke’s Bay, migliaia di persone non sono ancora in grado di tornare alle proprie case a causa dei danni causati dalle inondazioni”.

Il disastro dell’uragano Gabriel è la terza emergenza nazionale dopo il terremoto di Christchurch del 2011 e la pandemia di COVID-19 nel 2020,

Un video mostra quanto velocemente le acque alluvionali possono aumentare in Nuova Zelanda

Registrati qui Per ricevere le nostre newsletter quotidiane e gli avvisi sulle ultime notizie, inviati direttamente nella tua casella di posta.